• AP Photo / Tony Guterriez

Blue Origin porta i suoi primi passeggeri nello spazio

L’approccio al volo spaziale dell’azienda appare molto diverso da quello di Virgin Galactic.

di Tatyana Woodall 21-07-21
Il fondatore di Blue Origin Jeff Bezos e altri tre civili hanno visto il cielo  passare dal blu al nero mentre il sistema di capsula e razzo riutilizzabile  New Shepard ha superato la linea di Kármán, il confine tra l'atmosfera terrestre e lo spazio.  Intorno alle 9:25, ora della costa orientale degli Stati Uniti, Bezos e i suoi compagni di viaggio sono atterrati in sicurezza, completando con successo il primo volo suborbitale con equipaggio dell’azienda, un passo importante negli sforzi di Blue Origin per fornire voli spaziali commerciali ai clienti paganti.  

Rispetto al lancio all'inizio di questo mese dello SpaceShipTwo di Virgin Galactic, un tipo di aeroplano che ha portato il fondatore  Richard Branson nello spazio, il viaggio di Bezos ricordava più una missione della NASA, con un decollo verticale, paracadute e un atterraggio morbido. 

Ramon Lugo III, ingegnere aerospaziale e direttore del  Florida Space Institute, afferma che, malgrado questo sia il secondo lancio con equipaggio da parte di persone non considerate astronauti in senso classico, la missione di Blue Origin rappresenta una maggiore opportunità per il turismo spaziale commerciale.  

La differenza principale è nel modo in cui le due missioni sono arrivate nello spazio. Virgin Galactic ha impiegato circa un’ora  e ha coinvolto un aereo che ha trasportato lo spazioplano con l'equipaggio a un'altitudine specifica prima di rilasciarlo. L'aereo spaziale ha quindi acceso i suoi motori a razzo per viaggiare ancora più in alto prima di tornare sulla Terra.  

“Se si guarda alla navicella spaziale di Branson, sta davvero creando un sistema di trasporto che è molto simile a una compagnia aerea commerciale. Si decollerà in un aeroporto e si atterrerà in un aeroporto”, afferma Lugo.  Quello di Bezos è una versione più tradizionale di veicoli spaziali con equipaggio, afferma Lugo. L'intero lancio e rientro di Blue Origin ha richiesto circa 10 minuti. 

L'equipaggio si è lanciato dall'interno di una capsula attaccata al muso di un razzo, che si è staccato ed è tornato sulla Terra mentre la capsula dell'equipaggio ha continuato nello spazio, raggiungendo un'altezza massima di 107.048 km prima di iniziare la sua caduta di nuovo sulla Terra e quindi dispiegare i paracadute per terra. 

Indipendentemente dalle loro differenze, affermano gli esperti, entrambi i voli rappresentano importanti pietre miliari nel futuro del volo spaziale.  "Questi veicoli stanno reinventando il viaggio proprio come fecero i pionieri dei primi aeroplani", afferma  Elaine Petro, professore di ingegneria meccanica e aerospaziale alla Cornell.  

Oltre ad avvicinare gli umani all'orbita, afferma Petro, Virgin Galactic e Blue Origin potrebbero suggerire nuovi approcci per viaggi intercontinentali più veloci, poiché entrambi i veicoli possono raggiungere velocità da quattro a cinque volte quelle di un normale aereo.  Petro è incoraggiata dal ritmo di progresso che ha visto nel settore. 

“Dieci anni fa, l'amministrazione Obama stava spingendo per l'espansione dell'industria dei veicoli commerciali di lancio. Ora due piattaforme di viaggio spaziale pubbliche hanno trasportato equipaggi nell'ultima settimana e SpaceX ha un contratto per traghettare gli astronauti sulla Luna", afferma. 

E qual è il futuro di Blue Origin? Sebbene il turismo spaziale commerciale sia appena iniziato, Bezos spera che il lancio di più voli possa ridurre  i costi in modo che nei prossimi decenni tutti possano avere la possibilità di sperimentare la bellezza della vita sopra la Terra. 

(rp)