• OpenZone
BEI supporta MolMed nella ricerca di terapie avanzate contro cancro e malattie rare
La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e la società biotech MolMed S.p.A. hanno firmato un accordo di finanziamento del valore di 15 milioni di euro.
di OpenZone 09-01-20
La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e la società biotech MolMed S.p.A. (MLMD.MI) hanno firmato un accordo di finanziamento che consentirà a MolMed di disporre per i prossimi anni di una linea di credito fino a 15 milioni di Euro, soggetta al raggiungimento di una serie di criteri di prestazione condivisi, che sosterranno il piano di sviluppo finalizzato alla crescita sostenibile della società biotecnologica.

MolMed è un’azienda biotech basata a Milano e con una sede nel campus scientifico OpenZone, focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura di cancro e malattie rare. Il finanziamento ha la garanzia del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI), pilastro centrale del piano Juncker. La Banca garantirà un contributo importante ai piani di sviluppo di prodotti e processi innovativi di MolMed, con l’obiettivo di sostenere la continua crescita della società e la valorizzazione del potenziale ancora inespresso del suo business.

L’amministratore delegato di MolMed, Riccardo Palmisano, ha commentato: “Siamo felici e orgogliosi di questo accordo. Orgogliosi perché i criteri di selezione della Banca Europea degli Investimenti sono rigorosi e focalizzati unicamente all’innovazione e alla crescita sostenibile, e anche perché siamo una delle prime società italiane che hanno avuto accesso a questo tipo di finanziamento. Siamo inoltre molto felici, perché i risultati finanziari e il posizionamento strategico che abbiamo recentemente comunicato, uniti alle nostre aspettative finanziarie di breve e medio periodo, ci hanno permesso di avere accesso a queste risorse di debito qualificato e competitivo, evitando quindi forme di finanziamento diluitive per sostenere i nostri solidi piani di sviluppo industriale”.

Continua sul sito di OpenZone.