Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Transgender, avere figli sarà (forse) più facile

    Per la prima volta, una ricerca ha portato ovuli umani a svilupparsi completamente in laboratorio. Lo studio potrebbe aprire a prospettive familiari diverse per le persone transgender

    Jessica Hamzelou

    Le ovaie contengono centinaia di migliaia di ovociti immaturi, tenuti in una sorta di stato di sospensione. Ogni mese uno matura e viene rilasciato, potenzialmente per essere fecondato dallo sperma e creare un embrione. Per la prima volta, gli scienziati affermano di essere riusciti a prelevare gli ovuli dalle ovaie di uomini transgender e a prepararli per la fecondazione in un processo completamente esterno al corpo

    Il risultato, raggiunto da un team guidato da Evelyn Telfer, biologa riproduttiva dell’Università di Edimburgo, indica che gli ovuli vitali possono essere ottenuti da uomini transgender anche dopo anni di terapia con testosterone, che potenzialmente dovrebbe fermare l’ovulazione. Ciò consentirebbe agli uomini transgender che desiderano figli di evitare di dover sospendere le cure mediche per cambiare sesso ed evitare sonde vaginali, ricoveri e trattamenti a base di ormoni femminili, che possono essere tutti fisicamente o emotivamente dolorosi. 

    Telfer ha presentato le sue ricerche, che non sono state ancora sottoposte a revisione paritaria, durante un incontro virtuale della Society for Reproductive Investigation, che si è tenuto a Denver, in Colorado, il mese scorso. “È un lavoro decisamente importante e potrà aiutare molti pazienti”, afferma Samir Babayev, endocrinologo riproduttivo della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, che non è stato coinvolto nella ricerca, ma ha partecipato all’incontro in cui Telfer ha presentato il suo lavoro.  

    Opzioni limitate

    L’identità di genere dei transgender non corrisponde al sesso che è stato attribuito loro alla nascita. Alcuni uomini trans si sottopongono a un trattamento con l’ormone testosterone per sviluppare tratti più maschili, come peli sul viso e sul corpo e una voce più profonda. Il corso del trattamento varia e dipende dalle preferenze dell’individuo, nonché dall’età in cui ha iniziato l’assistenza medica di affermazione del genere.

    Ci sono una manciata di opzioni per le persone che scelgono tale trattamento, ma vogliono la possibilità di avere figli biologici un giorno. Gli adulti possono congelare gli ovuli, per esempio. Ma questa modalità comporta l’interruzione del trattamento con testosterone e il ritorno del ciclo mestruale, che può richiedere mesi. I farmaci a base di ormoni vengono utilizzati per stimolare le ovaie a rilasciare più ovuli maturi, che vengono poi raccolti in una procedura chirurgica che coinvolge sonde vaginali. 

    Questa procedura può essere particolarmente dolorosa per gli uomini transgender, afferma Babayev. Inoltre, sospendere la terapia con testosterone per mesi può causare affaticamento, cambiamenti di umore e problemi di sonno. Molti uomini transgender vorrebbero essere in grado di creare le proprie famiglie senza tali interruzioni, afferma D. Ojeda, dirigente del National Center for Transgender Equality a Washington, DC.

    Le opzioni sono ancora più limitate per i giovani che vogliono iniziare un’assistenza medica di affermazione del genere prima di raggiungere la pubertà, il che significa che non possono congelare gli ovuli perché non è iniziato il processo di ovulazione. Potrebbero scegliere di rimuovere e congelare parte o tutte le ovaie, nel qual caso il tessuto potrebbe teoricamente essere reimpiantato in seguito, ma pochi uomini trans opterebbero per una simile procedura, perché aumenterebbe i livelli di estrogeni nel corpo, afferma Kenny Rodriguez-Wallberg, oncologa riproduttiva del Karolinska Institute in Svezia.

    L’alternativa su cui stanno lavorando Telfer e i suoi colleghi consiste nel prelevare gli ovociti dalle ovaie e farli maturare fuori dal corpo, in laboratorio. Il team ha già avuto un certo successo nel farlo con ovociti prelevati dalle ovaie delle donne, ma non sapevano se sarebbero stati in grado di far maturare ovuli dalle ovaie di persone che avevano già iniziato l’assistenza medica di transizione di genere.

    Ovaie rigide

    Il primo compito di Telfer è stato quello di scoprire cosa fa la terapia con testosterone alle ovaie, ancora oggi una questione che divide i medici. Per avere un’idea più chiara, Telfer ha collaborato con due cliniche di transizione di genere nel Regno Unito. Agli uomini transgender che stavano assumendo testosterone e stavano subendo un intervento chirurgico che includeva la rimozione delle ovaie è stato chiesto se volevano donarle per la ricerca. In totale, quattro persone hanno donato otto ovaie. Il team le ha confrontate con otto frammenti di ovaie donati da donne sottoposte a taglio cesareo, di età simile. 

    Le ovaie degli uomini transgender erano davvero diverse: avevano più collagene e meno elastina, rendendo il tessuto più rigido. Questa rigidità potrebbe rendere più difficile la crescita dei follicoli e il rilascio di ovuli maturi e pronti per la fecondazione. Telfer e i suoi colleghi hanno anche valutato 4.526 follicoli da parti delle otto ovaie esposte al testosterone. Circa il 94 per cento dei follicoli non cresceva, contro l’85 per cento in frammenti di ovaia di donne che non avevano assunto testosterone.

    Il team ha quindi cercato di far maturare gli ovociti delle ovaie degli uomini trans. Il loro metodo consiste nel tagliare il tessuto che circonda ogni follicolo e poi allungarlo in un piattino. Questo metodo sembra innescare vie di segnalazione all’interno dei tessuti che consentono ai follicoli di rilasciare ovuli maturi. In tal modo i ricercatori sono stati in grado di far maturare un piccolo numero di ovuli al punto da essere pronti ad essere fecondati dallo sperma.

    In teoria, il team potrebbe utilizzare le tecniche di fecondazione in vitro per creare embrioni con gli ovuli e quegli embrioni potrebbero essere trasferiti nell’utero di un partner o surrogato. Per farlo nel Regno Unito, il team deve ottenere una licenza dalla Human Fertilization and Embryology Authority. Non è richiesta tale licenza negli Stati Uniti.

    Telfer e le sue colleghe non sono ancora arrivate così lontano, peròI primi ovuli che il team ha maturato in laboratorio non sembravano del tutto normali. Quando maturano, in genere subiscono un tipo speciale di divisione cellulare che dimezza il numero di cromosomi, preparandoli alla fecondazione. I cromosomi non utilizzati vengono separati in una piccola cellula chiamata corpo polare. La cellula polare degli ovuli maturati in laboratorio sembravano insolitamente grandi.

    È probabile che le dimensioni non comportino alcun problema, ma il team sta modificando il contenuto del fluido in cui sono maturate le uova, per ogni evenienza. Tentativi più recenti hanno portato a ovuli dall’aspetto più tipico e finora il team ne ha maturati circa 10, ma il progetto è in corso, ricorda Telfer che aggiunge: “vorrei che il nostro sistema di coltura fosse più robusto prima di tentare la fecondazione“.

    La biologa vuole provare la procedura nelle pecore prima di portarla avanti nelle persone. Questi esperimenti dovrebbero aver luogo entro la fine dell’anno. Se avranno successo, Babayev prevede che la tecnica decollerà tra le cliniche. La maggior parte dei trattamenti per la fertilità passa attraverso gli studi clinici prima di essere ampiamente offerti dalle strutture sanitarie. 

    “Chiaramente i nodi dovranno essere risolti, ma se avrà successo, non credo che ci vorrà molto tempo per implementare la tecnica, anche se vorrei prima assistere alla nascita di un bambino”, afferma Babayev. Se può essere utilizzata per aiutare gli uomini transgender a concepire bambini sani, la tecnica potrebbe essere utile anche in molte altre circostanze, afferma Rodriguez-Wallberg. Le bambine che affrontano terapie contro il cancro che potrebbero danneggiare le loro ovaie potrebbero in parte congelarle, offrendo loro un modo per avere i propri figli biologici quando saranno più grandi. 

    Il metodo potrebbe anche aiutare chi non riesce ad avere figli, afferma Kutluk Oktay, endocrinologo riproduttivo e specialista in conservazione della fertilità presso la Yale School of Medicine. Il congelamento delle ovaie potrebbe essere un’alternativa al congelamento degli ovociti: eseguire una singola biopsia da un’ovaia potrebbe essere preferibile ai numerosi passaggi coinvolti nel prelievo degli ovuli. “Una piccola biopsia delle ovaie potrebbe essere sufficiente per avere molti bambini”, conclude Oktay. 

    Immagine: Lennart Nilsson, TT/Science Photo Library

    (rp)

    Related Posts
    Total
    0
    Share