• Fonte ST
Sostenibilità, la chiave per il futuro
Un piano annuale per la sostenibilità in STMicroelectronics
di Fonte ST 29-07-20
La sopravvivenza della specie umana e degli organismi viventi dipende dallo stato di salute degli ecosistemi del pianeta. Vengono definiti sostenibili proprio quei processi in cui lo sfruttamento delle risorse, il piano degli investimenti, l'orientamento dello sviluppo tecnologico e le modifiche istituzionali sono in sintonia e valorizzano uno sviluppo volto a soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere le possibilità delle generazioni future. Per quanto possa essere difficile raggiungere tale ideale, un atteggiamento perseverante e dinamico fa in modo che il processo dia luogo a un sistema sostenibile.

La sostenibilità è integrata nelle pratiche commerciali di STMicroelectronics da oltre 25 anni, un fattore chiave dell'efficacia e del successo a lungo termine della società. Presente ad ogni livello delle operazioni della società, l'impegno di STMicroelectronics per la sostenibilità ne massimizza le opportunità nel campo delle nuove tecnologie e dell'innovazione, oltre a permettere di prevedere e mitigare i rischi inerenti alle operazioni aziendali. Il rapporto annuale sulla sostenibilità di STMicroelectronics è leggibile online anche in versione pdf.

La strategia di sostenibilità ST e le priorità del programma sono modellati sull'idea di mettere al primo posto le persone, migliorare la vita di tutti e proteggere l'ambiente. I programmi, applicati globalmente a tutti i centri ST, sono sviluppati a partire da una rete di oltre 100 siti campione dedicati alla sostenibilità, fondamentali a trasformare una promessa in realtà. Come sottolinea Jean-Louis Champseix, Vice Presidente del Gruppo, “La sostenibilità è un viaggio senza fine per noi ... grazie alle iniziative che abbiamo messo in atto 25 anni fa, abbiamo ridotto il nostro consumo di energia del 57%, il nostro consumo di acqua del 76% e il nostro tasso di incidenti dell'83%”.

Gli individui innanzi tutto

La ST impiega oltre 46.000 dipendenti in tutto il mondo, abbracciando 105 nazionalità. Tutti e undici gli stabilimenti di produzione della ST sono stati controllati dalla Responsible Business Alliance (RBA) in base ai loro rigorosi requisiti in materia di standard di lavoro e diritti umani. Tre dei siti hanno ottenuto il riconoscimento RBA Platinum. La ST si impegna a essere riconosciuta come leader del lavoro e dei diritti umani, per raggiungere la piena parità di genere e applica una tolleranza zero al lavoro forzato.

Dal punto di vista della diversità e dell'inclusione, l'obiettivo del 2025 è quello di avere più del 20% di donne a tutti i livelli di gestione. Nel corso del 2019, rispetto al 2018, abbiamo compiuto buoni progressi, aumentando il numero di donne occupate in ruoli dirigenziali con esperienza dal 16% al 18% e in ruoli dirigenziali dal 12% al 13%. Ci sono quattro donne nel consiglio di sorveglianza delle ST rispetto alle 3 del 2018. Nel complesso, l'azienda aspira ad offrire ai propri dipendenti la migliore esperienza lavorativa ovunque lavorino.

Tecnologie, innovazioni e applicazioni sostenibili

In ST, la gestione del prodotto deve rispettare tre aspetti principali: conformità alla legislazione, inclusi gli impatti sociali ed etici dei prodotti; progettazione focalizzata sull'ecologia come efficienza energetica ed emissioni a basse emissioni di carbonio; enfasi sul portare benefici sostenibili rispettosi del pianeta e sul benessere umano. Questi indicatori vengono tracciati dai concetti di progettazione iniziali fino alla produzione nel sistema di gestione del progetto ST. L'obiettivo è progettare prodotti dall'impatto più positivo possibile sul pianeta e sulla società.

Nel 2019, la società ha visto un aumento della percentuale di nuovi prodotti responsabili e sostenibili dal 50% del 2018 al 62%. Le recenti innovazioni responsabili dei prodotti includono l'introduzione di efficienti dispositivi di alimentazione basati su tecnologie di processo a larga banda di carburo di silicio (SiC) e nitruro di gallio (GaN). Capace di funzionare a frequenze di commutazione molto più elevate, i prodotti realizzati sono più efficienti, compatti e leggeri delle precedenti tecnologie per semiconduttori a conversione di potenza.

Collaborare con i partner della catena di fornitura per dare forma al futuro

Con una catena di fornitura globale significativa e diversificata, che include fornitori di attrezzature e materiali, subappaltatori di produzione e gestori di impianti, ST punta a collaborare con fornitori che rispettano le persone e conducono le proprie attività con integrità ed eccellenza.

Per il 2025 la società si prefigge di condurre controlli di responsabilità sociale presso tutti i fornitori a rischio. Nel 2019 è stato raggiunto il 18%, pari ad 88 dei 500 fornitori idonei, per un totale di 177 revisioni condotte dal 2015. Ciascun fornitore deve rendere conto di lavoro svolto, materiali forniti e volume delle attività. Rispetto alla catena di approvvigionamento di minerali grezzi, la società garantisce che tutti i fornitori aderiscano processi di approvvigionamento responsabile dei minerali partecipando alla Responsible Mineral Initiative (RMI). Tutte e 253 le fonderie da cui derivano stagno, tungsteno, tantalio e oro (3G) a fine 2019 aderivano agli standard ed al le metodologie promosse dall'RBA. Obiettivo del 2019 era far sì che oltre il 90% dei 450 fornitori idonei firmasse un accordo per conformarsi al codice di condotta RBA. I fornitori firmatari sono il 93%.

Proteggere l'ambiente

ST persegue i più alti standard di protezione ambientale: dall'utilizzo dell'acqua ai materiali di scarto, dalla sostituzione dei materiali pericolosi utilizzati, allo sforzo per aumentare il consumo di energia rinnovabile. Nel 2019, la società è arrivata a ridurre i propri consumi energetici e le emissioni di gas serra del 20%, oltre a sfiorare la capacità di riciclare e riutilizzare il 95% dei propri rifiuti, due obiettivi prefissati per il 2025. Negli ultimi 25 anni, la quantità di acqua utilizzata da ST è diminuita del 76% e il 41% di essa viene riciclata o riutilizzata.

"La sostenibilità è importante" dichaira Jean-Marc Chery, presidente e CEO di ST. “In ST, riconosciamo il dovere di diligenza e responsabilità che abbiamo verso i nostri stakeholder, le nostre persone, la società e l'ambiente nel realizzare un futuro sostenibile.”

Clicca qui per leggere l'articolo intero


(lo)