Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Segnali positivi dalla Cina

    Le nuove linee guida del governo cinese sulla libertà e la protezione della privacy segnalano un’ apertura al dialogo sul modo di utilizzare la tecnologia.

    di Will Knight

    Questa settimana, scienziati e ingegneri cinesi hanno rilasciato un codice di comportamento per l’intelligenza artificiale che potrebbe segnalare la volontà di Pechino di ripensare ai principi dell’etica in campo tecnologico. Fino a oggi, il governo cinese è stato ampiamente criticato per avere utilizzato l’intelligenza artificiale come un modo per monitorare i cittadini, ma le linee guida appena pubblicate sembrano molto simili ai codici di comportamento definiti dalle aziende e dai governi occidentali.

    Gli standard etici di AI sono stati annunciati lo scorso sabato dall’Accademia di Pechino per l’Intelligenza Artificiale (BAAI), un’organizzazione sostenuta dal Ministero cinese della Scienza e della Tecnologia e dal governo municipale di Pechino. Si tratta di 15 principi fondamentali alla base della ricerca e dello sviluppo nell’IA, tra cui “la privacy, la dignità, la libertà, l’autonomia e i diritti umani”.

    Anche se sarebbe gioco facile liquidare i discorsi sulla privacy e sulle libertà individuali come ambigui, questo documento ufficiale segnala una disponibilità sorprendente a discutere tali questioni all’interno dei circoli politici cinesi. “Credo che sia uno sviluppo positivo”, afferma Yasheng Huang, esperto di business e politica in Cina presso la Sloan Business School del MIT. “Su questioni serie come i diritti umani, accolgo sempre con piacere la disponibilità al colloquio del governo cinese”.

    Gli standard etici sono stati elaborati in collaborazione con le più importanti università e aziende tecnologiche che si occupano di IA in Cina, tra cui la Peking University, la Tsinghua University, l’Institute of Automation e l’Institute of Computing Technology dell’Accademia cinese delle scienze e le tre più grandi aziende tecnologiche del paese: Baidu, Alibaba e Tencent.

    “Lo sviluppo dell’IA è una sfida comune per tutta l’umanità. Solo attraverso il coordinamento su scala globale possiamo costruire un’IA rispettosa dell’uomo e dell’ambiente “, ha detto Zeng Yi, direttore di BAAI, al “Quotidiano del Popolo”, l’organo ufficiale del Partito Comunista Cinese. “I principi di Pechino riflettono la nostra posizione, la nostra visione e la nostra volontà di creare un dialogo con il resto del mondo”.

    La mano tesa dei cinesi

    È, ovviamente, un momento critico per le relazioni tra Cina e America, soprattutto quando si parla di tecnologie emergenti. Allarmati dai progressi della Cina in aree come l’IA e il 5G, l’amministrazione Trump ha usato le leve del commercio globale per attaccare e in alcuni casi paralizzare le principali aziende tecnologiche cinesi.

    Il gigante delle telecomunicazioni Huawei, per esempio, è stato preso di mira con controlli sulle esportazioni e sulle importazioni che minacciano di compromettere la sua attività. Questa politica sta creando sfiducia e divisioni che minacciano di creare nuove linee di faglia nel mondo tecnologico, che è diventato maggiorenne nell’era della globalizzazione e ha finito per trarre linfa dallo sviluppo economico che l’ha accompagnato.

    Si dice che il governo degli Stati Uniti stia considerando controlli rigorosi sulle esportazioni delle aziende cinesi che vendono apparecchiature e software di sorveglianza, come Hikvision e Dahua Technology, per il ruolo che queste aziende giocano nel coadiuvare il governo cinese a implementare la sorveglianza.

    Huang dice che l’intelligenza artificiale solleva questioni etiche e quindi offre agli Stati Uniti e alla Cina l’opportunità di affrontare tematiche come le libertà personali. 
    Aggiunge, inoltre, che è insolito per il governo cinese offrire flessibilità in tali aree. “L’elemento centrale della disponibilità a discutere di determinati problemi è l’ammissione di fatto che si tratta di questioni che non hanno il diritto di controllare al cento per cento”, conclude Huang.

    Nonostante la guerra commerciale in corso tra i due paesi, alcuni esperti occidentali hanno cercato di costruire ponti. Pochi giorni fa, il World Economic Forum ha annunciato i propri principi di intelligenza artificiale, elaborati in collaborazione con accademici, imprenditori e politici di Stati Uniti, Cina e altri paesi. Uno dei co-presidenti dell’organismo che si occupa di intelligenza artificiale del WEF è Kai-Fu Lee, un importante investitore finanziario in IA, con sede a Pechino, che in precedenza ha contribuito a stabilire gli avamposti di Microsoft e Google in Cina.

    Lee afferma che all’interno del WEF si è discusso del fatto che gli standard etici cinesi sembrano molto simili a quelli sviluppati dai paesi e dalle società occidentali. Trovare un terreno comune di confronto nel clima attuale è indubbiamente difficile. Il Partito comunista cinese mantiene uno stretto controllo sulle aziende nazionali e non mostra di voler ridurre il controllo esercitato sui cittadini. Ma per Huang del MIT le difficoltà ancora esistenti rendono ancora più importanti i principi guida dell’IA di Pechino. A suo parere, “non aprire il confronto con la Cina sugli standard etici sarebbe una mossa controproducente”.

    Immagine: MS. Tech

    Related Posts
    Continua

    L’innovazione parla italiano

    Il convegno “Le vie italiane all’innovazione” proposto la Mit Technology Review Italia al Tecnopolo di Reggio Emilia. Con la presenza dei protagonisti del management industriale italiano. E uno studio sulle aziende che si sono distinte nel cercare, e trovare, nuove strade
    Total
    0
    Share