Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Il blocco di Trump ai nuovi visti minaccia il dominio USA nell’IA

    L’ordine esecutivo del presidente di sospendere temporaneamente i visti H-1B, vale a dire quelli concessi ai lavoratori specializzati in possesso di laurea, aggrava la precaria posizione degli Stati Uniti nella competizione globale per l’acquisizione dei talenti nel campo dell’intelligenza artificiale.

    di Karen Hao

    Anche prima dell’ordine esecutivo del presidente Trump, il 22 giugno, gli Stati Uniti stavano già contrastando le tendenze globali dell’immigrazione tecnologica. Negli ultimi cinque anni, mentre altri paesi hanno aperto i propri confini a personale tecnico altamente qualificato, gli Stati Uniti hanno mantenuto – e persino limitato – le loro politiche sull’immigrazione, creando un collo di bottiglia per soddisfare la domanda interna di talenti tecnologici.

    Ora la decisione di Trump di sospendere alcune tipologie di visti di lavoro ha lasciato molti analisti politici preoccupati delle conseguenze sull’innovazione a lungo termine negli Stati Uniti. In particolare, la sospensione dell’H-1B, un visto di lavoro triennale concesso a lavoratori stranieri in settori specializzati e uno dei canali primari per i lavoratori altamente qualificati in ambito tecnologico per unirsi alla forza lavoro statunitense, potrebbe influire sul dominio degli Stati Uniti in tecnologie critiche come l’IA. 

    “I principali concorrenti americani stanno andando in una direzione diversa”, afferma Tina Huang, esperta di ricerca presso il Center for Security and Emerging Technology (CSET) di Georgetown. “Storicamente gli Stati Uniti si sono affidati a talenti provenienti da altre parti per alimentare il dominio tecnologico del Paese e le sue nazioni concorrenti principali ne sono consapevoli”. A suo parere, è probabile che quei concorrenti ora utilizzino questa finestra di opportunità per raddoppiare l’attrazione dei talenti lontano dagli Stati Uniti,  progettando politiche di immigrazione più semplici e rapide.

    La mossa di Trump per impedire agli stranieri di lavorare negli Stati Uniti fa parte della più ampia spinta dell’amministrazione a mantenere i lavori negli Stati Uniti agli americani. Nei mesi precedenti la decisione, il consulente della Casa Bianca Stephen Miller ha sostenuto che la recessione economica causata dalla pandemia ha aumentato la necessità di arginare il flusso di immigrazione.

    Ma l’argomento presuppone che per ogni lavoratore straniero allontanato, un lavoratore americano sia in grado di prendere il suo posto. Mentre esiste un certo dibattito sul fatto che questo potrebbe essere vero per il settore tech in generale, dice Huang, sicuramente non lo è per l’IA. In effetti, la maggior parte del patrimonio americano di talenti di intelligenza artificiale proviene dall’estero. 

    Una recente analisi del think tank MacroPolo ha rilevato che il 69 dei ricercatori di intelligenza artificiale che lavorano presso istituti statunitensi ha conseguito la laurea arrivando dall’estero. Due terzi degli studenti laureati nei principali programmi di dottorato di ricerca relativi all’IA negli Stati Uniti sono stranieri, con circa l’80 per cento di loro che rimangono nel paese a distanza di cinque anni dalla laurea.

    Anche così, senza le ultime restrizioni, gli Stati Uniti soffrono ancora di una carenza di talenti dell’IA, aggravata dalle politiche di immigrazione già esistenti. I ricercatori statunitensi nel campo dell’intelligenza artificiale hanno lamentato a lungo l’impatto negativo sull’innovazione dei limiti ai visti. Nel febbraio 2019, quando il presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo per istituire una strategia nazionale per l’intelligenza artificiale, Oren Etzioni, CEO dell’Allen Institute for Artificial Intelligence, un gruppo senza scopo di lucro, ha sostenuto in un editoriale che si sentiva la mancanza di un programma speciale di visti per gli esperti di intelligenza artificiale. 

    Su Twitter, Ian Goodfellow, direttore dell’apprendimento automatico ad Apple, ha concordato: “Negli ultimi anni, le restrizioni sui visti dei miei collaboratori sono state una delle maggiori strozzature per la nostra azione di ricerca collettiva”.

    L’ordine esecutivo di Trump non farà che peggiorare questa carenza. CSET stima che almeno il 35 per cento dei titolari di H-1B abbia un titolo di studio relativo all’intelligenza artificiale e che quasi i tre quarti lavorino in settori legati al calcolo. Sebbene l’amministrazione Trump non abbia indicato per quanto tempo potrebbero durare le attuali sospensioni per i visti, ha già contribuito a “un crescente senso di instabilità”, afferma Zachary Arnold, ricercatore presso CSET. Di conseguenza, più cittadini stranieri potrebbero scegliere di non venire negli Stati Uniti a causa dell’incertezza che circonda la loro possibilità di rimanere.

    Dove potrebbero andare allora? Nel loro ultimo rapporto Huang e Arnold hanno identificato Canada, Regno Unito, Francia e Australia come i principali concorrenti statunitensi per i talenti dell’IA. Tutti e quattro questi paesi hanno dichiarato l’intenzione di rafforzare l’IA a livello nazionale e hanno adottato o proposto importanti riforme dell’immigrazione per attrarre un numero maggiore di lavoratori di questo settore negli ultimi cinque anni. Contrariamente al limite annuale statunitense di 85.000 visti H-1B e ai tempi di elaborazione delle domande da sette mesi a un anno, nessuno di essi ha limiti o tempi di attesa superiori a tre mesi.

    Huang e Arnold temono che la miopia americana nella politica di immigrazione possa avere ripercussioni durature per il Paese. “Il talento è un input fondamentale per l’IA”, afferma Arnold. “È la risorsa fondamentale che guida tutto il resto”. Pertanto, se gli Stati Uniti vogliono mantenere la propria competitività, devono esentare i talenti del settore dagli attuali limiti di visto e creare percorsi chiari per garantire la residenza permanente.

    Ma se gli Stati Uniti dovessero continuare nella direzione dell’ordine esecutivo di Trump, il Canada, in particolare, attende pazientemente a braccia aperte. Nella Silicon Valley, il governo canadese ha sponsorizzato una serie di cartelloni pubblicitari che riportavano la seguente scritta “Problemi con l’H-1B?  Vieni in Canada”.

    Immagini: Ms Tech | Gage Skidmore, Pixabay

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Come e perché imparare dalle api

    La cosiddetta "intelligenza di sciame” è applicabile anche alle comunità umane? Gli esperti Paola Scarpa, Andrea Pietrini, Federico Frattini a confronto su un tema affascinante per le società presenti e future
    Total
    0
    Share