• Ms Tech / Getty / Unsplash

I più grandi fallimenti tecnologici del 2020

La pandemia ha reso questo l'anno in cui abbiamo contato sulla tecnologia più che mai, ma le delusioni non sono mancate.

Questo è stato un anno in cui avevamo bisogno della tecnologia per salvarci. Si è scatenata la pandemia, ci sono stati incendi gravissimi e serie divisioni politiche. Nel 2020, i modi in cui la tecnologia può aiutarci o crearci problemi sono apparsi più chiari che mai. Nella colonna del successo abbiamo i vaccini per il covid-19. Questo articolo però è il nostro elenco annuale dei peggiori flop e fallimenti tecnologici. Il nostro bilancio per il 2020 include il fallimento di piani aziendali digitali da miliardi di dollari, il fiasco dei test per il covid e le conseguenze impreviste del lancio di satelliti economici.

Test per il covid

La reazione a catena della polimerasi(PRC) non è una nuova tecnologia. In effetti, questa tecnica per rilevare la presenza di geni specifici è stata inventata nel 1980 e il suo inventore ha vinto un premio Nobel un decennio dopo. È impiegato in una vasta gamma di test diagnostici e ricerche di laboratorio. Quindi risulta un pasticcio storico che all'inizio della pandemia di covid-19, i laboratori specializzati del CDC statunitense abbiano inviato kit di laboratorio agli Stati con ingredienti che non funzionavano. 

Così è iniziato il fallimento nel fermare l'agente patogeno, l'emarginazione della principale agenzia di sanità pubblica della nazione e, più in generale, l'inaspettata incapacità del paese che ha inventato la PCR di fornire i test del coronavirus a tutti coloro che ne hanno bisogno. Test diffusi e frequenti sono ciò che secondo gli economisti sarebbe stato il modo più rapido ed economico per mantenere il paese attivo e funzionante. Anche ora, 11 mesi dopo, le code e i ritardi sono ancora la norma per i test negli Stati Uniti, anche se laboratori privati, università e centri sanitari eseguono circa due milioni di test al giorno.

Si veda: link 1 e 2

Mancata regolamentazione del riconoscimento facciale

Si pensi a un video sgranato di una rapina in un minimarket e alla polizia che usa il riconoscimento facciale per identificare un sospetto. Ora si immagini una città, come Portland, in Oregon, che decide di vietare alla polizia di farlo. La capacità di riconoscere i volti è uno dei trionfi della nuova generazione di intelligenza artificiale e la tecnologia si sta diffondendo ovunque. 

Ciò include ambienti in cui il suo utilizzo può sembrare invadente o ingiusto, come scuole o alloggi pubblici. Quest'anno il risultato è stato una serie di divieti e restrizioni da parte di città, stati e aziende che potrebbe soffocare uno dei primi e più significativi risultati dell'AI. 

Il motivo per cui la tecnologia sta accelerando è che le telecamere sono ovunque e tutti abbiamo diffuso in giro i nostri selfie. "Abbiamo alimentato la tecnologia con miliardi di volti, aiutandola a taggare noi stessi", afferma Joseph Atick, che ha costruito un primo sistema di riconoscimento facciale utilizzando telecamere speciali e un database di immagini personalizzato. Ora ci sono centinaia di programmi di riconoscimento facciale che elaborano immagini online. Il controllo di questi sistemi, afferma Atick, "non è più un problema solo di ordine tecnologico".

Durante l'estate, Microsoft e Amazon hanno negato alla polizia l'accesso ai loro sistemi di riconoscimento facciale, almeno temporaneamente, e città come Portland hanno emanato divieti radicali che impediscono anche ad hotel e negozi di identificare le persone. Ciò che manca ancora è un quadro nazionale per definire usi giusti e sbagliati. Invece di un ciclo di abusi e divieti, abbiamo bisogno di una politica. E negli Stati Uniti, non c'è ancora.

Si veda link.

Il rapido collasso di Quibi

“Snack veloci. Grandi storie": era il motto di Quibi, un servizio di streaming sostenuto da Hollywood che ad aprile ha deciso di rivoluzionare l'intrattenimento con spettacoli di 10 minuti sugli schermi dei telefoni. Ma la grande storia è stata la rapida scomparsa di Quibi. Sei mesi dopo il suo debutto, l’azienda ha licenziato i talenti che aveva radunato e ha restituito agli investitori ciò che restava del suo budget di 1,75 miliardi di dollari.

Il mancato successo ci ha ricordato il famigerato "cambiamento" del giornalismo nel 2018, quando i siti di notizie hanno chiesto a un gran numero di giornalisti di produrre video ultra brevi di testo sullo schermo prima di licenziare brutalmente tutti. Allo stesso modo, Quibi utilizzava professionisti ben pagati per realizzare contenuti in abbonamento da 4,99 dollari al mese per competere con YouTube, TikTok e orde di creatori che filmano video di gatti e mosse di danza gratuitamente.

In una lettera di addio, il magnate dello studio Jeffrey Katzenberg e il CEO di Quibi Meg Whitman hanno affermato che la loro ricerca di una "nuova categoria di intrattenimento" potrebbe essere stata un errore, ma hanno anche incolpato la pandemia, che ha tenuto le persone a casa davanti alla TV. "Sfortunatamente, non lo sapremo mai, ma sospettiamo che sia stata una combinazione delle due cose", hanno scritto. "Comunque, ci abbiamo provato”.

Si veda link

Misteriosa arma a microonde

Dal 2016, diverse dozzine di diplomatici e spie statunitensi a Cuba e in Cina sono stati colpiti da uno spettro di sintomi neurologici dolorosi e strani. Sono stati svegliati da rumori strani, sperimentando allo stesso tempo perdita di equilibrio e una sensazione di pressione sul volto. La causa più plausibile di quanto successo, secondo la National Academies of Sciences, è stata un'arma a microonde.

Nessuno può dire con certezza se i raggi diretti di energia radio pulsata direttamente nelle case dei diplomatici e nelle camere d'albergo riportino alla "sindrome dell'Avana". Gli Stati Uniti sono stati lenti nel riconoscere e indagare sul modello di lesioni e ancora non possono definire una causa con certezza. Ciò che è chiaro è che chiunque utilizzi un'arma a microonde in attacchi deliberati mostra ben poca capacità di riflettere. 

Molti gruppi, inclusi i governi, possono anche generare raggi potenti e invisibili per causare mal di testa, ticchettii all'interno del cranio, nausea e perdita dell'udito e l'uso clandestino di tale tecnologia over-the-air, ha detto l’Accademia nazionale, "solleva gravi preoccupazioni su un mondo con malintenzionati irragionevoli e nuovi strumenti per causare danni agli altri".

Alcune armi semplicemente non dovrebbero essere usate.

Si veda link.

#zoomdick

Avete mai fatto un sogno in cui vi presentate al lavoro o a scuola in mutande? Con Zoom è del tutto possibile. Durante la pandemia, l'app video è diventata il nostro nuovo ufficio, il nostro cortile scolastico e il nostro modo di socializzare. Con essa è arrivato il rischio di far vedere ciò che dovrebbe rimanere privato, come lo sciacquone tirato mentre la Corte Suprema era riunita e la senatrice messicana che ha cambiato il suo top in video senza rendersene conto.

L'effetto umoristico grossolano si è trasformato in tragedia nel caso del noto critico legale della CNN e del “New Yorker” Jeffrey Toobin, che avrebbe esposto i suoi genitali ai colleghi mentre armeggiava tra Zoom e un “intermezzo” pornografico. Molti hanno detto che Toobin meritava di essere licenziato dal “New Yorker”, citando il movimento #metoo (#metoobin è diventato l'hashtag). Altri simpatizzavano ritenendola una situazione fin troppo umana. 

Si veda link.

Inquinamento luminoso da megacostellazioni satellitari

Sin dalla preistoria, l'umanità ha guardato in alto per soggezione e in cerca di ispirazione, per immaginare quali forze hanno creato il mondo e quali potrebbero distruggerlo. Ma ora, quella visione cosmica viene contaminata dai riflessi di migliaia di satelliti commerciali poco costosi messi in volo da aziende come Amazon, OneWeb e SpaceX, che vogliono coprire la Terra con connessioni Internet. Sessanta satelliti possono sciamare da un singolo razzo.

Il problema per gli astronomi è che la luce solare si riflette sui satelliti, che corrono a bassa quota all'alba o si librano in alto, illuminati perennemente. I loro numeri rappresentano un problema. SpaceX prevede di lanciare 12.000 satelliti Starlink, mentre altri operatori ne prevedono 50.000.

La preoccupazione è maggiore per i telescopi ottici ad ampio campo che si trovano in cima alle montagne, il cui lavoro include il rilevamento di esopianeti o oggetti vicini alla Terra che potrebbero entrare in collisione con il nostro pianeta. Ora c'è un tentativo a posteriori di risolvere il problema. SpaceX ha provato a colorare di nero un satellite, ma si è riscaldato troppo velocemente. Più recentemente, l'azienda ha iniziato a dotare i satelliti di visiere parasole per impedire i riflessi.

Il vaccino che fa risultare positivi all'HIV

Era risaputo che qualcosa poteva andare storto con i tentativi affrettati di trovare un vaccino contro il covid-19, ma il destino del candidato nazionale australiano era ancora una sorpresa.  Un team dell'Università del Queensland e l’azienda di biotecnologie CSL hanno sviluppato un promettente vaccino proteico che sembrava funzionare bene sulle persone. 

Ma la sua principale innovazione è stata la sua rovina: ha utilizzato due bit di HIV (il virus che causa l'AIDS) come "morsetto molecolare" per penetrare all'interno delle cellule. Di conseguenza, i ricercatori hanno scoperto che i volontari che hanno ricevuto l'iniezione sono risultati positivi ai normali test HIV. Questi falsi positivi hanno creato uno stato di grande confusione e i teorici della cospirazione ne hanno approfittato per seminare dubbi sul vaccino.

Il team australiano ha compiuto un lavoro eroico per correggere il problema, ma senza successo. All'inizio di dicembre, il governo ha ammesso la sconfitta e ha annullato un ordine di 750 milioni di dollari per 51 milioni di dosi, rendendolo il primo progetto di vaccino covid avanzato a fallire (si veda link). 

L’ammissione va confrontata con la situazione negli Stati Uniti, che ha autorizzato o approvato diversi trattamenti contro il coronavirus che non funzionano o carenti di prove a sostegno. A volte ammettere il fallimento è la via migliore. "Questo è il processo scientifico che funziona", ha detto il ministro della salute australiano.

Si veda link.

Cyberpunk 2077

I creatori del videogioco più atteso del 2020 hanno promesso ai giocatori una distopia fantascientifica, ma il loro universo immersivo di Cyberpunk 2077 è stato afflitto da problemi sin dal primo giorno. I giocatori (in particolare quelli su console) hanno riscontrato una serie di glitch che vanno dall'esilarante al game-breaking. Sony ha ritirato il gioco dai negozi PlayStation una settimana dopo la sua uscita, offrendo rimborsi completi a chiunque li richiedesse.

Le recensioni del gioco non sono male, alcune sono addirittura positive. E anche in un mondo virtuale, tutti si arrangiano. I bug e le anomalie che rendono il gioco ingiocabile fanno ora parte del divertimento: provare a guidare una motocicletta stando su di essa senza pantaloni o essere teletrasportati in un posto qualsiasi quando si sale in macchina.

Si veda link.

Idrossiclorochina, il farmaco per il covid che non ha mai funzionato

Si è capito che le cose si stavano mettendo male quando a tarda notte Rudolph Giuliani ha twittato, in stile pubblicità televisiva, che un farmaco contro la malaria chiamato idrossiclorochina era "efficace al 100 per cento" contro il covid-19. In effetti, un coro di personaggi di destra - il fumettista Scott Adams, i conduttori di Fox News e gli avatar con bandiere sui social media - erano tutti convinti che la cura fosse stata trovata.

Ma gli studi hanno rapidamente dimostrato che in realtà il farmaco non aiutava. Ma quanto ribadito dagli studi non ha avuto importanza, in quanto il farmaco è stato promosso (e persino preso) da Donald Trump, che - come ha scritto “Politico” – cercava la soluzione definitiva ai problemi politici causati dalla pandemia. “Sono venute fuori molte cose positive sull'idrossiclorichina. Sareste sorpresi di sapere quante persone la stiano prendendo", ha detto Trump.

All'inizio la pressione ha dato i suoi frutti. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha autorizzato l'uso del farmaco e il governo federale l’ha ordinata in grandi quantità. Ma poiché le prove inesistenti sono state sostituite dai risultati degli studi clinici (che non hanno riscontrato alcun beneficio e persino un certo rischio cardiaco), il falso farmaco anticovid è scomparso dalla vista.

Il tweet di Giuliani è stato rimosso da Twitter. L'FBI ha arrestato un medico che vendeva a 3.995 dollari "pacchetti di sopravvivenza" che includevano il farmaco. Trump, quando si è ammalato di covid-19, ha ricevuto tutte le cure che i suoi medici pensavano potessero aiutare.

L'idrossiclorochina non c’era.

Si veda link.

(rp)
  • Il fondatore di Quibi, Jeffrey Katzenberg. Daniel Boczarski / Getty
  • Laboratorio di ricerca THOR dell'US Air Force. AFRL
  • Jeffrey Toobin Joe Kohen / GETTY Images per il "New Yorker"
  • Le "strisce" di Starlink disturbano l'immagine del cielo notturno. CTIO/NOIRLAB/NSF/AURA/DECAM Delve Survey