• Christopher Furlong / Getty Images

Cosa si sa dei bambini e del covid lungo

I bambini che contraggono il covid-19 possono avere sintomi che persistono per settimane o addirittura mesi, ma non è chiaro con quale frequenza ciò accada o quali bambini siano a rischio.

di Cassandra Willyard 13-07-21
Quando si tratta di covid, i bambini sono stati in gran parte risparmiati. Possono essere infettati e diffondere il virus, ma hanno pochi rischi di ammalarsi gravemente o di morire. Tuttavia, proprio come gli adulti, possono avere sintomi che persistono ben oltre l'infezione iniziale. Questa condizione, ufficialmente nota come sequela post-acuta dell'infezione da SARS-CoV-2 (PASC), viene spesso definita covid "lungo". 

La malattia deve essere presa sul serio, afferma Alok Patel, un pediatra del Lucile Packard Children's Hospital di Stanford. "Anche se il covid stesso - l'infezione acuta – si presenta in forma meno grave nei bambini, il covid lungo è molto debilitante e porta a un periodo di isolamento stressante per le famiglie". 

Perché parlarne adesso?

La vaccinazione sta cambiando i dati demografici della pandemia. Man mano che sempre più adulti vengono vaccinati, i bambini e i giovani adulti rappresentano una proporzione crescente di casi. Il numero assoluto di casi tra i bambini è ancora inferiore a quello che era al culmine della pandemia, ma i tassi di infezione nei bambini non sono diminuiti così velocemente come negli adulti. 

I dati sono abbastanza logici. Il virus ancora in circolazione "colpirà le persone più vulnerabili, cioè quelle che non sono state vaccinate", ha detto a NPR Sean O’Leary, vicepresidente del Committee on Infectious Diseases. I bambini sotto i 12 anni non sono ancora idonei per la vaccinazione e le persone più giovani che possono ottenere il vaccino hanno alcuni dei tassi di vaccinazione più bassi negli Stati Uniti. "C'è stata molta attenzione su questi sintomi post-covid negli adulti", afferma Patel. Ma "non abbiamo avuto il tipo di dati robusti di cui abbiamo davvero bisogno nella popolazione pediatrica". Questa situazione sta lentamente iniziando a cambiare. 

Quanto è diffuso il covid lungo nei bambini?

Questo è il problema: semplicemente non si sa. "C'è una carenza di buona letteratura medica pubblicata su questo argomento", afferma Alicia Johnston, specialista in malattie infettive e capo della nuova clinica post-covid al Boston Children's Hospital. Inoltre, la manciata di studi che esistono riportano tassi molto diversi. Per esempio, i ricercatori in Italia hanno intervistato i caregiver di 109 bambini che erano stati infettati e hanno scoperto che il  42 per cento dei bambini aveva almeno un sintomo  due mesi dopo la diagnosi. Quattro mesi dopo, il numero è sceso al 27 per cento. 

Ma i dati dell'Office of National Statistics del Regno Unito suggeriscono che solo il 10-13 per cento dei bambini risultati positivi al covid ha sintomi per più di cinque settimane. E il 7-8 per cento ha sintomi oltre le 12 settimane. Ciò corrisponde ai dati di uno studio australiano, che ha esaminato 151 bambini piccoli con covid e ha scoperto che l'8 per cento riportava sintomi da tre a sei mesi dopo l'infezione. Da allora tutti i ragazzi si sono ripresi.

Uno studio non sottoposto a revisione paritaria ha monitorato i sintomi di oltre 1.700 bambini in età scolare nel Regno Unito risultati positivi al SARS-CoV-2. Di questi, il 4,4 per cento ha avuto sintomi che sono durati più di un mese. E solo l'1,8 per cento presentava sintomi che persistevano per più di due mesi. 

Un altro  documento prestampato proveniente  dalla Svizzera ha confrontato i sintomi del covid lungo in due gruppi di ragazzi di età compresa tra 6 e 16 anni: quelli che avevano anticorpi contro SARS-CoV-2 e quelli che non li avevano (e presumibilmente non erano stati infettati). La percentuale di bambini positivi al covid che riportavano almeno un sintomo variava dal 9 per cento dopo quattro settimane al 4 per cento dopo dodici settimane. Ma sorprendentemente, i ricercatori hanno trovato tassi simili di sintomi tra coloro che sono risultati negativi per gli anticorpi. 

Quali sono le cause del covid lungo?

I ricercatori non sanno perché i sintomi persistono in alcuni bambini e adulti. Le spiegazioni sono varie: il risultato di danni agli organi causati dal virus, le proteine virali nell’organismo che innescano un'infiammazione cronica, un virus che si replica ancora a livelli molto bassi. Quello che si sa è che i sintomi persistenti non sono esclusivi del covid. Anche altri virus possono causare sindromi post-infezione. 

Spesso è difficile stabilire se i sintomi siano causati direttamente dal covid o se siano indirettamente correlati, afferma Patel. Lo stress legato alla pandemia e i cambiamenti sociali come la chiusura delle scuole e il distanziamento sociale possono avere un profondo impatto sulla salute mentale dei bambini. 

Quali sono i sintomi?

I sintomi del covid lungo nei bambini rispecchiano quelli osservati negli adulti: affaticamento, dolori muscolari e articolari, mal di testa, perdita del gusto o dell'olfatto, problemi respiratori, oppressione o dolore toracico e palpitazioni cardiache. "Abbiamo visto un certo numero di bambini che si lamentano di mal di testa davvero persistenti, annebbiamento del pensiero e problemi di concentrazione", afferma Johnston. 

Chi è a rischio?

Ancora una volta, i ricercatori non hanno buone risposte. Alcuni dati suggeriscono che i bambini più grandi corrono un rischio maggiore di sviluppare il covid lungo rispetto ai bambini più piccoli. Ma altri fattori di rischio rimangono sfuggenti. Per esempio, non ci sono prove convincenti che la gravità della malattia iniziale influenzi il rischio. "Molti dei bambini che si lamentano del covid lungo avevano una malattia molto lieve o erano completamente asintomatici", afferma Johnston. 

Inoltre, non esiste un chiaro collegamento a condizioni sottostanti che potrebbero predisporre qualcuno a sviluppare il covid lungo. Se i medici sapessero quali bambini hanno il rischio più elevato "forse qualcosa di preventivo si potrebbe fare", dice Johnston. "Alcuni di questi bambini hanno sofferto per molti, molti mesi prima di arrivare alla nostra clinica". 

Come funziona la diagnosi e la terapia?

Non esiste un test per il covid lungo. I medici ascoltano la storia di un paziente, documentano i suoi sintomi e valutano se c’è stata una precedente infezione da SARS-CoV-2 per fare una diagnosi clinica. E siccome nessuno sa cosa causi il covid lungo, i medici non sono in grado di curarlo. Il meglio che possono fare è trattare i sintomi. Una manciata di cliniche ha creato speciali unità per la terapia del covid lungo mirate a curare i bambini in questa situazione. 

La vaccinazione limiterà i sintomi del covid lungo?

Probabilmente sì. Ci sono state molte segnalazioni che indicano gli effetti positivi della vaccinazione. Un sondaggio su 900 persone nel Regno Unito ha rilevato che la vaccinazione ha migliorato la gravità dei sintomi nel 57 per cento dei partecipanti (Poco meno del 7 per cento ha sperimentato un peggioramento dei sintomi). Alcuni immunologi ipotizzano che i vaccini potrebbero essere in grado di eliminare qualsiasi virus residuo o detriti virali. Ma non ci sono ancora dati specifici per i bambini. 

(rp)