• Ms Tech | Artbreeder, Pixabay
WeChat vuole sfruttare la tecnologia dei deepfake a suo vantaggio
L’azienda intende commercializzare alcune applicazioni di largo uso nelle falsificazioni video nell’industria dell'intrattenimento e nel commercio elettronico, chiedendo allo stesso tempo agli enti regolatori di non intervenire in modo rigido.
di Karen Hao 01-08-20
In un nuovo libro bianco sui suoi piani per l'AI, tradotto dagli studiosi cinesi Jeffrey Ding e Caroline Meinhardt, Tencent, il proprietario di WeChat e uno dei tre maggiori colossi della tecnologia in Cina, sostiene che la tecnologia dei deepfake "non serve solo a ingannare”, ma è decisamente creativa e innovativa". Esorta quindi gli enti regolatori a "essere prudenti" ed evitare di intervenire per reprimere i suoi potenziali benefici per la società.