Vincere la leucemia, contrastando la sindrome da rigetto
Messa a punto da un'équipe italiana e israeliana la tecnica che migliora il trapianto di midollo in pazienti affetti da leucemia
di Michael Day 12-02-10
Un trapianto di midollo osseo sano può essere l'unica speranza per molti pazienti affetti da leucemia mieloide acuta, una forma di cancro che interferisce con la produzione di globuli bianchi sani. Ma dopo che sia il sistema immunitario sia le cellule cancerogene del paziente sono stati distrutti da chemioterapia e radiazioni, ricostruire le funzioni immunitarie della persona risulta un'operazione d'equilibrio delicata e potenzialmente letale. Le cellule immunitarie provenienti da un donatore adulto forniscono una protezione a breve durata per le settimane successive all'operazione. Esiste però il rischio che queste cellule immunitarie attacchino il corpo dell'ospite, provocando la letale sindrome del trapianto contro l'ospite (GVH).