• Michael Loccisano / Getty Images

Un primo sì al vaccino per bambini negli USA

La FDA ha deciso che ai bambini tra i 5 e gli 11 anni può essere somministrato il vaccino per il covid. Ora si aspetta la conferma del CDC.

di Bobbie Johnson 27-10-21

Gli esperti della FDA ha approvato il vaccino contro il covid di Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni negli Stati Uniti. La decisione verrà sottoposta al comitato consultivo per l'immunizzazione del CDC, noto come ACIP, che si riunirà la prossima settimana. Secondo Anthony Fauci, le vaccinazioni per milioni di bambini potrebbero iniziare da primi di novembre con la possibilità che la maggior parte dei bambini sia completamente vaccinata entro le vacanze.

 

Ma non tutti i paesi stanno seguendo lo stesso percorso degli Stati Uniti: alcuni stanno provando dosi singole o rifiutando i vaccini per i bambini più piccoli. Ci si chiede: se i giovani corrono un rischio molto più basso di covid, è davvero necessario vaccinarli? Quali sono i vantaggi individualmente? E per la società più in generale?

 

"Per somministrare un vaccino a persone e bambini sani, il vantaggio deve essere molto evidente", afferma Dean Blumberg, professore associato di malattie infettive pediatriche presso l'UC Davis. Per questa ragione, quando i funzionari si incontrano, calcolano una serie complicata di fattori. Quali sono le probabilità che un bambino venga contagiato dal covid? Quanta protezione fornisce un vaccino? Quali sono i potenziali sintomi e complicazioni che i bambini affrontano quando lo prendono? 

 

Tenendo conto di tutte queste domande, afferma Blumberg, "è chiaro che i benefici superano i rischi per questa fascia di età". In effetti, i dati e le analisi degli studi hanno mostrato che in quasi tutti gli scenari covid, vaccinare i bambini preverrà da infezioni gravi e morte, con pochissimi rischi.

 

Cosa dicono le ricerche

 

Lo studio di Pfizer, iniziato nel marzo 2021, ha preso in considerazione circa 2.300 bambini e ha somministrato a due terzi di loro un regime di vaccinazione a due dosi, mentre gli altri hanno ricevuto un placebo. Le dosi sono state somministrate a 21 giorni di distanza e, soprattutto, a un dosaggio inferiore rispetto a quelli per le persone anziane, ossia un terzo della quantità di vaccino.

Dallo studio, tre bambini vaccinati hanno contratto il covid, mentre i casi nel gruppo placebo erano 16, con un efficacia di circa il 91 per cento. Gli effetti collaterali sono stati quelli tipici e generalmente lievi, e la miocardite, l'infiammazione del cuore che è stata vista come un effetto collaterale raro e che probabilmente causava più preoccupazione, non si è manifestata (i tassi tra gli adulti si aggirano intorno ai sette per milione, quindi 2.300 è un campione molto piccolo).

 

Moderna, nel frattempo, ha detto che i suoi studi sui bambini sotto i 12 anni, con due dosi dimezzate rispetto agli adulti somministrate a 28 giorni di distanza, mostrano risultati positivi. Questo vaccino non è stato discusso nella riunione della FDA e dovrà seguire lo stesso percorso di approvazione che Pfizer ha attualmente intrapreso prima di poter essere somministrato ai bambini.

 

Il dato di fondo che questi studi hanno dimostrato è che le vaccinazioni riducono le possibilità dei bambini di infezione da covid sintomatica e di ospedalizzazione in linea con il numero degli adulti e senza complicazioni degne di nota.

 

La vaccinazione dei bambini può aiutare a frenare la pandemia?

 

La vaccinazione non riguarda solo i benefici individuali, sebbene questi siano ovviamente importanti. A un livello più ampio, afferma l'epidemiologo computazionale Maimuna Majumder, docente del Boston Children's Hospital e della Harvard Medical School, vaccinare i bambini potrebbe avere un impatto sulla diffusione della pandemia stessa."Una cosa che rende unici i bambini in età scolare, soprattutto i più piccoli, non è solo il numero di contatti che hanno in un dato giorno, ma anche l'eterogeneità dei gruppi di età dei contatti". 

 

“Interagiscono con i loro coetanei a scuola e con altri nelle attività extracurriculari, con educatori e operatori sanitari più anziani, nonché con le loro famiglie”. Per questo, continua, "ci aspettiamo che la vaccinazione diffusa dei bambini in età scolare possa aiutare a frenare la trasmissione nei mesi a venire". Ricorda, inoltre, che le vaccinazioni non solo fermano la maggior parte dei ricoveri per covid, ma rallentano anche la diffusione della malattia. Studi in Israele e negli Stati Uniti indicano che la vaccinazione riduce la carica virale, che a sua volta riduce la trasmissione.

 

Questi dati sono importanti perché i bambini e gli adolescenti rappresentano il 13 per cento dei casi di covid documentati. La fascia di età 5-11 è il più grande gruppo rimasto di persone non vaccinate negli Stati Uniti: circa 28 milioni di bambini in tutto il paese. Si sta parlando dell'8 per cento della popolazione e, se fossero tutti vaccinati, il tasso di vaccinazione complessivo degli Stati Uniti potrebbe passare dal 58 al 66 per cento, molto più vicino alle soglie dell'immunità di gregge.

 

Ma potrebbe essere un obiettivo troppo ambizioso. Ka-Kit Tung, professore di matematica all'Università di Washington, ha studiato l'effetto dei vaccini sulla diffusione delle varianti. Dice che l'infettività della variante delta significa che è fondamentale avvicinarsi il più possibile al 100 per cento di vaccinazione. 

 

L'immunità di gregge dal ceppo originale di covid aveva bisogno di qualcosa come il 75 per cento di vaccinazione, ma il delta richiede una copertura vicina al 99 per cento. "In sostanza, è necessario vaccinare ogni bambino e adulto", dice. "Se si esclude un gruppo della popolazione, non si porterà mai l’indice di riproduzione al di sotto di 1”.

 

Far salire a bordo i genitori

 

È realistico un numero del genere? Majumder osserva che i tassi di vaccinazione tra gli adolescenti sono ancora bassi. Solo il 46 per cento dei giovani tra i 12 e i 15 anni è stato vaccinato finora. Questo, dice, è in gran parte dovuto alle preoccupazioni dei genitori. "Per questo motivo, sono dell'opinione che dobbiamo lavorare sui dubbi dei genitori di fronte al vaccino", afferma. “Non è affatto un problema nuovo. Prima della pandemia”, spiega, “stavo studiando questo fenomeno nel contesto del morbillo e dell'HPV”.

 

Tuttavia, mentre i bambini hanno meno probabilità di contrarre il covid sintomatico (e quindi meno probabilità di diffonderlo attraverso la tosse e gli starnuti), vaccinare questo gruppo potrebbe fare la differenza mentre ci dirigiamo verso un altro inverno difficile. "Si potrebbe pensare a come affrontiamo l'influenza", dice Blumberg di UC Davis. I vaccini antinfluenzali sono molto meno efficaci dei vaccini contro il covid, ma aiutano comunque a proteggere le persone se un numero sufficiente di persone li assume regolarmente. 

 

"Con l'influenza, la maggior parte delle persone gode di un'immunità parziale", spiega. "La si può prendere, ma senza ospedalizzazione o forme gravi nella stragrande maggioranza delle persone a meno che non siano immunocompromesse o anziane". Se otteniamo questo tipo di risultato, conclude, "allora non avremo ospedali e unità di terapia intensiva sovraffollate e potremo porre fine ai lockdown e agli obblighi di mascherine.

(rp)