• Immagine satellitare dell'altopiano tibetano. NASA

Un nuovo telescopio sull'altopiano tibetano

La maggior parte degli osservatori spaziali più potenti del mondo si trova nell'emisfero occidentale. E’ giunto il momento di costruirli in Oriente.

di Neel V. Patel 20-08-21
I migliori osservatori astronomici del mondo si trovano principalmente nell'emisfero occidentale, in luoghi ad alta quota come la vetta del Mauna Kea alle Hawaii, La Palma nelle Isole Canarie e la vetta del Cerro Paranal nel deserto di Atacama in Cile. Ma ci sono anche luoghi incontaminati con una visione chiara del cielo a Est. Ora, un team di astronomi cinesi ha proposto la costruzione di un osservatorio nell'altopiano tibetano, parte della più vasta regione dell'Asia comunemente chiamata il "tetto del mondo". 

Il 18 agosto, il gruppo ha pubblicato un  articolo  su “Nature” in cui descrive il potenziale che vede in cima al monte Saishiteng, vicino alla città di Lenghu nella provincia del Qinghai (che è vicino al Tibet, una regione di forti tensioni politiche da quando la Cina l'ha annessa per la prima volta nel 1951). 

A più di 2,5 miglia di altitudine, Lenghu "è nota per avere cieli insolitamente limpidi", afferma Licai Deng, uno scienziato dell'Accademia cinese delle scienze e coautore del nuovo studio. Allo stesso tempo, l'area di Lenghu ha un paesaggio spettacolare simile a Marte. Deng afferma che il governo locale, desideroso di attirare turisti interessati all'astronomia e alla geografia, ha chiesto al suo team di esaminare l'area e valutare se potrebbe essere un buon posto per costruire un osservatorio.

Quattro fattori principali influenzano l'idoneità di qualsiasi luogo per la ricerca astronomica. Il primo è la presenza di cieli sereni, il che significa nessuna densa formazione di nubi e pochissimo inquinamento luminoso. Il secondo è la stabilità delle condizioni atmosferiche e meteorologiche locali e l'effetto che l'atmosfera avrà sulle osservazioni ottiche e a infrarossi di notte (anche le più piccole particelle nell'aria possono interferire). Il terzo è se il sito è connesso a un'infrastruttura (come l'alimentazione) e se è possibile accedervi senza troppi problemi. E infine, un'area che garantisce l’assenza di future attività umane che interferiscano sull’oscurità notturna. 

I luoghi ad alta quota come Lenghu sono di grande interesse per gli astronomi, poiché è più concentrato lo spazio di osservazione degli oggetti nello spazio. I ricercatori hanno monitorato l'area di Lenghu per tre anni, misurando l'oscurità del cielo, il tempo, le condizioni atmosferiche e altro ancora. Hanno scoperto che l'area ha ottenuto almeno lo stesso punteggio su tutti e quattro i fattori rispetto ad altri potenziali siti esaminati nell'altopiano tibetano. 

Per molti aspetti, pensano i ricercatori, potrebbe essere migliore dei siti esistenti alle Hawaii e in Cile. C'è meno variabilità nelle temperature dell'aria e condizioni atmosferiche più stabili, e il cielo è leggermente più sereno. Anche la quantità di vapore acqueo nell'aria è bassa, il che è particolarmente utile per le osservazioni a infrarossi importanti per la cosmologia. Circa tre decenni di registrazioni meteorologiche rivelano solo una media di 18 mm di pioggia all'anno. "In questo contesto, Lenghu ha il potenziale per ospitare grandi strutture", afferma Deng. 

A lungo termine, Lenghu potrebbe essere più protetta dagli effetti dell'attività umana rispetto alle Hawaii o al Cile. La città ha approvato le regole nel 2017 per preservare il cielo dall’inquinamento luminoso. "I risultati presentati per l’area di Lenghu sono quasi altrettanto buoni di quelli trovati per Mauna Kea, che è ampiamente considerato come uno dei migliori siti del mondo", afferma  Paul Hickson, astronomo dell'Università della British Columbia a Vancouver, che in precedenza ha condotto test sul sito presso il  Dome A in Antartide. Un aspetto particolarmente interessante di questa location è l'attenzione al controllo dell'inquinamento luminoso.

In un certo senso, questa nuova ricerca è la conferma degli attuali piani astronomici della Cina per l'area intorno a Lenghu. Questi piani includono un telescopio di rilevamento di immagini da 2,5 metri che ha iniziato la costruzione quest'anno, un telescopio solare a infrarossi da 1 metro che farà parte di una serie internazionale di otto telescopi e altri due di 1,8 metri e 0,8 metri, per la scienza planetaria. 

Come sottolinea Deng, la Tsinghua University e l'Università dell'Arizona stanno lavorando insieme alla costruzione di  un telescopio  di 6,5 metri per operare sulla vetta del monte Saishiteng. E ci sono anche progetti nascenti per un telescopio di 12 metri nello stesso luogo. Questi strumenti contribuiranno a mettere la Cina alla pari con alcuni dei "grandi" telescopi operati in luoghi come il Cile, ma a non regeere ancora il confronto con gli osservatori "estremamente grandi" in costruzione in tutto il mondo, come il Giant Magellan Telescope da 24,5 metri in Cile, il Thirty Meter Telescope alle Hawaii e l'Extremely Large Telescope da 39,3 metri in Cile. 

Il tipo di scienza che questi strumenti potrebbero realizzare dovrebbe inaugurare una nuova era dell'astronomia. Se la Cina è seriamente intenzionata a stabilire un programma di astronomia più ambizioso, dovrà recuperare abbastanza velocemente. Comunque, la scelta dell’altopiano tibetano è una buona notizia.

(rp)