Uber offre in open source il suo linguaggio per l’intelligenza artificiale
Sotto un velo di apparente generosità, un messaggio: Esperti di IA cercansi.
di Jackie Snow 08-11-17
Il laboratorio di Uber per l’intelligenza artificiale ha meno di un anno, ma i suoi ricercatori hanno già sviluppato un linguaggio di programmazione per applicazioni di IA, e lo hanno messo a disposizione di tutti; una mossa alquanto generosa per una società meglio conosciuta per le sue aggressive tattiche d’impresa che per la generosità verso potenziali competitori. “Per noi è più importante coinvolgere l’intera comunità piuttosto che tenere la tecnologia per noi”, ha detto Zoubin Ghahramani, scienziato capo degli AI Labs di Uber.