Telefonia mobile tridimensionale
I telefoni intelligenti si convertono al 3-D
di Annalee Newitz 16-06-10
Il Samsung B710 sembra un classico telefono intelligente, ma qualcosa di inaspettato accade quando lo schermo passa da un orientamento verticale a uno orizzontale: l'immagine da bidimensionale diventa tridimensionale. La tecnologia che produce questa percezione di profondità è frutto del lavoro di Julien Flack, responsabile tecnologico di Dynamic Digital Depht, che ha trascorso più di dieci anni a perfezionare il software in grado di convertire in tempo reale i contenuti 2-D in 3-D. Un passo forse decisivo per risolvere il problema centrale del 3-D: la necessità di occhiali speciali che trasmettano un'immagine distinta a ogni occhio. Il software di Flack sintetizza scene 3-D da video 2-D esistenti, valutando la profondità degli oggetti grazie a diversi indizi; per esempio, una striscia di cielo nella parte superiore dell'inquadratura appartiene probabilmente a uno sfondo remoto. Il software crea coppie di immagini leggermente differenti, che il cervello dell'osservatore mette insieme per produrre la sensazione di profondità.