• Hussam (ultima fila, seconda da destra) con i rifugiati in un campo in Bangladesh. Foto di cortesia

Strategia dei piccoli passi per cambiare

Per intervenire sulla complessa situazione nei paesi in via di sviluppo, ogni tentativo di aiuto deve partire dal rispetto della dignità e delle storie personali, andando oltre i soli aspetti materiali.

di Alissa Greenberg 20-09-21
Reshmaan Hussam, una volta sognava di diventare una "psicostorica" come il protagonista del romanzo Fondazione di Isaac Asimov che combina sociologia, storia e statistica per salvare il mondo. Forse, riteneva che in questo modo avrebbe dato un senso ai contrasti snervanti che hanno segnato la sua infanzia, caratterizzata dalla quotidianità nella periferia della Virginia intermezzata dalle visite ai suoi genitori in Bangladesh. 

Hussam ricorda acutamente il senso di colpa e la confusione che provava guidando nel traffico di Dhaka con la sua famiglia, guardando i bambini scalzi che bussavano alle finestre, elemosinando cibo e denaro. Quando ha scoperto l'economia dello sviluppo, con la sua attenzione al comportamento umano e al rigore sperimentale, ha sentito che questo campo di ricerca era il più vicino possibile alla psicostoria di Asimov.

Come studentessa universitaria in economia al MIT, Hussam ha rafforzato il suo naturale interesse per le arti liberali con competenze in matematica, progettazione sperimentale e analisi dei dati. Ha partecipato alle lezioni di Abhijit Banerjee e Esther Duflo, i vincitori del Nobel fondatori del centro di ricerca globale Abdul Latif Jameel Poverty Action Lab (J-PAL), che l'hanno introdotta all'economia dello sviluppo e in seguito sono stati i suoi consulenti di dottorato. "Ci sono banconote da un dollaro che si possono raccogliere in tutto il mondo", ricorda di averle detto Banerjee. “Non c'è bisogno di cercare il milione di dollari, ma bastano le banconote da un dollaro”. 

Hussam ha costruito la sua tesi al MIT attorno a uno di questi piccoli cambiamenti: come si lavano le mani nel Bengala occidentale. Milioni di dollari erano già stati versati in campagne di salute pubblica intorno al lavaggio delle mani, con scarsi risultati. Quindi le persone erano scettiche sulla proposta di Hussam di progettare un semplice distributore di sapone che registrasse l'utilizzo, riempirlo con sapone schiumogeno in alternativa alle barre grezze utilizzate per il bucato e la pulizia della casa, posizionarlo da qualche parte visibile nelle case dei soggetti e utilizzare i dati per motivare le famiglie a sviluppare l'abitudine di lavarsi le mani. 

Ma ha funzionato. Dare semplicemente alle famiglie sapone e distributori accessibili ed economici ha portato a benefici per la salute dei bambini: in pochi mesi, quelli nelle case con i distributori sono diventati più alti e hanno messo su più peso di quelli nelle abitazioni che ne erano privi. Una chiave, dice Hussam, è stata "rendere i bambini entusiasti di impegnarsi, in modo da trasmettere la stessa spinta ai genitori".

Hussam considera i suoi risultati un invito a "pensare con più empatia e attenzione a come le persone nei paesi in via di sviluppo prendono decisioni sulla salute preventiva". Questo approccio “compassionevole” è ciò che lega insieme i suoi progetti, compresa la sua recente ricerca che esplora il significato del lavoro per i rifugiati Rohingya che sono fuggiti dal Myanmar per sottrarsi alla violenza genocida. 

Dopo essere entrata a far parte della facoltà della Harvard Business School nel 2017, Hussam ha trascorso quattro anni a lavorare con i colleghi su un progetto che offre diversi livelli di aiuti in denaro e lavoro ai rifugiati nei campi in Bangladesh. Di solito, dice, i campi sono luoghi di profondo ozio. Anche quando gli operatori delle ONG organizzano attività culinarie o culturali, la frequenza è scarsa. Mentre alcuni potrebbero interpretare questo comportamento come pigrizia, "quello che abbiamo scoperto è che c’è un bisogno disperato di lavorare", spiega Hussam. “Solo lavorare, al contrario di fare attività, sembra avere un senso” .

Nel corso dell'esperimento, Hussam e i suoi colleghi hanno pagato un gruppo per svolgere un lavoro di rilevamento per due mesi. Un secondo gruppo ha ricevuto la stessa paga senza alcuna richiesta particolare. E un terzo gruppo di controllo ha ricevuto una somma molto più piccola in cambio di un breve sondaggio. 

“Per i soggetti di sesso maschile”, dice, "abbiamo scoperto che il denaro da solo, che è un bel po' di denaro data la loro indigenza, migliora a malapena il benessere psicosociale". La chiave era il lavoro. Gli uomini pagati per lavoro erano meno depressi e meno stressati e riportavano il 22 per cento in meno di pensieri autolesionisti rispetto a quelli che non lavoravano. Le donne hanno visto miglioramenti nel benessere dal denaro e dal lavoro, apparentemente potenziati dall'indipendenza fornita da qualsiasi tipo di denaro.

In definitiva, "nonostante la loro povertà, i benefici materiali da soli potrebbero non essere sufficienti quando le persone si trovano in condizioni mentali o emotivamente disperate", conclude Hussam. Ogni tentativo di aiuto deve avere al centro il rispetto della dignità della persona. Hussam spera che il suo lavoro serva a umanizzare i milioni di persone coinvolte nelle crisi dei rifugiati in tutto il mondo, persone che hanno perso "un posto da chiamare casa, amicizie e una scopo nella vita".

(rp)
  • Reshmaan Hussam. Foto di cortesia