• Ms Tech

Sospetti infondati sui cinesi per lo spionaggio industriale

Un nuovo studio sui casi di furto di segreti commerciali in collusione con entità straniere afferma che negli Stati Uniti le persone di origine cinese hanno maggiori probabilità di essere accusate di crimini e meno di essere condannate.

di Eileen Guo 23-09-21
Per anni, gruppi per i diritti civili hanno accusato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di profilazione razziale contro gli scienziati di origine cinese. Oggi, un nuovo rapporto fornisce dati che possono quantificare alcune delle loro affermazioni. Lo studio, pubblicato dal Committee of 100, un'associazione di importanti leader civici cinesi-americani, ha scoperto che gli individui di origine cinese hanno più probabilità di essere accusati ai sensi dell'Economic Espionage Act, ma spesso non subiscono condanne. 

"La domanda fondamentale a cui questo studio cerca di rispondere è se gli asiatici-americani sono trattati in modo diverso rispetto a chi viene normalmente sospettato di spionaggio", ha affermato l'autore del rapporto, Andrew C. Kim, avvocato e visiting scholar presso il South Texas College of Law Houston. "La risposta alla domanda è si“.

Lo studio, che ha esaminato i casi di spionaggio economico negli Stati Uniti dal 1996 al 2020, ha scoperto che poco meno della metà di tutti gli imputati sono stati accusati di aver rubato segreti a beneficio della Cina. Questo è di gran lunga inferiore alle cifre stabilite dai funzionari statunitensi per giustificare la China Initative del Dipartimento di Giustizia. Secondo il rapporto, il 46 per cento degli imputati incriminati ai sensi dell'Economic Espionage Act è stato accusato di attività a vantaggio di persone o entità cinesi, mentre il 42 per cento degli imputati è stato accusato di aver rubato segreti a vantaggio delle imprese americane. 

I numeri contraddicono direttamente gran parte dei messaggi del Dipartimento di Giustizia sulla China Initiative, lanciata nel 2018 per combattere lo spionaggio economico. Il dipartimento ha dichiarato pubblicamente, per esempio nella prima riga della sua home page dedicata alla Chinese Initiative, che l'80 per cento delle sue azioni penali sarebbe relativo a benefici per lo stato cinese, riflettendo un "furto di dimensioni tali da rappresentare uno dei più grandi trasferimenti di ricchezza nella storia umana", come ha detto il direttore dell'FBI Christopher Wray nel 2020. Dal 2019, il programma si rivolge in gran parte ai ricercatori accademici. 

Tante accuse, ma poche prove

Il rapporto si basa su un'analisi dei documenti pubblici dei tribunale, nonché sui comunicati stampa del Dipartimento di Giustizia, per tutti i procedimenti dell'Economic Espionage Act tra il 1996 e il 2020. Si tratta di un aggiornamento di un'analisi precedente, pubblicata nel Cardozo Law Review, che riguardava il periodo fino al 2016. 

Sono state incluse le accuse di "furto di segreti commerciali" e di "spionaggio economico", con quest’ultima accusa che richiede la prova di un "nesso con entità straniera" ed è accompagnata da sanzioni più elevate. Queste due categorie costituiscono solo una parte delle accuse nell'ambito della China Initiative; Kim menziona brevemente "dichiarazioni false e crimini processuali" e le persone sono state anche accusate di frode finanziaria e di mentire sulle domande di visto.

Poiché le informazioni demografiche e i dati sulla cittadinanza non sono inclusi nei documenti del tribunale, Kim ha utilizzato i nomi come indicatori per stabilire la loro origine e ha utilizzato le ricerche su Google quando i nomi, come Lee e Park, erano etnicamente ambigui. Per quanto riguarda la cittadinanza, Kim ha osservato che i comunicati stampa spesso menzionano in modo evidente se un imputato è un "cittadino straniero", quindi ha assunto che gli imputati non lo fossero se non diversamente indicato. 

Il rapporto ha rilevato che l'89 per cento degli imputati con nomi occidentali accusati di spionaggio economico è stato infine condannato, contro il 74 per cento degli imputati con nomi asiatici. Mike German, un ex agente speciale dell'FBI che ora è membro del Brennan Center for Justice presso la New York University, vede i più alti tassi di assoluzione come "una prova importante che il Dipartimento di Giustizia sta lanciando accuse con meno prove, forse basandosi sul pregiudizi che stanno fomentando con la loro retorica anti-cinese”. 

Il rapporto ha anche rilevato che mentre il numero di casi di spionaggio economico è diminuito sotto l'amministrazione Trump, gli imputati cinesi e cinesi-americani sono stati accusati a tassi più elevati. Il numero di casi portati avanti dal Dipartimento di Giustizia è sceso da 105 durante l'amministrazione Obama a 52 tra il 2016 e il 2020. Ma più della metà degli imputati nei casi condotti sotto l'amministrazione Trump aveva nomi cinesi. Ciò segue una tendenza iniziata nel 2009, quando i nomi cinesi hanno iniziato a sorpassare quelli occidentali tra quelli accusati. 

E nonostante la maggiore attenzione per gli accademici, solo il 3 per cento dei casi di spionaggio economico nello studio ha coinvolto questa categoria. I principali settori industriali coinvolti nei furti sono il tecnologico (23 per cento), il produttivo (21 per cento), quello della difesa/energia (15 per cento) e degli affari (10 per cento). “'Questo studio suggerisce che il governo sta cercando spie nel posto con meno probabilità di trovarli", dice il rapporto.

Il rischio dello stigma sociale

In quello che Kim ha descritto come uno dei risultati più importanti dello studio, l'analisi ha rilevato che il Dipartimento di Giustizia era più propenso a pubblicizzare i casi che coinvolgevano imputati con nomi asiatici rispetto a quelli contro imputati con nomi occidentali: per il 51 per cento degli imputati occidentali ci sono comunicati stampa del Ministero della Giustizia, rispetto all'80 per cento per tutti gli imputati asiatici e all'83 per cento per gli imputati di origine cinese. Come ha scritto Kim, "Pubblicare presunti crimini di una minoranza razziale più di crimini simili commessi da altri rischia di dipingere una “razza” come più incline a una condotta criminale rispetto ad altri". 

Ci sono limitazioni nello studio, come hanno indicato sia il rapporto stesso sia altri ricercatori e stretti osservatori del programma. Non copre tutte le potenziali accuse nell'ambito della Chinese Initiative e, soprattutto, "non aiuta con la questione della portata della minaccia rappresentata dalla Cina", ha scritto Margaret Lewis, professore di diritto alla Seton Hall Law School che in un commento ufficiale alla ricerca ha detto che sono stati criminalizzati i rapporti con la Cina

Lewis si chiede se la scarsa relazione tra accuse e condanne per gli individui cinesi e quelli di origine cinese faccia sorgere seri dubbi sulla fondatezza delle indagini. Lo studio non ce lo dice. “Questo rappresenta un limite nei dati disponibili, afferma Alex Nowrasteh, direttore degli studi sull'immigrazione e del Center for Trade Policy Studies del Cato Institute, che all'inizio di quest'anno ha pubblicato una sua ricerca sulle condanne per spionaggio. "Il problema con l'analisi dello spionaggio economico è che non conosciamo l'universo totale delle persone che hanno portato avanti o hanno tentato lo spionaggio economico", dice. 

Kim afferma di sospettare che il pregiudizio razziale, anche se implicito, fosse in gioco: “La vastità di queste disparità solleva preoccupazioni sul fatto che i fattori razziali abbiano indotto il nostro governo a punire le persone di determinate razze più severamente di altre che hanno commesso crimini simili. I pregiudizi impliciti non devono essere coscienti o esplicitamente "razzisti" per produrre disparità".

Non tutti sono convinti. "Il governo sostiene che gli effetti sproporzionati non stabiliscono intenti discriminatori", ha scritto Lewis, "ma non è necessario un pregiudizio per concludere che la China Initiative sia fatalmente imperfetta".

I segni di un'inversione? 
 
I gruppi per i diritti civili asiatico-americani hanno sollevato preoccupazioni per anni sugli effetti agghiaccianti della profilazione razziale degli scienziati cinesi-americani da parte dell'FBI. Numerosi gruppi accademici, associazioni scientifiche e rappresentanti del Congresso si sono uniti agli appelli per indagare, o frenare, sulle presunte indagini discriminatorie dell'FBI e del Dipartimento di Giustizia. 

La marea potrebbe cambiare. Il 9 settembre, un giudice federale ha assolto Anming Hu, un accademico cinese-canadese ed ex professore all'Università del Tennessee, da tutte le accuse di frode alla NASA sulle domande di sovvenzione, tre mesi dopo che una giuria non è stata in grado di raggiungere un verdetto sul suo caso. Alla fine di luglio, il Dipartimento di Giustizia ha archiviato in un solo giorno i procedimenti giudiziari su altri cinque ricercatori accademici; erano stati accusati di aver mentito sui collegamenti con l'esercito cinese.

"Più apprendiamo sulla China Initiative, più sembra problematica", ha detto Lewis in una e-mail a “MIT Technology Review”. “Dobbiamo continuare a dimostrare al governo che esiste un modo migliore. Nessuno sta dicendo che proteggere la sicurezza della ricerca mitigando le preoccupazioni sui pregiudizi sarà facile, ma è fondamentale".  Il Dipartimento di Giustizia non ha ancora risposto a una richiesta di commento. 

(rp)