• L'impianto di desalinizzazione di Keppel Marina East è in grado di produrre 115 milioni di litri di acqua pulita ogni giorno. Keppel Infrastructure

Singapore a corto d'acqua

La minuscola città-stato, che importa le risorse idriche dalla Malesia, punta all’autosufficienza, ma i difficili rapporti politici con il paese confinante e il cambiamento climatico hanno reso ancora più pressante la necessità di nuove iniziative.

di Megan Tatum 27-12-21
Ogni giorno, il bacino idrico di Linggiu combatte silenziosamente con l'oceano, immettendo l'acqua piovana nel fiume Johor nel sud della Malesia per mantenere i suoi livelli di sale abbastanza bassi da poter essere trattati. Singapore, che ha costruito il bacino idrico nel 1995, aveva il diritto di estrarre circa 950 milioni di litri al giorno dal fiume lungo 123 chilometri, soddisfacendo più della metà del fabbisogno nazionale, ma un periodo di siccità prolungato nel 2016 ha visto i livelli del serbatoio scendere ad appena il 20 per cento della capacità. 

"C'era un rischio reale per il nostro approvvigionamento idrico", ha detto in seguito il primo ministro di Singapore, Lee Hsien Loong. "È stato un vivido promemoria del motivo per cui dobbiamo essere ossessionati dal risparmio idrico e dal fare in modo che ogni goccia conti". La sicurezza idrica non è una preoccupazione nuova per Singapore. La limitata massa terrestre della città-stato e la mancanza di laghi naturali o falde acquifere hanno reso l'acqua una priorità sin da quando il paese ha ottenuto l'indipendenza negli anni 1960. 

"Anche se siamo situati vicino all'equatore e benedetti da abbondanti piogge, siamo sempre in emergenza a causa della mancanza di terra per raccogliere e immagazzinare tutta l'acqua piovana che cade all'interno di Singapore", spiega Harry Seah, vice amministratore delegato per le operazioni presso il Public Utilities Board (PUB), l'agenzia nazionale per l'acqua di Singapore. Nel 2015, il World Resources Institute ha classificato il paese tra i più vulnerabili allo stress idrico, alla pari con gli stati aridi del Bahrain, del Qatar e del Kuwait. 

Per decenni, Singapore ha saziato una parte significativa della sua domanda attraverso accordi per importare acqua dalla vicina Malesia. Uno di questi accordi è scaduto nel 2011. Il secondo, quello che consente al Paese di attingere acqua dal bacino idrico di Linggiu, è ancora vigente, ma soggetto a pressioni politiche oltre che a problemi legati alla siccità. 

"In passato, ci sono state più volte in cui il rapporto tra Malesia e Singapore ha avuto punti di attrito, con l'acqua oggetto di controversia", afferma Stuti Rawat, borsista post-dottorato presso il Dipartimento di studi asiatici e politici dell'Education University di Hong Kong. 

Nel 2018, Mahathir Mohamad, l'allora primo ministro della Malesia, ha manifestato l’intenzione di rinegoziare l'accordo Linggiu, definendo ridicole le attuali condizioni che vedono Singapore pagare solo tre sen (meno di un centesimo) per 3.785 litri. " "Per questo motivo, è molto importante per Singapore cercare di ritagliarsi un proprio approvvigionamento idrico indipendente", aggiunge Rawat. 

L'aumento delle temperature globali ha reso più pressante la situazione. "Con il cambiamento climatico, ci aspettiamo condizioni meteorologiche più estreme con piogge più intense e periodi di siccità più lunghi, come sperimentato negli Stati Uniti, in Cina, in India e in molte altre parti del mondo", afferma Seah. Questi modelli volatili significano che il paese non può più fare affidamento sulle precipitazioni per riempire in modo prevedibile i suoi bacini. 

PUB ha mobilitato le famiglie per risparmiare acqua. Entro il 2023, prevede di installare circa 300.000 contatori d'acqua intelligenti nelle case, utilizzando le tecnologie digitali per monitorare l'utilizzo e segnalare le perdite. Ma il paese sta anche accelerando le iniziative per espandere le proprie fonti d'acqua. PUB si è impegnata a raddoppiare la fornitura domestica di acqua potabile entro il 2060, un'impresa che porterebbe Singapore vicino all'autosufficienza. Fondamentalmente, mira a farlo senza aumentare il consumo di energia. 

L'impianto di desalinizzazione di Keppel Marina East, che si trova su un terreno bonificato nell'area di Marina East di Singapore, è un monumento a questo tentativo. Inaugurato nel giugno 2020, l'impianto è in grado di produrre 115 milioni di litri di acqua pulita ogni giorno. Costruito con un contratto governativo stimato in 345 milioni di dollari statunitensi, genera acqua dolce utilizzando una quantità significativamente inferiore di energia rispetto a un tipico impianto di desalinizzazione. 

Il risultato è possibile perché l'impianto funziona in due modalità, aspirando e trattando la pioggia che si accumula in un vicino bacino durante i periodi umidi e trattando l'acqua di mare solo quando il clima è secco. Entrambe le sorgenti vengono trasformate in acqua potabile attraverso una combinazione di ultrafiltrazione, osmosi inversa e radiazioni ultraviolette. 

L'impianto, uno dei primi al mondo a utilizzare un tale sistema dual-mode, è un esempio di come Singapore abbia continuamente "spinto i limiti" sulla gestione dell'acqua, afferma JianYuan Ling, responsabile della divisione delle industrie energetiche per Singapore presso ABB, l’azienda dietro alcune delle tecnologie di base dell'impianto.

In tal modo, ha sfidato i fornitori. "L'efficienza è sicuramente la loro massima priorità", afferma Ling. "Questo è un progetto nazionale, quindi l'intero paese sta guardando". Ma Keppel, aggiunge, è solo "parte del grande piano" per rendere Singapore autosufficiente quando si tratta di acqua.

L'altro elemento è la massiccia campagna di riciclaggio delle acque reflue del paese, da cui Singapore ricava già il 40 per cento della sua acqua. Entro il 2060, si spera, questo contributo salirà al 55 per cento. Il fiore all'occhiello di questo piano è l'impianto di bonifica dell'acqua di Changi, inaugurato nel 2009. Gran parte della struttura è sotterranea (alcune parti sono profonde 25 piani) e le  acque reflue vengono aspirate attraverso un tunnel lungo 48 chilometri collegato alla rete fognaria del paese. 

È in grado di trattare fino a 900 milioni di litri di acque reflue al giorno, utilizzando membrane per filtrare particelle microscopiche e batteri, osmosi inversa per rimuovere minuscoli contaminanti e infine disinfezione UV per distruggere eventuali virus o batteri rimasti. Questo tipo di bonifica è "la chiave per aiutarci a superare il nostro vincolo di terra per lo stoccaggio", afferma Seah, riferendosi al fatto che lo spazio per accumulare acqua a Singapore scarseggia. 

Il prossimo passo per Singapore è ridurre ulteriormente il consumo di energia. Per esempio, in una struttura di ricerca e sviluppo nell'area industriale di Tuas, PUB sta testando una nuova tecnologia di desalinizzazione che utilizza un campo elettrico per estrarre i sali disciolti dall'acqua di mare, un processo a minor consumo energetico rispetto all'osmosi inversa. È in fase di sviluppo anche una membrana biomimetica che utilizza proteine naturali presenti nelle cellule per svolgere lo stesso compito. 

Tali strategie di risparmio energetico saranno indispensabile per Singapore se vuole raggiungere l'indipendenza idrica. La popolazione in espansione e la crescita industriale sono destinate a raddoppiare la domanda di acqua nel paese entro il 2060.

Megan Tatum è una giornalista freelance con sede a Penang, in Malesia.

(rp)