• Getty

Si può estrarre il metano dall'atmosfera in tempi rapidi?

La tecnologia di rimozione dell’idrocarburo non è ancora sicura e dovrà essere ampliata rapidamente per prevenire i peggiori impatti del cambiamento climatico.

di Casey Crownhart 28-09-21
L'estrazione del metano dall'atmosfera ha il potenziale per aiutare a rallentare il riscaldamento globale nei prossimi decenni, ma i ricercatori stanno ancora cercando di capire se sia davvero fattibile. L’idrocarburo è un potente gas serra e le attività umane come l'estrazione di gas naturale e l'agricoltura hanno più che raddoppiato la sua concentrazione dall'era preindustriale. Eliminare parte del metano dall'atmosfera, o in primo luogo impedirne l'emissione, non fermerà il cambiamento climatico da solo, ma la rimozione del metano potrebbe svolgere un ruolo nell'impedire i peggiori effetti del riscaldamento in questo secolo.

Secondo un recente documento, ridurre il metano nell'atmosfera del 40 per cento potrebbe attenuare il riscaldamento di 0,4 ˚C entro il 2050. I ricercatori hanno anche pubblicato un piano che delinea potenziali approcci e richiede ulteriori ricerche sulla tecnologia di rimozione del metano, che finora è stata per lo più confinata al laboratorio. "Probabilmente non c'è niente che potremmo fare che abbia un effetto maggiore sul controllo delle temperature di picco nei prossimi decenni rispetto alla rimozione del metano", afferma Rob Jackson, ricercatore a Stanford e coautore di entrambi gli studi.

Il metano è relativamente scarso: l'anidride carbonica è circa 200 volte più concentrata nell'atmosfera. Secondo un recente rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite, tuttavia, ha contribuito per circa il 30 per cento al riscaldamento globale totale fino ad oggi, vale a dire circa 0,5 ˚C. Sebbene la sua vita nell'atmosfera sia solo di circa 10 anni, nel breve periodo è circa 86 volte più potente di un gas serra come l'anidride carbonica.

"Il metano andrà via, ma nel frattempo causerà problemi", afferma Vaishali Naik, una esperta di scienza atmosferica della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti. A causa della sua breve durata, se le emissioni di metano venissero ridotte oggi, i livelli atmosferici diminuirebbero rapidamente.

In un rapporto sul metano dell’UN Environment Program, di cui Naik è stata coautrice, i ricercatori hanno stimato che ridurre le emissioni di metano del 45 per cento oggi potrebbe ridurre il riscaldamento di 0,28 °C entro la metà del secolo, permettendo al mondo di raggiungere l'obiettivo di un riscaldamento inferiore a 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali, come definito dall'accordo di Parigi.

Circa i due terzi di questi tagli potrebbero essere ottenuti utilizzando soluzioni prontamente disponibili, afferma Naik. Ciò include l'ostruzione di pozzi di gas naturale che hanno fughe e la riduzione della dipendenza dalle miniere di carbone, che liberano il metano immagazzinato sotto la superficie terrestre che viene prodotto quando la materia vegetale si trasforma in carbone. Ridurre alcune emissioni è probabilmente più economico e più facile che aumentare la tecnologia di rimozione, afferma.

Ma per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1,5 ˚C, anche le emissioni di metano da industrie come l'agricoltura dovrebbero essere ridotte, il che potrebbe essere più difficile con la crescita della popolazione. La tecnologia di rimozione del metano potrebbe aiutare, se esistesse. I gruppi di ricerca stanno testando alcuni metodi, la maggior parte dei quali prevede il movimento dell'aria su un catalizzatore per accelerare la scomposizione del metano in anidride carbonica o altri gas. 

I problemi risiedono principalmente nella vastità del campo d’azione coinvolta: un sistema dovrebbe elaborare lo 0,04 per cento dell'atmosfera totale della terra per rimuovere un teragrammo di metano e gli esseri umani producono circa 350 teragrammi di emissioni di metano ogni anno.

Diverse iniziative commerciali per la rimozione del metano stanno iniziando a germogliare, dice Jackson, inclusa una in cui è coinvolto. Ma il suo gruppo non ha ancora testato la sua tecnologia sul campo, e non pensa nemmeno che altri siano andati altrettanto lontano. Jackson stima che gli impianti pilota dovrebbero iniziare a funzionare entro il prossimo decennio per ridurre il riscaldamento entro il 2050. Questa è una tempistica stretta per il controllo della tecnologia.

"Niente sulla rimozione del metano è facile", dice Jackson. Ma ci possono essere lezioni da imparare dalla cattura della CO2. Anche se la tecnologia si trova ad affrontare gli stessi problemi di scala, sta svolgendo un ruolo importante nel piano dell'amministrazione Biden per affrontare il cambiamento climatico e viene impiegata commercialmente in diversi siti in tutto il mondo, con alcuni nuovi impianti la cui apertura è prevista entro i prossimi cinque anni.

Mirare a concentrazioni più elevate di metano posizionando tecnologie di rimozione direttamente alle fonti di emissione potrebbe essere più semplice che cercare di estrarre il gas dall'atmosfera. E in generale, fermare le emissioni è ancora probabilmente più facile che ripulire dopo che sono nell’aria.  "Prima mitiga, poi rimuovi", dice Jackson, "Questo è il mio motto".

(rp)