Se Atene e Sparta piangono, forse sorriderà Tebe
Il Coronavirus, l'ospite inatteso come è stato definito, sta diventando una cartina di tornasole dei partiti presi e delle carenze programmatiche sia della politica sia della scienza, con riferimento alle scelte spesso discutibili che riguardano le attività formative, assistenziali, infrastrutturali e di ricerca nel nostro Paese.
di Gian Piero Jacobelli 12-06-20
In un editoriale di qualche settimana fa ci siamo soffermati, con riferimento alla presente, speriamo ormai non troppo presente, situazione epidemiologica, sulle difficoltà e le incertezze che tanto i politici, quanto gli scienziati hanno manifestato nel dirci cosa stia succedendo e cosa si possa o si debba fare per porvi riparo.