Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Rocket Lab rompe il duopolio spaziale

    Con l’annuncio di un nuovissimo razzo chiamato Neutron, la compagnia spaziale privata sta sfidando Blue Origin come principale competitor di SpaceX.

    di Neel V. Patel

    Nell’industria spaziale privata, può sembrare che ci sia SpaceX e poi tutti gli altri. Solo Blue Origin, sostenuta dal proprio fondatore miliardario nella persona di Jeff Bezos, sembra in grado di attirare lo stesso grado di attenzione, anche se i suoi razzi non sono ancora andati oltre lo spazio suborbitale. 

    Rocket Lab potrebbe presto avere qualcosa da dire su questo duopolio. L’azienda, fondata in Nuova Zelanda e con sede a Long Beach, in California, è seconda solo a SpaceX per quanto riguarda la frequenza di lancio: le due sono apparentemente le uniche aziende americane che vanno regolarmente in orbita. Il suo piccolo razzo di punta Electron ha volato 18 volte in poco meno di quattro anni e ha consegnato quasi 100 satelliti nello spazio, con solo due lanci falliti. 

    Il primo marzo, l’azienda ha reso ancora più chiare le sue ambizioni quando ha svelato i piani per un nuovo razzo chiamato Neutron. Alto 40 metri e in grado di trasportare 20 volte il peso di Electron, Neutron è pubblicizzato da Rocket Lab come il suo ingresso nei mercati per lanci di satelliti di grandi dimensioni e mega costellazioni, nonché future missioni di robotica sulla Luna e su Marte. Ancora più allettante, Rocket Lab afferma che Neutron sarà progettato anche per il volo spaziale umano. L’azienda lo definisce un’alternativa diretta al razzo Falcon 9 di SpaceX.

    “Rocket Lab è una delle storie di successo tra le piccole aziende di lanci spaziali”, afferma Roger Handberg, esperto del settore presso l’Università della Florida centrale. “Stanno entrando nel territorio delle aziende di lancio più grandi e più affermate ora, in particolare SpaceX”. Questa ambizione è supportata da un’altra notizia annunciata il primo marzo: la fusione di Rocket Lab con Vector Acquisition Corporation. 

    Unire le forze con un tipo di società che consente a un’altra azienda di diventare pubblica senza una IPO, permetterà a Rocket Lab di beneficiare di un massiccio afflusso di denaro che gli conferisce una  nuova valutazione di 4,1 miliardi di dollari. Gran parte di questo denaro è destinato allo sviluppo e al test di Neutron, che l’azienda vuole far volare nel 2024. Si tratta in parte di un voltafaccia per Rocket Lab. Il CEO Peter Beck era stato in precedenza tiepido all’idea di costruire un razzo più grande che potesse lanciare carichi utili più grandi e ospitare potenzialmente più clienti contemporaneamente

    Ma il mercato dei satelliti ha abbracciato le missioni di condivisione in orbita, soprattutto dato l’ascesa delle mega costellazioni satellitari, che probabilmente costituiranno la maggior parte dei satelliti lanciati in orbita nel prossimo decennio. Neutron è in grado di portare 8.000 chilogrammi nell’orbita terrestre bassa, il che significa che potrebbe trasportare potenzialmente dozzine di carichi utili in orbita contemporaneamente. Come un mea culpa spensierato, il video introduttivo di Neutron mostrava Beck che mangiava il suo cappello. (Si veda video)

    Neutron mette Rocket Lab in stretta concorrenza con SpaceX anche in altri modi. Entrambe le aziende stanno investendo in voli spaziali più economici attraverso l’uso di materiali a basso costo e sistemi riutilizzabili. Il booster del primo stadio di Neutron sarà progettato per atterrare verticalmente su una piattaforma oceanica, proprio come il booster del primo stadio del Falcon 9 di SpaceX. 

    I confronti con SpaceX non si fermano qui. Rocket Lab afferma che Neutron sarà progettato in modo da poter essere certificato per pilotare missioni umane in orbita e verso la Stazione Spaziale Internazionale, proprio come fa SpaceX attualmente. Il design di Neutron è paragonabile a quello del lanciatore russo Soyuz, che può portare gruppi di tre astronauti sulla ISS. Infine, entrambe le aziende sono interessate a missioni verso destinazioni oltre l’orbita. Neutron sarà in grado di inviare carichi utili di 2.000 kg sulla Luna e carichi utili di 1.500 kg su Marte e Venere.

    Ci sono ancora alcune differenze. A differenza di SpaceX con il suo veicolo Crew Dragon, Rocket Lab non sta ancora costruendo le proprie capsule per l’equipaggio. Se è vero che Neutron può iniziare a portare gli umani in orbita, non è chiaro esattamente quali veicoli possa ospitare per il lancio. Rocket Lab non sta costruendo un’astronave interplanetaria come Starship. E non sta cercando di creare un servizio Internet satellitare globale come Starlink. L’unico grande progetto di Rocket Lab al di fuori dei razzi è il bus satellitare Photon (l’infrastruttura per il veicolo spaziale che di solito indica al controllo a terra dove è in orbita il satellite). 

    Rendere riutilizzabile Neutron richiederà una lunga serie di test (nemmeno Electron è ancora del tutto riutilizzabile). Il design del motore di Neutron è troppo grande e complesso per essere semplicemente adattato da Electron, quindi l’azienda deve iniziare da zero e capire come ridimensionerà la produzione da capo.

    Non sorprende che il volo spaziale umano sarà la grande sfida dell’azienda. “Il loro nuovo veicolo li renderà più competitivi per i carichi utili”, afferma Handberg. “Il volo spaziale umano è più problematico”. La ISS è una destinazione, ma Rocket Lab competerà con SpaceX e Boeing per tali contratti. Forse può fare affari attraverso il turismo spaziale, ma è un’industria ancora agli inizi.

    E poi c’è la sicurezza. “Rocket Lab ha un problema di concorrenza, ma ciò sarà secondario rispetto al costo di rendere il nuovo veicolo classificato come adatto alle spedizioni con equipaggio umano e di costruire un’infrastruttura per supportare le operazioni”, afferma Handberg. “SpaceX ha avuto problemi con il veicolo Crew Dragon.”

    Il  fallito volo di prova della capsula spaziale Starliner nel dicembre 2019 ha  procrastinato le speranze di Boeing di inviare persone nello spazio di oltre un anno. Con Neutron, tuttavia, la luce del giorno tra SpaceX e Rocket Lab si è improvvisamente ridotta quando si parla di impatto sull’industria spaziale commerciale. Se e quando Neutron sarà pronto a volare nel 2024, saranno ancora più vicini.

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share