• Ursula von der Leyen. Credito immagine: Parlamento Europeo
Ricerca e salute nella nuova Commissione Europea
L'incarico di Maria Gabriel, Ricerca, Educazione dei giovani e Sport, e Stella Kyriakides, Salute e Sicurezza alimentare.
di Alessandro Ovi 09-01-20
La totale assenza di ‘Gender Gap’ è una delle caratteristiche più qualificanti della nuova Commissione Europea, presieduta dalla Tedesca Ursula Van Der Lyen. Per la prima volta il numero di donne è praticamente uguale a quello degli uomini (12 donne e 13 uomini).

Il mese scorso, abbiamo presentato un estratto della lettera di incarico di Margretha Vestager (rappresentante danese incaricata delle politiche di Sviluppo della società digitale e Controllo della Concorrenza). Oggi vogliamo mettere in evidenza il ruolo di rilievo per MIT Technology Review e Zambon delle missioni di altre due Commissarie: Maria Gabriel (Bulgaria), incaricata delle politiche relative a Ricerca, Educazione dei giovani e Sport, e Stella Kyriakides (Cipro), Commissario per la Salute e la Sicurezza alimentare.

MARIYA GABRIEL (Bulgaria): ricerca, educazione dei giovani e sport

Il miglior investimento per il nostro futuro è nei nostri giovani, innovatori e ricercatori.

Istruzione, ricerca e innovazione saranno fondamentali per la nostra competitività e la nostra capacità di guidare la transizione verso un'economia neutrale dal punto di vista climatico e una nuova era digitale. Si tratta di fornire alle persone le conoscenze, l'esperienza di vita e le abilità di cui hanno bisogno per prosperare.

La nostra capacità scientifica, di ricerca e innovazione leader a livello mondiale può aiutarci a trovare soluzioni europee per le questioni globali più urgenti. Ciò implica anche la responsabilità amministrativa del Centro comune di ricerca.

Cooperando attraverso le lingue, i confini e le discipline, possiamo affrontare collettivamente le sfide sociali e le carenze di competenze attualmente esistenti.
La cultura e lo sport saranno anche strumenti importanti per migliorare il nostro benessere mentale e fisico e creare posti di lavoro e crescita. Il nostro compito nei prossimi cinque anni è sfruttare questo potenziale e garantire che istruzione, ricerca e innovazione contribuiscano a realizzare le nostre ambizioni e obiettivi più ampi.

Dovrebbe essere garantito un accordo profondo e la piena attuazione del futuro programma Orizzonte Europa, in collaborazione con gli Stati membri, la comunità di ricerca, la società civile e altri commissari, grazie a flussi di investimenti sufficienti per la ricerca dirompente e innovazioni rivoluzionarie, in particolare attraverso il Consiglio europeo per l'innovazione.

Per rimanere competitivi a livello globale, dovremmo supportare meglio i nostri innovatori per portare le loro idee sul mercato. È importante collaborare con gli Stati membri e costruire un vero Spazio europeo della ricerca in cui riunire tutti gli sforzi nazionali ed europei.
Abbiamo bisogno che la ricerca, le politiche e le priorità economiche vadano di pari passo. Ciò comporterà la collaborazione con i commissari nell'intera gamma delle politiche dell'UE, il contributo alla nuova strategia industriale e la valorizzazione delle nuove missioni tematiche nell'ambito del futuro programma Orizzonte Europa.

Il nuovo obiettivo è triplicare il programma Erasmus + come parte del prossimo bilancio. Un accordo rapido è essenziale per garantire a tutti i beneficiari di sfruttare al massimo le opportunità offerte dal programma.

L'obiettivo specifico sarà quello di guidare i lavori per rendere realtà lo spazio europeo dell'istruzione entro il 2025, lavorando in stretta collaborazione con le autorità regionali e nazionali. Ciò dovrebbe concentrarsi sulla rimozione delle barriere all'apprendimento, sul miglioramento dell'accesso a un'istruzione di qualità e sulla semplificazione del passaggio da parte degli studenti tra paesi.

Per fare ciò è fondamentale promuovere l'eccellenza e il collegamento in rete tra le università europee concentrandosi sulla piena attuazione dell'iniziativa Università europee, apprendendo gli insegnamenti dall'attuale fase pilota. Ciò consentirà agli studenti di ottenere una laurea combinando studi in diversi paesi europei e contribuendo alla posizione internazionale e alla competitività delle nostre università.

È necessario colmare il divario delle competenze digitali, concentrandosi sull'alfabetizzazione e l'educazione digitali, l'aggiornamento del piano d'azione per l'educazione digitale e esaminare come possiamo aumentare l'adozione di ampi corsi online aperti. Si dovrebbe massimizzare il potenziale dei nostri programmi di scambio per favorire la cooperazione internazionale in materia di istruzione, ricerca e innovazione.

Che si tratti di storia, architettura, letteratura, musica, cinema, arte o sport, la cultura riguarda la libertà di espressione, identità e diversità. Crea opportunità, in particolare per i giovani, ed è un motore per la nostra economia. È sempre più importante promuovere e preservare il nostro patrimonio culturale in un momento in cui le cose si muovono più velocemente e sembrano più di breve durata che mai.

La piena attuazione della nuova agenda europea per la cultura dovrebbe garantire lo sviluppo di metodi per rafforzare l'impegno dell'Europa a preservare e proteggere il nostro patrimonio culturale. Le industrie creative dovrebbero essere promosse come catalizzatore per l'innovazione, l'occupazione e la crescita, massimizzando il potenziale di un ambizioso programma Europa creativa. Lo sport dovrebbe essere promosso come uno strumento per l'inclusione e il benessere e la cooperazione culturale come parte dei partenariati dell'Unione con i paesi di tutto il mondo.


Kyriakides (Cipro) :Commissario per la Salute e la Sicurezza alimentare

I cittadini europei si aspettano la tranquillità che deriva dall'accesso all'assistenza sanitaria, cibo sicuro da mangiare e protezione contro epidemie e malattie.

L'Europa ha alcuni degli standard più elevati al mondo in materia di salute degli animali e delle piante, nonché i sistemi sanitari più convenienti, accessibili e di alta qualità per realizzare queste aspettative.

Allo stesso tempo, stiamo diventando una società più anziana e abbiamo bisogno di trattamenti più complessi e costosi. Ciò pone l'accento sulla necessità di sostenere il settore sanitario e i professionisti che lavorano al suo interno, di investire in nuove tecnologie, di promuovere stili di vita sani e di cooperare meglio all'interno dell'UE.

Il nostro compito nei prossimi cinque anni è quello di sostenere gli Stati membri nel miglioramento costante della qualità e della sostenibilità dei loro sistemi sanitari, trovando metodi per migliorare le informazioni, le competenze e lo scambio di migliori pratiche a beneficio della società nel suo complesso.

Esamineremo come contribuire a garantire che l'Europa disponga della fornitura di medicinali a prezzi accessibili per soddisfare le sue esigenze. In tal modo, si dovrebbe sostenere l'industria farmaceutica europea per garantire che rimanga un innovatore e leader mondiale.

Il lavoro sulla sicurezza alimentare, il benessere degli animali e la salute delle piante svolgerà un ruolo importante nel realizzare il Green Deal Europeo.

Dobbiamo sfruttare al massimo il potenziale della sanità elettronica per fornire assistenza sanitaria di alta qualità e ridurre le disparità, lavorare alla creazione di uno spazio europeo di dati sanitari per promuoverne lo scambio e sostenere la ricerca su nuove strategie preventive, nonché su trattamenti, medicinali, dispositivi medici e risultati. Come parte di ciò, dovremmo garantire ai cittadini il controllo dei propri dati personali.

Molte delle epidemie di oggi sono legate all'ascesa o al ritorno di malattie altamente infettive. Dobbiamo concentrarci sulla piena attuazione del piano d'azione contro la resistenza antimicrobica e lavorare con i nostri partner internazionali per sostenere un accordo globale sull'uso e l'accesso agli antimicrobici.

La comunicazione sulla vaccinazione dovrebbe essere prioritaria spiegando i benefici e combattendo i miti, le idee sbagliate e lo scetticismo che circonda la questione. Il piano europeo per combattere il cancro sarà presentato per sostenere gli Stati membri nel miglioramento della prevenzione e della cura del cancro. Chiave per la malattia: prevenzione, diagnosi, terapia, e cure palliative.

Servirà uno stretto legame con la missione di ricerca sul cancro nel futuro programma Orizzonte Europa.

Serve una nuova strategia "Farm to Fork" per alimenti sostenibili. Ciò coprirà ogni fase della catena alimentare dalla produzione al consumo e alimenterà i nostri obiettivi di economia circolare. La nuova strategia dovrebbe combinare la regolamentazione con campagne di comunicazione e sensibilizzazione e avere pieno consenso da parte degli attori locali, regionali e settoriali, nonché degli Stati membri e delle istituzioni europee.

Nell'ambito delle nostre ambizioni su zero inquinamento e della strategia "Farm to Fork", dobbiamo lavorare per proteggere la salute delle piante, ridurre la dipendenza dai pesticidi e stimolare l'assunzione di alternative a basso rischio e non regolamentate cittadini dall'esposizione a interferenti endocrini.

Parte del lavoro consiste nel concentrarsi sul miglioramento delle informazioni ai consumatori, in particolare cercando modi per rispondere alle richieste di informazioni più visibili e complete, soprattutto per quanto riguarda salute e sostenibilità dei prodotti alimentari.

La salute e il benessere degli animali sono un imperativo, sanitario ed economico. L'Europa è attrezzata per prevenire e combattere le malattie degli animali che possono essere trasmesse agli esseri umani. Dobbiamo anche garantire l'applicazione della protezione del benessere degli animali, rivedere la nostra attuale strategia e promuovere gli standard europei a livello globale.

L'audit sarà uno strumento cruciale per questo, in particolare per garantire che le garanzie di alimenti soddisfino i nostri standard di sicurezza. Servirà collaborare con gli Stati membri per l'organizzazione di una strategia con misure concrete contro la frode alimentare, partecipando al lavoro dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode in questo settore.

Appena ci sarà più chiarezza, dovremmo essere pronti a preparare la strada per un partenariato ambizioso e strategico con il Regno Unito.

(lo)