• Fonte ST
Più potenza all'IoT
ST offre una soluzione per accelerare l'introduzione sul mercato di nuovi dispositivi IoT Bluetooth grazie ad un microcontrollore wireless pronto all'uso Modulo.
di Fonte ST 14-01-21
La prima sfida per la maggior parte dei produttori di dispositivi è l'elaborazione veloce di un proof-of-concept che possa convincere chi deve approvare il nuovo prodotto. Proprio per questo ST sta lanciando il nuovo NUCLEO-WL55JC1, la prima scheda di sviluppo dotata di STM32WL55JC.

Dal punto di vista del software, l'ultima versione di STM32CubeWL include esempi di applicazioni per questa nuova scheda Nucleo che accelerano i procedimenti di sviluppo. Vengono offerti modelli si riferimento su come utilizzare la versione dual-core, programmi dimostrativi che possono inviare i dati del sensore a un gateway, o "Concentratore", ed un'applicazione demo per dimostrare la maggiore flessibilità e sicurezza che ne derivano.

Due core permetteranno agli ingegneri di evitare la ricertificazione ad ogni aggiornamento. Basta inserire lo stack di rete sul Cortex-M0+ ed eseguire l'applicazione sul Cortex-M4. L'aggiornamento può quindi avvenire evitando la necessità di ricertificare lo stack di rete.

Un'altra sfida nasce dalla necessità di qualificare i componenti. Le piccole startup dedicate a progetti IoT tendono a dare la priorità all'approccio più semplice, ma per le grandi aziende con una miriade di progetti attivi e svariati protocolli, l'utilizzo di un dispositivo per tutti rappresenta una possibilità di avere un maggiore ritorno sull'investimento e un time to market più veloce.

ST ha deciso di utilizzare il Cortex-M0+ soprattutto per due motivi. Prima di tutto, l'approccio dual-core ha offerto prestazioni simili e una struttura più conveniente per le applicazioni sub-gigahertz rispetto all'uso di un core più grande. In secondo luogo, la società ha compreso la necessità di integrare una piattaforma hardware orientata alla sicurezza.

Il nuovo STM32WL5x offre l'isolamento hardware tra ciascun core e un servizio di gestione delle chiavi. Il sistema memorizza e gestisce le chiavi dell'applicazione utente in un'area protetta per una maggiore sicurezza. Abilita inoltre funzionalità come la verifica dell'autenticità, una decrittografia avanzata dei dati e il monitoraggio dell'integrità dei dati.

Gli ingegneri cercano sempre di adattarsi alle nuove esigenze di sicurezza rendendo i loro prodotti più accessibili. La nuova architettura dual-core dell'STM32WL offre loro un nuovo strumento per raggiungere il loro obiettivo.

(lo)