• Wikimedia Commons
Persi i dati di 1 milione di utenti
Si può sempre cambiare la password, ma quando i dati spariti riguardano le impronte digitali e le informazioni relative al riconoscimento facciale, si è di fronte a un danno irreparabile.
Secondo un articolo del “Guardian”, nel Regno Unito, a Suprema, una piattaforma di riferimento per polizia, banche e aziende militari, è stato scoperto un furto di dati che include le impronte digitali di oltre 1 milione di persone, le informazioni sul riconoscimento facciale, nomi e password non crittografati e altri dati personali.