• AP Photo / Thibault Camus

Omicron non buca la terza dose

I test di laboratorio indicano che la nuova variante è in grado di aggirare le prime due dosi del vaccino di Pfizer, ma non supera la terza.

di Antonio Regalado 09-12-21
Una doppia dose del vaccino covid-19 Pfizer-BioNTech non può fermare il virus dell'omicron, secondo i test di laboratorio effettuati in Sud Africa e Germania, e sarà necessario un richiamo o un nuovo vaccino. La variante è stata rilevata in Sudafrica il mese scorso e, poiché contiene un gran numero di cambiamenti genetici, gli scienziati hanno previsto che potrebbe "sfuggire" alla protezione offerta dai vaccini attuali, tutti basati sulla versione originale di SARS-CoV-2.

Ora i primi risultati di laboratorio sono arrivati e indicano una forte diminuzione della capacità degli anticorpi di bloccare l'omicron: i test mostrano che la potenza diminuisce di un fattore compreso tra 25 e 40. Questi risultati riflettono una "notevole riduzione" della protezione, ha affermato Sahin, CEO di BioNTech, in una conferenza stampa mercoledì. 

"Questi dati indicano che gli individui che hanno ricevuto due dosi di vaccino molto probabilmente non avranno una prevenzione significativa contro l'infezione”, ha detto Sahin, riferendosi agli anticorpi presenti nel loro sistema. Le persone che hanno ricevuto due dosi del vaccino sono attualmente considerate "completamente vaccinate" nella maggior parte dei paesi.

La nuova variante sembra essere la più abile tra quelle finora incontrate nell'eludere la protezione del vaccino. La buona notizia è che i risultati sono stati di gran lunga migliori tra le persone che avevano ricevuto un richiamo sotto forma di una terza dose del vaccino Pfizer-BioNTech. In questo caso, la capacità del vaccino di bloccare il coronavirus è stata sostanzialmente confermata. 

I risultati del laboratorio significheranno una corsa da parte dei governi per offrire dosi di richiamo. Negli Stati Uniti, tutti i maggiori di 18 anni hanno diritto a una vaccinazione di richiamo  dal 19 novembre, ma in altri paesi le forniture di vaccini rimangono limitate. 

Se l'omicron si diffonde ampiamente, i governi e le aziende dovranno anche decidere se aggiornare i vaccini a RNA messaggero come quelli di Pfizer per prendere di mira la variante. Tali vaccini funzionano trasportando copie del gene virale "spike" nelle cellule di una persona, producendo così una risposta immunitaria. Poiché la spike di omicron è così diversa, con più di 30 mutazioni, un nuovo vaccino con il suo codice genetico specifico funzionerebbe meglio contro di essa. 

BioNTech afferma di aver già progettato un vaccino per omicron e potrebbe aggiornare l'intero processo di produzione entro marzo. "L'unica cosa che cambia è il modello della nuova variante", afferma Sahin. "Inizieremo a produrre il vaccino e poi decideremo se cambiare". Finora, tuttavia, non è chiaro se sia necessario un nuovo vaccino o quanto sia pericolosa omicron. 

Anche due dosi di vaccino sono in grado di impedire alla variante di uccidere le persone. Questo perché i vaccini creano immunità non solo attraverso gli anticorpi, ma anche attraverso le cellule della memoria a lungo termine, comprese le cellule T. Le mutazioni di Omicron, per la maggior parte, non ricadono in aree mirate dalle cellule T che BioNTech ha studiato. 

Per questo motivo, dice Sahin, due dosi di Pfizer possono ancora prevenire malattie gravi, anche se ci vorranno uno o due mesi di dati per saperlo con certezza. Altri laboratori stanno raggiungendo conclusioni simili per il ciclo a due dosi del vaccino di Pfizer. Pochi giorni fa, un laboratorio in Sud Africa ha descritto quello che ha definito un calo "ampio" del modo in cui gli anticorpi creati dal vaccino di Pfizer possono bloccare la nuova variante. 

"C'è un calo molto grande nella neutralizzazione di Omicron", ha detto su Twitter Alex Sigal, un virologo dell'Università di KwaZulu-Natal, dove ha anche pubblicato un link al documento preliminare del suo team, in cui viene descritto l’utilizzo di campioni di omicron per infettare le cellule polmonari umane nel loro laboratorio e l’aggiunta del siero del sangue di 12 persone che erano state vaccinate con il vaccino Pfizer, inclusi alcuni che avevano anche avuto una precedente infezione. 

Come BioNTech, hanno scoperto che la capacità degli anticorpi delle persone vaccinate di "neutralizzare" il virus era notevolmente ridotta. Tuttavia, le persone precedentemente infette che erano state anche vaccinate hanno reagito molto meglio delle altre e il loro sangue sembra ancora combattere bene il virus.  Né il team sudafricano né BioNTech hanno riferito di persone che erano state infettate, ma non vaccinate. 

Per Sigal, i nuovi risultati sono negativi, ma non così brutti come aveva temuto. Poiché omicron ha un numero così elevato di mutazioni, alcuni ricercatori si sono persino chiesti se utilizzasse ancora lo stesso recettore, ACE-2, per entrare nelle cellule. Il team di Sigal ha scoperto di sì, il che significa che i vaccini e i trattamenti esistenti sono ancora rilevanti. "È andata meglio di quanto mi aspettassi", ha scritto Sigal su Twitter. "Il fatto che la variante abbia ancora bisogno del recettore ACE-2 significa che è un problema risolvibile".

(rp)