• Damon Coulter / Sopa Images / Sipa USA via AP

Olimpiadi ad alto rischio

Salute pubblica, denaro e politica creano una miscela esplosiva per i prossimi giochi olimpici.

di Mia Sato 16-07-21
È notte per le strade della prefettura di Ibaraki in Giappone quando arriva la torcia olimpica. Un video virale mostra la lenta corsa del tedoforo davanti agli spettatori che fiancheggiano la strada. Poi, mentre la fiamma passa, una donna tra la folla spara con una pistola ad acqua. “Spegni la fiamma olimpica! Opponiti alle Olimpiadi di Tokyo!”, grida. Gli uomini della sicurezza si precipitano intorno a lei.

Questo è lo sfondo per i prossimi giochi olimpici e paralimpici, che inizieranno il 23 luglio a Tokyo, dove i casi di covid-19 sono in costante aumento, spingendo la città ad annunciare il suo quarto stato di emergenza dall'inizio della pandemia. I numeri sono particolarmente preoccupanti perché il tasso di vaccinazione del paese rimane basso. Solo il 18 per cento della popolazione giapponese è completamente vaccinata. 

Tuttavia il Comitato Olimpico Internazionale sta insistendo. In gioco ci sono miliardi di dollari in costi irrecuperabili – solo per lo stadio olimpico sono stati spesi 1,4 miliardi di dollari - oltre alle potenziali entrate per il CIO, il Giappone, gli organizzatori locali e le emittenti.  Malgrado una crisi sanitaria globale tutt'altro che finita, il governo è deciso a far fruttare la sua scommessa. E anche con nuove rigide regole ai giochi, gli esperti temono che la situazione del contagio in Giappone possa peggiorare.

Mantenere gli atleti al sicuro

Si prevede che quasi 100.000 atleti, membri dello staff, familiari e altri entreranno in Giappone per i giochi olimpici e paralimpici e gli organizzatori affermano che stanno facendo del loro meglio per tenerli al sicuro. Brian McCloskey, presidente di un gruppo indipendente che consiglia il CIO sulle misure di prevenzione del covid-19 per Tokyo, riconosce la validità delle preoccupazioni. Per ridurre il rischio di diffusione del virus, gli atleti, lo staff e altri saranno attentamente monitorati, afferma. 

"L'obiettivo è impedire che i singoli casi diventino cluster e si diffondano", afferma McCloskey. Atleti, staff e funzionari saranno testati a vari intervalli durante le partite. I residenti del Villaggio Olimpico verranno monitorati ogni giorno, mentre i lavoratori giapponesi che vengono a stretto contatto con gli atleti verranno testati frequentemente. 

McCloskey afferma che nel Villaggio verrà utilizzato un sistema di tracciamento dei contatti per aiutare a contenere i casi che emergono. Chiunque entri in Giappone dovrà scaricare un'app di tracciamento dei contatti e agli atleti e ai giornalisti viene chiesto di attivare il tracciamento GPS sui propri telefoni. Gli organizzatori affermano che i dati sulla posizione verranno utilizzati solo in caso di casi di covid. 

Con l'avvicinarsi dei giochi, le misure sono diventate sempre più severe. La partecipazione del pubblico di altri paesi è già stata esclusa mesi fa, ed è stato annunciato all'inizio di questo mese che gli stadi saranno vuoti. McCloskey afferma che esiste un precedente per l'esecuzione dei giochi in mezzo a una minaccia per la salute pubblica, anche se gli eventi passati non erano della stessa portata del covid. 

Quando ha consigliato il CIO per le Olimpiadi di Londra del 2012, gli organizzatori hanno considerato il potenziale per l'emergere di una pandemia di SARS, dice. E prima dei giochi del 2016 a Rio De Janeiro, in Brasile, c'erano preoccupazioni per Zika (l'OMS in seguito ha affermato non sono stati segnalati casi in atleti o spettatori). Per Tokyo, il CIO ha rilasciato diversi manuali di istruzioni per atleti, personale, volontari e stampa.

Ma nonostante le regole rigorose, i giochi significheranno inevitabilmente persone che si incontrano e interagiscono in modo continuo. Settimane prima della cerimonia di apertura, vengono già segnalati alcuni casi. "Non è solo l'evento in sé", afferma Linsey Marr, professore di ingegneria civile e ambientale al Virginia Tech, che è uno dei maggiori esperti nella trasmissione di virus per via aerea. “È tutto il resto associato all'evento: gli hotel, i ristoranti, i mezzi di trasporto.” 

Anche con le mascherine e il distanziamento sociale, Marr indica i pasti come un ambiente in cui i sistemi di prevenzione non sembrano seguire i dettami della scienza. Il CIO afferma che ridurrà la capacità di posti a sedere nella caffetteria del Villaggio Olimpico, fornirà aggiornamenti sulla congestione tramite un'app e manterrà le barriere di plastica tra i sedili. "Ci sono stati molti focolai nei ristoranti con protezioni di plastica", spiega. "La cosa migliore che potrebbero fare sarebbe avere solo l’asporto".

Una serie di effetti a catena

Gli esperti affermano che, nonostante le misure prese, le Olimpiadi potrebbero avere un effetto a catena sui casi di covid nel Paese. Anche se a Tokyo è in vigore lo stato di emergenza, ciò non significa la chiusura generale di tutte le scuole, i ristoranti e gli altri luoghi pubblici. Invece, è essenzialmente una richiesta alle persone di evitare viaggi non necessari. Non ci sono sanzioni o meccanismi legali per imporne il rispetto

"Una cosa è per un paese avere un'ondata di infezioni a causa della vita quotidiana", afferma Shihoko Goto, vicedirettore per la geoeconomia del Wilson Center, un think tank di Washington, DC. "Un'altra cosa è quando si organizzano più eventi su larga scala che inducono le persone all'interno del paese a incontrarsi, e anche a favorire presenze estere".

L’opposizione alle Olimpiadi è sempre più forte in Giappone. A maggio, con l'aumento dei casi di covid-19, un gruppo che rappresenta 6.000 medici di Tokyo ha pubblicato una lettera in cui chiedeva la cancellazione delle Olimpiadi, affermando che il sistema medico della città non era in grado di gestire un afflusso di pazienti. Alcuni sondaggi mostrano che più dell'80 per cento dei giapponesi non vuole i giochi.

Hitoshi Oshitani è un professore di virologia della Tohoku University che ha creato l'approccio delle "tre C" del Paese: evitare spazi chiusi, folla e contatti ravvicinati. Dice che la situazione è particolarmente rischiosa: "In tutte le precedenti ondate, senza eccezioni, il virus si è diffuso da Tokyo ad altre parti del paese". Fa anche notare che mentre gli spettatori sono vietati a Tokyo e nelle prefetture vicine, altri siti a Miyagi e Shizuoka li avranno, incluso il personale e i volontari provenienti da Tokyo. 

Sebbene il CIO non richieda la vaccinazione dei viaggiatori olimpici, McCloskey afferma di aspettarsi, sulla base dei dati del comitato di ciascun paese, che lo sarà l'85 per cento dei membri della delegazione nazionale. Ma il basso tasso di vaccinazione del paese suscita preoccupazioni. Il programma di vaccini del Giappone è rimasto sostanzialmente inattivo per mesi mentre altri paesi stavano somministrando le iniezioni. Molte persone anziane non hanno ancora ricevuto la seconda dose. Ciò crea le condizioni per la diffusione del virus. "Stiamo osservando un numero crescente di casi gravi tra i 40 e i 50 anni a Tokyo, e la maggior parte di loro non è stata completamente vaccinata", afferma Oshitani.

Un governo “pronto a rischiare”

Allora perché ospitare i giochi? Perché non cancellarli? L'analisi della BBC ha evidenziato che la clausola di risoluzione del contratto tra il CIO e Tokyo mostra che solo il CIO ha la possibilità di farlo (anche se il Giappone teoricamente potrebbe rompere il contratto). Oltre alla potenziale di perdita di denaro, si tratta anche dell’immagine del paese che si trasmette a livello globale.

Goto, del Wilson Center, afferma che il Giappone è molto attento al consenso che deriva dal successo del primo grande evento internazionale in un mondo post-coronavirus, per non parlare del fatto che un'Olimpiade potrebbe essere un vantaggio per il governo liberal-democratico per le elezioni che si terranno entro la fine dell'anno.

Tuttavia, i Giochi Olimpici si sono rivelati un grande fardello per le precedenti città ospitanti, con o senza pandemia. Con tutti gli occhi puntati sui giochi di Tokyo, Goto si chiede se l'entusiasmo di ospitare le Olimpiadi diminuirà negli anni futuri. Le nazioni in via di sviluppo probabilmente continueranno a vedere i giochi come un'opportunità per mettersi in mostra, ma altri paesi potrebbero essere più titubanti e valuteranno con attenzione il rapporto costo-beneficio nell’ospitare questi giochi.

(rp)