• NASA / Goddard / Conceptual Image Lab, Krystofer Kim

Non c’è acqua a sufficienza per la vita su Venere

Secondo un nuovo studio, nell’atmosfera del pianeta non ci sono le condizioni per permettere la presenza di una qualsiasi forma di vita, almeno nella forma conosciuta sulla Terra.

di Neel V. Patel 29-06-21
Si è pensato a lungo che pressioni e temperature intense su Venere rendessero praticamente impossibile la vita in superficie. Così, lo scorso settembre, quando gli scienziati hanno annunciato la possibile scoperta del gas fosfina nell’atmosfera del pianeta, una potenziale biofirma della vita, alcuni si sono chiesti se la vita microbica potesse esistere nell’atmosfera del pianeta.

Un nuovo studio pubblicato su “Nature Astronomy” indica, però, che non c'è abbastanza acqua nell’atmosfera di Venere per sostenere la vita come la conosciamo. "È risaputo, ovviamente, che la vita ha bisogno di acqua", afferma John Hallsworth, microbiologo della Queens University di Belfast e autore principale del nuovo studio. Le ultime scoperte mostrano che le concentrazioni di acqua nelle nuvole di Venere sono "oltre 100 volte più basse" rispetto a quelle di cui hanno bisogno anche i microrganismi più resistenti sulla Terra per essere presenti. "È una distanza incolmabile da ciò che la vita richiede per essere attiva".

Nel 1978, la NASA ha lanciato la missione Pioneer Venus, composta da un orbiter e un gruppo di quattro piccole sonde che sono state calate nell'atmosfera venusiana, al cui interno sono stati trovate tracce di deuterio, un isotopo pesante dell'idrogeno che può derivare dalla rottura dell'acqua. Gli scienziati si sono chiesti se Venere potesse avere ospitato grandi quantità di acqua e se il liquido fosse presente in qualche forma nell'atmosfera.

Nel 2020 avviene la possibile rilevazione di tracce di fosfina nell'atmosfera di Venere. Gli scienziati hanno contemplato uno scenario in cui un potenziale ciclo dell'acqua nelle nubi pesanti di acido solforico di Venere potrebbe consentire ai microbi di esistere in goccioline ad alta quota e produrre spore che potrebbero essere idratate, mantenendo attivo un ciclo di vita riproduttivo. Sebbene la superficie del pianeta sia un inferno, le sue nuvole sono stabili e più temperate.

Il nuovo documento mostra che questo scenario è piuttosto improbabile. Lo studio si concentra sull'"attività dell'acqua" o sulla quantità di acqua disponibile per i microrganismi, misurata su una scala da 0 a 1. Per questo studio, il team di ricerca ha cercato di misurare l'attività dell'acqua nelle nuvole calcolando il valore relativo dell’umidità (la quantità di acqua che ha saturato l'aria ad una data temperatura). 

Gli scienziati hanno utilizzato l' Aspergillus penicillioides, un fungo in grado di vivere in alcune delle condizioni più aride immaginabili, come base per comprendere quanta scarsità d'acqua un organismo può sopportare pur riuscendo a svolgere funzioni metaboliche e riprodursi. La risposta è un punteggio di attività dell'acqua di 0,585, effettivamente il "limite di vita" dell'attività biologica come la conosciamo. 

Utilizzando i dati atmosferici raccolti dalle precedenti missioni di Venere e utilizzando modelli più recenti su come valutare l'attività dell'acqua, Hallsworth e il suo team hanno calcolato l'attività dell'acqua delle nuvole di Venere a 68-42 chilometri di altitudine, dove le temperature tolleranti alla vita variano da -40°C a 130 °C. Hanno scoperto che l'attività dell'acqua è, nella migliore delle ipotesi, 0,004. "Il microbo più tollerante all'asciutto sulla Terra non avrebbe alcuna possibilità su Venere", afferma Hallsworth. 

I ricercatori sottolineano anche che anche se l'attività dell'acqua stessa fosse più alta, l'atmosfera di Venere è satura di elementi ostili che probabilmente ostacolerebbero il corretto funzionamento dei sistemi cellulari (per esempio, l'acido solforico disidrata le cellule). 

Altri pianeti se la sono cavata meglio. Il team ha anche calcolato che l'attività dell'acqua nelle nuvole marziane è 0,537 (paragonabile alla stratosfera terrestre, e solo leggermente al di sotto del "limite di vita" per la vita sulla Terra), e nelle nuvole di Giove è almeno 0,585 in luoghi in cui la temperatura è compresa tra 10°C e -40°C. "Non possiamo dire che le nuvole di Giove siano abitabili", afferma Christopher McKay, uno scienziato della NASA e coautore dello studio. "Possiamo dire che non sono limitate dall'attività dell'acqua". 

I risultati dovranno essere confermati con ulteriori studi, ma gli autori sono abbastanza fiduciosi che non cambierà, anche con le due nuove missioni della NASA e una missione dell'ESA dirette su Venere verso la fine del decennio.  Naturalmente, ci sono alcuni avvertenze da fare. "Dobbiamo basare le nostre discussioni sulla vita su altri mondi su ciò che sappiamo della vita sulla Terra, perché almeno abbiamo una base da cui partire", afferma McKay. "Ma una parte di me spera che se troveremo la vita altrove, sia davvero molto, molto diversa", con la biochimica che funziona oltre i limiti di ciò che abbiamo visto qui sulla Terra. 

E mentre la vita attuale su Venere potrebbe sembrare improbabile con queste nuove scoperte, ciò non significa che Venere sia sempre stata un arido deserto. C’è una storia nascosta del pianeta che gli scienziati vogliono indagare.

(rp)