• La tempesta Ida ha inondato gli edifici del Bronx. Getty

New York non ha retto l’urto di Ida

Nonostante spendano miliardi per l'adattamento alle diverse emergenze, le città non riescono a stare al passo con i cambiamenti climatici.

di Casey Crownhart 05-09-21
Le inondazioni hanno ucciso almeno due dozzine di persone mentre l'uragano Ida ha travolto New York, il New Jersey e la Pennsylvania la notte del 1 settembre. Questa devastazione si aggiunge ai 13 morti e al milione di persone rimaste senza energia elettrica quando la tempesta ha colpito la Louisiana, il Mississippi e l'Alabama lo scorso fine settimana.

Sulla costa orientale, New York City è stata colpita particolarmente duramente. Oltre 7,6 cm di pioggia sono caduti a Central Park nel giro di un'ora, battendo un record stabilito poco più di una settimana prima. Le inondazioni hanno trasformato i viali in canali e i gradini della metropolitana in cascate, lasciando i residenti bloccati o intrappolati. Questo nonostante i miliardi di dollari che la città ha speso per migliorare le difese contro le inondazioni dopo l'uragano Sandy nel 2012.

Le tempeste estreme stanno diventando più comuni poiché il cambiamento climatico rende le precipitazioni più intense e la situazione peggiorerà con l'ulteriore riscaldamento. C'è ancora molto che le città devono capire per essere all’altezza delle minacce, che possono variare da inondazioni improvvise a mareggiate. L’adattamento richiederà tempo e denaro in alcuni casi decenni e centinaia di miliardi di dollari. Ma le iniziative per contrastare il cambiamento climatico e l'adattamento stanno procedendo a velocità diverse.

"Il problema è che stiamo vedendo questi impatti e queste tempeste mutevoli arrivare con ritmi sempre più veloci e le risposte non tengono il passo", afferma Lauren McPhillips, idrologa della Penn State University che studia le inondazioni urbane. New York City è stata relativamente lungimirante quando si trattava di prepararsi alle inondazioni, afferma. Per anni, la città ha adottato architetture più permeabili, come tetti verdi e giardini pluviali, e pompe e tubi di drenaggio aggiornati. Questi miglioramenti si sono intensificati dopo Sandy.

"Abbiamo imparato molte lezioni da Sandy", ha detto il governatore di New York Kathy Hochul in una conferenza stampa la mattina dopo la tempesta. “Le nostre coste sono in condizioni molto migliori di prima mentre siamo ancora vulnerabili per quanto riguarda le strade”. Sandy incombe in ogni discussione sulle inondazioni a New York City. 

Ma la differenza tra l'uragano del 2012 e Ida illustra la varietà di problemi che la città deve affrontare a causa del cambiamento climatico. Sandy ha provocato un'intensa mareggiata, con l'oceano che è penetrato nella città. Ida ha scaricato centimetri d'acqua su tutta la città in breve tempo, un problema che le barriere marine e le altre protezioni costiere non possono risolvere.

Mentre New York City e altre aree costiere sono più vulnerabili all'innalzamento del livello del mare, qualsiasi area urbana può subire le cosiddette inondazioni pluviali, del tipo causato dalle piogge. "Il modo in cui si è sviluppata la città ha causato il problema delle inondazioni", afferma Timon McPhearson, ricercatore di resilienza climatica urbana presso la New School e membro del New York City Panel on Climate Change.

Le superfici impermeabili come il cemento fanno sì che l'acqua scorra invece di affondare nel terreno come accadrebbe nelle praterie o nelle foreste. E se grandi quantità d’acqua scorrono insieme, le conseguenze possono essere mortali. Con il contributo di ricercatori come McPhearson, New York City ha sviluppato piani per migliorare le sue difese contro le inondazioni causate dalle tempeste. 

Un lungimirante piano di contrasto alle acque piovane pubblicato nel maggio del 2021 includeva una valutazione del rischio di alluvione in tutta la città e proponeva soluzioni che andavano da strategie sociali, come l'informazione ai consigli comunali locali sui rischi di alluvione, a tecniche ingegneristiche come più tetti verdi e giardini pluviali.

Il Dipartimento per la Protezione Ambientale della città sta valutando piani per le aree colpite particolarmente duramente durante le tempeste più intense. Cloudburst Resiliency, uno studio pubblicato nel 2018, ha esaminato le strategie per affrontare gli eventi di pioggia estrema. I piani pilota in un'area frequentemente allagata nel Queens includevano infrastrutture verdi come passerelle per parchi allagabili, nonché un campo da basket progettato per trattenere l'acqua durante le grandi inondazioni.

Ma realizzare queste o altre soluzioni per la gestione delle acque piovane richiederebbe finanziamenti importanti e in parte almeno un decennio per essere ingegnerizzate. "Dobbiamo letteralmente ridisegnare la città per risolvere il problema", afferma McPhearson.  In alcuni casi, continua, la ricerca suggerisce già come proteggere la città dalle inondazioni, ma mettere insieme i soldi e la volontà politica per agire non è assolutamente semplice.

Nel frattempo, le inondazioni continueranno a uccidere. Più persone muoiono a causa delle acque alluvionali che per qualsiasi altro effetto di un uragano, afferma Anne Jefferson, idrologa della Kent State University. Le persone vulnerabili hanno maggiori probabilità di essere danneggiate o uccise dai danni delle inondazioni. Almeno otto persone morte nella tempesta a New York vivevano in appartamenti nel seminterrato, alcuni dei quali illegali, che sono generalmente i meno costosi.

Le soluzioni ingegneristiche possono aiutare a ridurre alcuni dei danni causati da alcune inondazioni nelle città. In definitiva, se il riscaldamento continua, gli eventi futuri avranno un impatto maggiore e limitare i danni richiederà una serie di soluzioni: ecologica, sociale, legale e ingegnerizzata. Ma Ida, insieme alla pletora di altri disastri climatici quest'anno, dagli incendi al caldo estremo, ha chiarito in modo estremamente chiaro: il cambiamento climatico non è più un problema futuro da evitare. Sta succedendo ora e dobbiamo rispondere all’emergenza.

(rp)