• Vaccinazioni all'ADO Stadion a L'Aia, nei Paesi Bassi, 1 maggio 2021. Patrick Van Katwijc / Picture-Alliance / DPA / AP Images

Mischiare più vaccini sembra funzionare

Un nuovo studio indica che alcune combinazioni mostrano risultati migliori della doppia dose dello stesso vaccino.

di Cassandra Willyard 03-07-21
In un preprint pubblicato di recente, i ricercatori hanno riferito che le persone che hanno ottenuto una dose del vaccino di Oxford-AstraZeneca seguito quattro settimane più tardi dal vaccino Pfizer-Biontech hanno mostrato risposte immunitarie-più decise di chi ha avuto due dosi di Oxford- AstraZeneca, e molto vicine alle reazioni di chi ha ricevuto due dosi di Pfizer-BioNTech. 

Questa è una notizia rassicurante per i paesi che hanno già mescolato vaccini diversi. In Spagna, per esempio, alle persone di età inferiore ai 60 anni che hanno ricevuto una dose di Oxford-AstraZeneca è stato offerto Pfizer come seconda dose a causa delle preoccupazioni sui rari casi di coagulazione del sangue associati al primo vaccino. E questi nuovi dati dovrebbero dare spazi di flessibilità ad altri paesi di fronte a forniture incostanti. 

"E’ ragionevole dire che ognuno di questi programmi dovrebbe essere efficace contro il covid-19", afferma Matthew Snape, pediatra dell'Università di Oxford e coordinatore dello studio. Ma Snape non arriva a sostenere che mescolare i vaccini sia preferibile ai regimi che sono stati testati in ampi studi di fase 3. "Sono ancora dell'idea che l'impostazione predefinita dovrebbe essere quella di attenersi ai programmi di vaccinazione che sappiamo come effettivamente funzionano attraverso prove dirette", aggiunge. 

Questi dati fanno parte di Com-CoV, uno studio che include più di 800 persone di età superiore ai 50 anni che sono state inserite casualmente in uno di quattro gruppi. Due gruppi hanno ricevuto i vaccini così come sono stati testati: due dosi della stessa marca. Gli altri due gruppi hanno ricevuto una dose di vaccini differenti.

Lo studio è stato progettato per verificare se le persone che hanno ricevuto un regime misto avrebbero avuto risultati peggiori di quelle che hanno ricevuto due dosi dello stesso vaccino. Com-CoV non ha lo scopo di controllare se i partecipanti sono protetti dal covid, ma di valutare come diversi regimi influenzano le risposte anticorpali e delle cellule T. 

Uno studio pubblicato a maggio ha  dimostrato che la combinazione di questi vaccini è sicura, sebbene i regimi misti abbiano portato a maggiori effetti collaterali. In questo articolo, i ricercatori forniscono dati sulla risposta immunitaria in 463 persone che hanno ricevuto le iniezioni a distanza di quattro settimane. Il team sta anche testando un intervallo di 12 settimane. Tutti i regimi sembrano indurre forti risposte immunitarie. 

I regimi di combinazione hanno indotto risposte più forti rispetto a una doppia dose di Oxford-AstraZeneca. In effetti, il gruppo che ha ricevuto Oxford-AstraZeneca seguito da Pfizer-BioNTech aveva livelli di anticorpi nove volte superiori rispetto al gruppo che ha ricevuto una doppia dose di Oxford-AstraZeneca. Ma una doppia dose di Pfizer-BioNTech ha superato ogni altro regime, incluso il regime misto che ha offerto per primo Pfizer-BioNTech. 

In questo studio, due dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca hanno suscitato i livelli di anticorpi più bassi. Ma Snape sottolinea che lo studio ha testato un intervallo di quattro settimane tra le dosi. Non è così che viene somministrato il vaccino. Le dosi sono in genere distanziate da otto a 12 settimane. E gli studi suggeriscono che intervalli più lunghi potrebbero funzionare meglio. In un nuovo  preprint i  ricercatori hanno trovato i più alti livelli di anticorpi con un ritardo di 45 settimane. Questo potrebbe essere il motivo per cui il regime standard Oxford-AstraZeneca sembra suscitare la risposta più debole. 

Il team spera di presentare i dati sui gruppi che hanno avuto un intervallo di 12 settimane tra le dosi nel prossimo mese. Valuteranno anche la durata della risposta ed esamineranno le combinazioni che coinvolgono altri due vaccini: Moderna e Novavax. Questi dati potrebbero aiutare i funzionari sanitari a decidere quali vaccini dovrebbero essere offerti come booster, se necessario. "Sulla base del nuovo studio, sembra che il passaggio a un vaccino a RNA potrebbe effettivamente avere alcuni benefici in termini di anticorpi", afferma Snape. 

(rp)