• Lucy è stata lanciata su questo razzo Atlas V dalla Cape Canaveral Space Force Station, in Florida, il 16 ottobre e ha iniziato il suo viaggio verso gli asteroidi troiani di Giove, per studiare come si è formato il sistema solare e i suoi pianeti. NASA / Bill Ingalls

Lucy in viaggio verso gli asteroidi di Giove

La navicella spaziale ha appena iniziato la sua missione di 12 anni per vedere cosa possono insegnarci gli ammassi di asteroidi sulle origini del sistema solare.

di Tatyana Woodall 17-10-21

La navicella spaziale Lucy della NASA, che prende il nome dall’antenato umano il cui scheletro ha fornito informazioni sulle origini della nostra specie, ha iniziato la prima tappa del suo viaggio di 12 anni. Decollato da Cape Canaveral su un razzo Atlas V, Lucy è diretta a studiare gli asteroidi in un'area intorno a Giove che è rimasta relativamente invariata dal Big Bang. Si avventurerà più lontano dal Sole di qualsiasi altro veicolo spaziale a energia solare.

 

"Lucy cambierà profondamente la nostra comprensione dell'evoluzione planetaria nel nostro sistema solare", ha detto Adriana Ocampo, responsabile del programma Lucy presso la NASA, durante un briefing sui media scientifici tenutosi il 14 ottobre.

 

Il veicolo spaziale è alimentato principalmente da carburante liquido, ma i suoi strumenti funzioneranno con l'energia generata da due enormi pannelli solari. La tecnologia di Lucy si basa su alcune missioni precedenti: l'orbiter Mars Odyssey, il lander InSight e la sonda spaziale OSIRIS-REx.

 

La missione di Lucy consiste nel volare vicino a un asteroide nell'area affollata che circonda il Sole tra Marte e Giove, e poi continuare verso i Troiani, due sciami di corpi rocciosi molto oltre la fascia degli asteroidi. Questi sciami di asteroidi, che viaggiano davanti e dietro all’orbita di Giove, sono i resti celesti dei primi giorni del sistema solare.

 

Lucy scatterà immagini in bianco e nero e a colori e utilizzerà un divisore di raggio diamantato per far brillare la luce a infrarossi lontani sugli asteroidi per misurare la loro temperatura e creare mappe della loro superficie. Raccoglierà anche altre misurazioni mentre vola. Questi dati potrebbero aiutare gli scienziati a capire come potrebbero essersi formati i pianeti.

 

Sarah Dodson Robinson, ricercatrice di fisica e astronomia dell'Università del Delaware, afferma che Lucy potrebbe offrire una linea temporale definitiva non solo per quando i pianeti si sono originariamente formati, ma anche per capire dove. "Se si riesce ad avere un'idea precisa di quando si sono formati gli asteroidi troiani, allora si ottengono alcune informazioni su quando si è formato Giove e si possono iniziare a fare domande come: 'In che modo si è mosso Giove nel sistema solare? Perché non è sempre stato dov'è ora’”.

 

Per determinare l'età degli asteroidi, la navicella cercherà crateri superficiali che potrebbero non essere più grandi di un campo da calcio. "I Troiani non hanno avuto così tante collisioni e rotture come alcuni degli altri asteroidi che sono più vicini a noi", afferma Dodson-Robinson. "Stiamo potenzialmente dando un'occhiata ad alcuni di questi asteroidi come erano poco dopo la loro formazione".

 

Durante il suo viaggio di più di 6 miliardi di km, Lucy riceverà tre spinte gravitazionali dalla Terra, che comporteranno l'uso della forza gravitazionale del pianeta per cambiare la traiettoria del veicolo spaziale senza esaurire le sue risorse. Coralie Adam, vice capo del team di navigazione per la missione Lucy, afferma che ogni spinta porterà la velocità della navicella spaziale da 320 km all'ora a oltre 17.000.

 

"Se non fosse per questa assistenza gravitazionale terrestre, ci vorrebbe cinque volte la quantità di carburante per raggiungere l'obiettivo di Lucy, il che renderebbe la missione irrealizzabile", ha detto Adam durante un briefing con i media sugli aspetti ingegneristici tenuto il 14 ottobre.

 

La missione di Lucy dovrebbe concludersi nel 2033, ma alcuni funzionari della NASA sono già fiduciosi che la navicella spaziale durerà molto più a lungo. "Ci sarà una buona quantità di carburante a bordo", ha detto Adam. "Dopo l'incontro finale con gli asteroidi binari, finché la navicella è in salute, abbiamo in programma di proporre alla NASA di fare una missione estesa ed esplorare più Troiani".

(rp)