• Un paramedico presta assistenza a un uomo esposto al calore durante l'ondata di caldo a Salem, in Oregon. AP Photo / Nathan Howard

Le reti crollano sotto l'ondata di caldo

Nel nord-ovest degli Stati Uniti le temperature troppo alte, gli incendi e le tempeste invernali richiedono revisioni del sistema energetico per mettere le persone al sicuro di fronte all’accelerazione del cambiamento climatico.

di James Temple 29-06-21
L'ondata di caldo record che ha infiammato il nord-ovest degli Stati Uniti offre l'ultimo esempio di quanto siamo impreparati ad affrontare le sfide mortali del cambiamento climatico. Le temperature altissime in molte aree hanno creato un aumento della domanda di energia e messo a dura prova la rete mentre i residenti accendono ventilatori e condizionatori d'aria, in molti casi unità di nuova acquisizione in luoghi che raramente ne hanno avuto bisogno in passato. 

Almeno migliaia di case si sono ritrovate senza corrente elettrica nelle vicinanze di Portland, Seattle e in altri luoghi negli ultimi giorni, creando situazioni potenzialmente pericolose che possono facilmente innescare colpi di calore o peggio. Gli osservatori temono che potrebbero esserci interruzioni ancora più diffuse poiché le temperature saliranno più in alto questa settimana e l'ondata di caldo raggiungerà altre regioni.

Gli scienziati del clima concordano sul fatto che il cambiamento climatico sta portando a sempre più frequenti ondate di calore in tutto il mondo. In questo caso, un picco di alta pressione collocato lungo il confine canadese ha creato quella che è nota come una cupola di calore, intrappolando l'aria calda su un'area che si estende fino alla California settentrionale e all'estremo est dell'Idaho.

Gli operatori di rete della California hanno annunciato lunedì che probabilmente chiederanno riduzioni volontarie del consumo di elettricità. Si prevede una carenza di offerta poiché le temperature minacciano di raggiungere i 50 gradi nella parte interna dello stato.

Mentre la preoccupazione principale è l'aumento della domanda che si verifica quando i residenti utilizzano l'aria condizionata, il calore stesso può minare la rete anche in altri modi, afferma Arne Olson, senior partner della società di consulenza Energy and Environmental Economics. Tra gli altri problemi, può ridurre l'efficienza delle centrali elettriche, surriscaldare i trasformatori e causare l'abbassamento delle linee elettriche, nel qual caso possono sfiorare gli alberi e causare interruzioni.

La California deve affrontare l'ulteriore sfida di avere meno energia idroelettrica disponibile rispetto al normale in condizioni di estrema siccità. Inoltre, gli operatori delle reti interconnesse della parte Occidentale del paese potrebbero non essere in grado di contare su un eccesso di offerta da altre aree perché l'ondata di caldo sta interessando una zona troppo estesa, aggiunge Olson.

Da diversi punti di vista, il sistema elettrico che abbiamo è in gran parte pensato per un clima che ormai non c’è più, afferma Jane Long, ex direttore associato del Lawrence Livermore National Laboratory. Rafforzare i nostri sistemi elettrici per condizioni meteorologiche estreme sempre più frequenti, che si tratti delle ondate di calore di quest'estate o delle tempeste dell’inverno scorso, richiederà importanti aggiornamenti delle reti statunitensi, compreso il passaggio a moderni sistemi di trasmissione e distribuzione, l'ottimizzazione di fonti di generazione "disperdenti" come turbine eoliche o impianti a gas naturale e sistemi di accumulo di energia.

Richiederà anche una gamma diversificata di centrali elettriche in grado di garantire una fornitura costante in qualsiasi scenario meteorologico o ora del giorno, afferma Long. Ciò diventerà più difficile da mantenere poiché le regioni faranno affidamento su quote sempre maggiori di energia eolica e solare, che fluttuano continuamente. Gli studi di Long e altri hanno scoperto che gli stati dovranno incorporare ulteriori fonti prive di carbonio in grado di fornire prodotti su richiesta, come impianti geotermici, nucleari, a idrogeno o a gas naturale con sistemi in grado di catturare le emissioni climatiche.

Avremo anche bisogno di forme di climatizzazione sempre più efficienti e rispettose del clima. Le alte temperature e le gravi condizioni di siccità aumentano anche i rischi di incendi, che richiedono ulteriori modifiche al sistema elettrico, tra cui l'interramento delle linee, e l'installazione di sistemi moderni che si disattivano quando viene rilevata un'interruzione e la costruzione di moduli di generazione e stoccaggio di elettricità distribuita.

Le interruzioni di corrente non sono solo un inconveniente durante le ondate di calore: possono avere conseguenze mortali quando le alte temperature provocano colpi di calore, afferma Stacey Champion, che ha monitorato le morti per caldo al chiuso in Arizona e ha spinto l’utility locale a sospendere le interruzioni di corrente durante i periodi di alte temperature. "Questo fenomeno è conosciuto come il killer silenzioso", afferma Champion.

In effetti, le ondate di calore uccidono più americani di uragani, tornado e terremoti messi insieme. I bambini, gli anziani e le donne incinte sono particolarmente vulnerabili. Alcuni studi indicano che le morti e le malattie dovute all'aumento delle temperature aumenteranno con l'accelerazione del cambiamento climatico.

(rp)