• Dacca, in Bangladesh, ha registrato alcuni dei maggiori aumenti dell'esposizione alle inondazioni. Mamunur Rashid / Alamy Live News

Le aree a rischio nel mondo aumentano

Le immagini satellitari rivelano come sta cambiando il panorama delle inondazioni e quali paesi sono più esposti al pericolo.

di Casey Crown 07-08-21
Anche se il cambiamento climatico e l'urbanizzazione rendono le inondazioni più frequenti e le loro conseguenze più gravi, una percentuale sempre maggiore di persone vive in aree soggette a questi eventi. In un nuovo studio pubblicato oggi su “Nature”, i ricercatori hanno utilizzato immagini satellitari per mappare oltre 900 eventi di alluvione avvenuti tra il 2000 e il 2018, che hanno colpito tra 255 e 290 milioni di persone.

Mentre la popolazione globale è cresciuta del 18,6 per cento dal 2000 al 2015, la popolazione in queste aree ha superato tale crescita, aumentando del 34,1 per cento nello stesso periodo. Ciò significa che tra i 58 milioni e gli 86 milioni di persone in più sono state esposte alle inondazioni in quei luoghi nel corso di 15 anni.

"Non è particolarmente sorprendente che le inondazioni aumentino", afferma Beth Tellman, cofondatrice della startup di mappatura delle inondazioni Cloud to Street e autrice principale dello studio. "Ma quello che mi ha colpito è che le persone si stavano spostando in luoghi in cui abbiamo osservato inondazioni in passato".

I ricercatori hanno esaminato oltre 3.000 eventi nel database del Dartmouth Flood Observatory, che registra le inondazioni riportate nei notiziari. Hanno abbinato gli eventi che avevano dati sulla posizione alle immagini satellitari di MODIS, uno strumento montato su due satelliti della NASA che hanno catturato immagini quotidiane della Terra dal 2000.

I ricercatori hanno utilizzato un algoritmo per mappare dove si era verificata l'inondazione, individuando quali pixel erano coperti dall'acqua e quali no. Quindi hanno aggiunto i dati sulla popolazione per vedere come le tendenze nelle aree allagate sono cambiate nel tempo. I paesi a basso e medio reddito hanno registrato la crescita demografica più rapida nelle aree soggette a inondazioni negli ultimi due decenni, con i tassi di crescita più elevati nell'Africa subsahariana e nell'Asia meridionale.

I fattori socioeconomici potrebbero spiegare parte del movimento, dice Tellman. I gruppi vulnerabili potrebbero non avere altra scelta che stabilirsi nelle zone alluvionali, dove la terra potrebbe essere più economica e più disponibile. Utilizzando le immagini satellitari, i ricercatori sono stati in grado di descrivere gli impatti delle inondazioni reali in modo più accurato rispetto ai modelli tradizionali. 

I modelli possono catturare alcuni tipi di inondazioni, come quelle che si verificano intorno ai fiumi e sulle coste, ma per altre causate da forti piogge o eventi casuali, come la rottura di dighe o un'ondata di tempesta abbinata all'alta marea, le immagini satellitari forniscono un'immagine più chiara. Le 913 inondazioni mappate sono ancora solo una frazione delle decine di migliaia che si verificano a livello globale ogni anno. "È solo la punta dell'iceberg", dice Tellman.

MODIS acquisisce immagini con una risoluzione di 250 metri, circa la lunghezza di due campi da calcio. Ciò significa che i ricercatori non sono stati in grado di mappare le inondazioni più piccole o quelle nella maggior parte delle città. Le nuvole hanno anche interferito con l'algoritmo di elaborazione delle immagini e, poiché i satelliti passano su un punto specifico della Terra solo una o due volte al giorno, hanno perso anche le inondazioni rapide.

Gli strumenti più recenti hanno una risoluzione molto più alta e possono vedere attraverso le nuvole, afferma Bessie Schwarz, cofondatrice e CEO di Cloud to Street. Questi strumenti, insieme all'intelligenza artificiale, possono mappare le inondazioni in modo ancora più accurato oggi. Ma per mappare sistematicamente le inondazioni nel tempo, i ricercatori hanno dovuto attenersi alle immagini provenienti da un'unica fonte, utilizzando una tecnologia che esiste da più tempo.

Lo studio offre agli scienziati un quadro più chiaro di qualsiasi altra risorsa della portata e dell'impatto umano delle recenti inondazioni. E i risultati saranno particolarmente utili per i modellisti che cercano di prevedere il rischio, afferma Philip Ward, che studia la valutazione del rischio di alluvioni presso la Vrije Universiteit Amsterdam e non è stato coinvolto nello studio.

Di solito, quando i ricercatori costruiscono un modello per prevedere il rischio di alluvioni, lo testano utilizzando mappe di alluvioni passate. Sebbene molte siano mappate da ricercatori o governi locali, spesso utilizzano metodi diversi e alcuni dati non sono disponibili pubblicamente. Avere un ampio set di dati che utilizza lo stesso metodo per mappare molte inondazioni consentirà ai ricercatori di sviluppare modelli più accurati. 

Un occhio al futuro

Ottenere un quadro più accurato del rischio globale di inondazioni potrebbe aiutare a indirizzare i finanziamenti per l'adattamento climatico nei luoghi che ne hanno più bisogno, afferma Tellman, che porta ad esempio la Repubblica Centrafricana, un paese sempre più esposto alle inondazioni, secondo questo studio, ma che non riceve molti fondi per l' adattamento climatico da governi stranieri e organizzazioni internazionali.

Il rischio di alluvioni riflette alcuni fattori: pericolo, esposizione e vulnerabilità, afferma Brenden Jongman, specialista nella gestione del rischio di catastrofi presso la Banca mondiale e uno dei revisori dello studio. Sebbene alcune inondazioni siano inevitabili, i governi possono affrontare alcuni fattori di rischio per aiutare a ridurre i danni.

Alcune misure possono ridurre l'esposizione: spostare le persone fuori dalle aree soggette a inondazioni modificando le leggi urbanistiche o trovando nuovi luoghi in cui stabilirsi. Altri possono ridurre la vulnerabilità: costruendo edifici più resistenti alle inondazioni o mettendo in atto sistemi di allerta precoce.

E mentre più persone vivono in aree inondate, Jongman afferma che alcune ricerche suggeriscono che la vulnerabilità sta effettivamente diminuendo man mano che le persone si adattano alle inondazioni e costruiscono sistemi più resilienti."Il modo migliore per rispondere a un'alluvione in realtà arriva settimane, mesi e talvolta anche anni prima di quell'alluvione", afferma Schwarz. "Dobbiamo investire nella prevenzione".

(rp)