• Selman Design

La tecnologia è un’arma a doppio taglio

Non ci sono forze ineluttabili che spingono il nostro futuro in una direzione e dipende solo da noi il cambiamento perché abbiamo gli strumenti per far sì che l’innovazione non si muova sui soliti sentieri, ma sia al servizio della comunità.

di Sheila Jasanoff 18-07-21
Che la si ami o la si odi, la tecnologia ci affascina con la promessa di cambiamento. A volte sono i presunti benefici che attirano la nostra attenzione: curare le malattie, sostituire i combustibili fossili, aumentare le scorte di cibo, svelare i segreti delle profondità marine, colonizzare Marte o porre fine alle devastazioni della vecchiaia. Altre volte i rischi sono maggiori. Potremmo scatenare un virus killer, mettere in moto una reazione nucleare incontrollata, bloccare le radiazioni solari dannose con sostanze chimiche che si rivelano tossiche o costruire computer che decidono che gli esseri umani sono superflui.
 
La battaglia tra luce e oscurità nel modo in cui immaginiamo il cambiamento tecnologico è antica. Nella mitologia greca, Prometeo pagò un duro prezzo per aver portato il fuoco sulla Terra e Dedalo perse suo figlio per l'impulso di volare verso la libertà. Ma le visioni più ottimistiche e più pessimistiche della tecnologia si basano entrambe su un comune malinteso: che un percorso tecnologico, una volta intrapreso, porta a inevitabili conseguenze sociali, utopiche o distopiche. 

Questa visione, nota come determinismo tecnologico, è storicamente imperfetta, politicamente pericolosa ed eticamente discutibile. Per raggiungere il progresso, le società come la nostra hanno bisogno di una comprensione più dinamica del perché la tecnologia cambia, delle ricadute su di noi e delle nostre capacità di governare l’innovazione.

La tecnologia non è una forza autonoma indipendente dalla società, né le direzioni del cambiamento tecnologico sono fissate dalla natura. La tecnologia nella sua forma più elementare è la costruzione di utensili. Insistere sul fatto che i progressi tecnologici sono inevitabili ci impedisce di riconoscere le disparità di ricchezza e potere che guidano l'innovazione nel bene e nel male. 

La tecnologia è sempre un'impresa collettiva. È quello che è perché molte persone hanno lavorato in una direzione, si sono presi dei rischi, hanno introdotto standard e regole, hanno sconfitto i concorrenti e hanno creato mercati per imporre le loro visioni. Se trattiamo la tecnologia come autodiretta, trascuriamo tutti questi contributi interconnessi e rischiamo di distribuire ingiustamente i benefici dell'invenzione. 

Oggi, un dirigente di un'azienda biotecnologica di successo può vendere azioni per milioni di dollari, mentre chi pulisce il laboratorio o si offre volontario per le sperimentazioni cliniche guadagna molto poco. Ignorare le condizioni di partenza diseguali che hanno prodotto le invenzioni tende a riprodurre quelle stesse disuguaglianze nella distribuzione dei benefici.

Nel corso della storia umana, il desiderio di guadagno economico ha sostenuto la ricerca di nuovi strumenti, in campi come l'estrazione mineraria, la pesca, l'agricoltura e, di recente, la prospezione genetica. Questi strumenti aprono nuovi mercati e nuovi modi per estrarre risorse, ma ciò che l'innovatore vede come progresso spesso porta cambiamenti indesiderati alle comunità colonizzate dalle tecnologie importate e dalle ambizioni dei loro creatori. 

Per esempio, nel Bengala occidentale, dove sono nata, i tessitori hanno perso l’abilità di realizzare gli intricati motivi narrativi del sari Baluchari durante i 200 anni di dominio britannico. In effetti, la prima rivoluzione industriale britannica, che introdusse il telaio meccanico in città come Lancaster, ma adottò tariffe punitive per tenere fuori dall'India i tessuti fatti a mano, fu anche una storia sullo smantellamento dell'industria tessile un tempo fiorente del Bengala. Il costo di una rottura radicale con il patrimonio economico e culturale di una nazione è incalcolabile.

Il desiderio di vantaggio militare è un altro motore del cambiamento tecnologico che può, in alcuni casi, avvantaggiare la società civile, ma le tecnologie a "doppio uso" spesso mantengono legami con le forze che ne hanno spinto lo sviluppo. L'energia nucleare, derivata dalla ricerca della bomba atomica, è stata venduta al mondo dal presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower come "atomi per la pace". Eppure l'energia nucleare resta strettamente legata alla minaccia della proliferazione delle armi nucleari. 

Allo stesso modo, Internet e il world wide web, che hanno rivoluzionato la vita di oggi, devono molto alla visione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti di una rete di computer. Celebrato inizialmente come uno spazio di emancipazione, il mondo digitale ha lentamente rivelato le sue caratteristiche antidemocratiche: sorveglianza costante, minacce alla sicurezza informatica, illegalità del dark web e diffusione della disinformazione. Una maggiore consapevolezza pubblica delle origini di Internet avrebbe potuto portare a un mondo cibernetico più responsabile di quello progettato dai tecnologi di successo. 

La storia di Internet mostra che le società moderne sono spesso più brave a immaginare i vantaggi della tecnologia rispetto ai suoi svantaggi. Ma la traiettoria dell'innovazione è guidata anche da preferenze culturali più sottili, spesso con profonde conseguenze. Nella biomedicina statunitense, per esempio, energia, attenzione e denaro tendono a essere diretti a soluzioni ad alto impatto, piuttosto che a cambiamenti caotici nelle infrastrutture sociali che provocano molti problemi di salute. 

Questa inclinazione si riflette nella decisione del Congresso di autorizzare i 10 miliardi di dollari dell’operazione Warp Speed per portare rapidamente sul mercato un vaccino contro il covid-19. Moderna deve gran parte del suo successo come produttore di vaccini a questo consistente finanziamento pubblico, e la stessa Moderna insieme a Pfizer hanno beneficiato enormemente di lucrosi contratti di fornitura con il governo degli Stati Uniti. 

Allo stesso tempo, circa un terzo di tutti i decessi negli Stati Uniti a causa della pandemia si sono verificati nelle case di cura, a seguito di decenni di sottoinvestimenti nell'assistenza agli anziani. Collettivamente, abbiamo scelto di ignorare la difficile situazione degli anziani vulnerabili e abbiamo speso molto in tecnologia solo quando tutti erano a rischio.

Il cambiamento potrebbe non essere inevitabile, ma gli economisti hanno ragione quando parlano di "dipendenza dal percorso" o dall'idea che una volta che un motore si avvia è destinato a seguire un percorso inarrestabile. I costi di base – la struttura, i macchinari, la forza lavoro addestrata - non possono essere recuperati. 

Spesso sembra più facile ritornare dove i flussi di materiali e le pratiche sociali hanno già scavato canali profondi. Non sorprende, quindi, che la spesa per la difesa si sia rivelata uno dei principali motori dell'innovazione, anche se tali investimenti perpetuano squilibri di potere e raramente rispettano le sensibilità culturali o etiche. 

Nella sua famosa poesia The Road Not Taken, Robert Frost riflette su come la mente umana costruisce narrazioni dell'inevitabilità. Arriviamo a un bivio, scegliamo un percorso e poi, mentre la memoria elabora i suoi trucchi, arriviamo a vedere che quella scelta ha plasmato tutto ciò che è venuto dopo. Di fronte ai crescenti problemi di disuguaglianza, alla diminuzione delle risorse e a un'incombente calamità climatica, dobbiamo imparare a riconoscere i difetti di una narrazione così lineare e ad immaginare il futuro lungo percorsi più tortuosi.

(rp)