La strada verso la resilienza climatica

La visualizzazione e l'analisi dei dati spaziali stanno aiutando a risolvere alcuni dei problemi più urgenti per affrontare a livello aziendale eventi futuri di portata eccezionale.

Molte aziende non sanno ancora come il cambiamento climatico cambierà la loro attività, ma altre stanno prendendo sul serio il problema e ricordando alle altre di proteggersi dal rischio sistemico, mantenendo allo stesso tempo positivo il rapporto con la clientela. Riconoscendo che la riduzione delle emissioni di carbonio è essenziale per combattere il cambiamento climatico, AT&T si è impegnata a diventare carbon neutral entro il 2035.

"Sappiamo solo che è la cosa giusta da fare per i nostri clienti come ho avuto modo di capire dopo anni di gestione del rischio", sostiene Shannon Carroll, direttore della sostenibilità ambientale globale di AT&T. "Se tutte le indicazioni convergono sul fatto che qualcosa di serio accadrà in futuro, è nostra responsabilità essere preparati a questa eventualità".

A livello globale, i leader del governo, delle imprese e del mondo accademico vedono l'urgenza. Il World Economic Forum Global Risks Report 2021 cita le condizioni meteorologiche estreme dovute ai cambiamenti climatici e ai danni ambientali causati dall'uomo tra i rischi più urgenti del prossimo decennio. Quando parlano di rischi ad alto impatto, gli intervistati hanno elencato il fallimento dell'azione per il clima e altri situazioni problematiche a livello ambientale seconde solo alle malattie infettive.

AT&T si sta muovendo con il suo progetto Climate Resilience, che utilizza l'analisi dei dati spaziali e le informazioni sulla posizione per affrontare il problema complesso di come tempeste sempre più potenti potrebbero influenzare infrastrutture come le torri cellulari e la capacità delle telecomunicazioni di fornire servizi ai propri clienti. "L'analisi spaziale è un modo per andare oltre quello che vediamo con gli occhi e mettere le basi per un approccio basato sulla conoscenza", spiega Lauren Bennett, responsabile dell'analisi spaziale e della scienza dei dati presso Esri, una società di sistemi di informazione geografica (GIS).

Per comprendere meglio la sua vulnerabilità, AT&T ha collaborato con l'Argonne National Laboratory del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti. La loro missione congiunta è stata identificare i rischi per l'infrastruttura e gli immobili dell'azienda sulla base di eventi meteorologici storici e modelli predittivi. Hanno inserito i dati delle risorse aziendali e i dati climatici del laboratorio in un GIS, che può sovrapporre volumi di informazioni disparate per la visualizzazione e l'analisi. L'output di tutte queste informazioni sfaccettate viene indicato come intelligenza spaziale, vale a dire l’utilizzo delle relazioni dei dati geospaziali per risolvere un problema particolare di posizione.

"Quando parliamo di GIS", afferma Jay Theodore, chief technology officer di Esri, "siamo in grado di risolvere problemi globali, ma anche studiare con una lente d'ingrandimento qualcosa nelle immediate vicinanze».

AT&T pianifica oggi per il futuro

"Tutti hanno bisogno di un piano per il cambiamento climatico", afferma Carroll. Quello di AT&T è incentrato sull'analisi spaziale avanzata per vedere come eventi distruttivi e altri fenomeni causati dal cambiamento climatico negli Stati Uniti influenzeranno le infrastrutture vicine. In definitiva, le aziende saranno in grado di prevedere dove e in che misura gli eventi climatici potrebbero influenzare i clienti.

AT&T è consapevole che senza una rete resiliente, anche la connettività a banda larga necessaria per colmare il divario digitale è a rischio. "La nostra priorità numero uno è assicurarci di avere una rete che servirà i nostri clienti tra 20, 30 anni", afferma Carroll.

La base del GIS di AT&T è una mappa che identifica le posizioni degli uffici e dei negozi dell'azienda, torri cellulari e server, strutture di stoccaggio, cavi e condotti sotterranei e fuori terra e altre infrastrutture. In cima alla mappa ci sono le analisi dei dati sui cambiamenti climatici che AT&T ha commissionato ad Argonne. Insieme, Argonne e AT&T hanno creato lo strumento di analisi dei cambiamenti climatici, che può prevedere la frequenza, l'estensione e la locazione di inondazioni, venti ad alta velocità, incendi e siccità da qui a circa 30 anni nel futuro.

Questa forma di intelligenza spaziale visualizza i rischi legati al clima per l'infrastruttura di AT&T, sulla base di informazioni contestuali e conoscenze scientifiche. Senza la correlazione spaziale del GIS tra le analisi climatiche di Argonne e la mappa aziendale, AT&T avrebbe un miscuglio di dati difficili da interpretare, disposti in fogli di calcolo e database separati: in tutto più di 500 miliardi di pagine di testo. Come spiega Theodore: "Se vuoi il quadro completo, se vuoi prendere le decisioni giuste, devi essere sul posto".

Per esempio, come guida, il team di AT&T e Argonne hanno utilizzato il loro strumento di analisi dei cambiamenti climatici per esaminare le regioni del sud-est degli Stati Uniti suscettibili di inondazioni e venti forti. "Ottenere alcuni dei migliori dati climatici disponibili dall'Argonne National Lab e poi sovrapporli in un GIS in modo da poterli visualizzare, è di gran valore", afferma Carroll.

Con un eccezionale grado di dettaglio, i dirigenti potrebbero determinare come le infrastrutture in quattro stati - Georgia, North Carolina, South Carolina e Florida - potrebbero essere colpite, per esempio, da un evento di eccezionale portata nei prossimi decenni.

"Non tutti gli asset corrono lo stesso rischio, anche se sono vicini", sottolinea Carroll. Questa valutazione può rivelarsi utile per una pianificazione più precisa, come nel caso dell'allocazione di risorse per riposizionare, rimodellare o rafforzare l'infrastruttura contro potenziali danni. Un principio chiave delle iniziative per la sostenibilità delle telecomunicazioni implica una tattica che molte aziende evitano: condividere i dati.

I team di AT&T che lavorano sull'analisi del rischio climatico hanno deciso di mettere i loro dati a disposizione di tutti. Hanno pubblicizzato l'accesso tramite comunicati stampa e canali di social media, incoraggiando persone e gruppi a scaricarlo. “Quando si tratta di costruire la resilienza climatica, non c’è concorrenza che tenga. Si collabora", afferma Carroll. "Incoraggiamo tutti a utilizzare questi dati perché non ci serve a nulla essere resilienti, se il resto della nostra catena del valore non lo è".

(rp)