• NASA / GSFC / ASU

La storia della Luna riserva nuove sorprese

I campioni del lander lunare cinese potrebbero cambiare tutto ciò che sappiamo sulla storia dell’attività vulcanica del nostro satellite e sulla sua origine.

di Tatyana Woodall 08-10-21
I campioni lunari che la navicella spaziale cinese Chang’e 5 ha  portato sulla Terra stanno rivelando nuovi indizi sui vulcani e sulle pianure laviche sulla superficie lunare. In uno studio pubblicato su  “Science”  ricercatori descrivono i campioni di lava più giovani mai raccolti sulla Luna.  Questi reperti sono stati prelevati dalla regione chiamata Oceanus Procellarum, nota per la presenza in passato di enormi laghi di lava che da allora si sono solidificati in roccia basaltica. Il campione che hanno analizzato più da vicino indica che la Luna ha vissuto un'era di attività vulcanica che è durata più a lungo di quanto gli scienziati pensassero in precedenza.  

I ricercatori hanno confrontato i frammenti all'interno dello stesso campione per determinare quando il magma fuso si era cristallizzato. I risultati li hanno sorpresi. Nella loro prima infanzia, i corpi piccoli e rocciosi come la Luna in genere si raffreddano più velocemente di quelli più grandi. Ma le loro osservazioni hanno mostrato che non è stato necessariamente così per il nostro vicino celeste più prossimo.  
 
"Si ritiene in genere che la Luna fosse così piccola da “morire” molto probabilmente poco dopo la formazione", afferma  Alexander Nemchin, professore di geologia alla Curtin University di Perth, in Australia e coautore dello studio. "Questo giovane campione contraddice questo concetto e, in qualche modo, dobbiamo ripensare un po', se non parecchio, la nostra visione della Luna". 

Usando la datazione degli isotopi e una tecnica basata sulla cronologia dei crateri lunari, che prevede in parte la stima dell'età di un oggetto nello spazio contando i crateri sulla sua superficie, il team ha determinato che la lava scorreva nell'Oceanus Procellarum fino a 2 miliardi di anni fa. 

Chang'e 5 è stata la prima missione di raccolta del campione lunare della Cina e la prima sonda a riportare materiale lunare dal 1976. Dopo il  lancio a fine novembre  e il ritorno all’inizio di dicembre del 2020, è una delle almeno otto fasi del programma lunare cinese per esplorare l'intero satellite. 

Nemchin afferma che non ci sono prove che gli elementi radioattivi che generano calore (come potassio, torio e uranio) esistano in alte concentrazioni al di sotto del mantello lunare. Ciò significa che quegli elementi probabilmente non hanno causato questi flussi di lava, come avevano pensato gli scienziati. Ora dovranno cercare altre spiegazioni su come si sono formati i flussi.  

La storia vulcanica della Luna potrebbe insegnarci di più su quella della Terra. Secondo la teoria dell'impatto gigante, la Luna potrebbe essere solo un pezzo di Terra che si è staccato quando il nostro pianeta si è scontrato con un altro. "Ogni volta che otteniamo informazioni nuove o aggiornate sull'età di quanto presente sulla Luna, si mette in moto un effetto a catena non solo per quanto riguarda la comprensione dell'universo, ma anche per il vulcanismo e le conoscenze geologiche generale su altri pianeti", afferma Paul Byrne, un ricercatore di scienze della terra e planetarie alla Washington University di St. Louis, che non è stato coinvolto nello studio.  

L'attività vulcanica non solo ha modellato l'aspetto della Luna - quei vecchi letti di lava sono oggi visibili ad occhio nudo come enormi macchie scure sulla superficie lunare - ma può anche aiutare a rispondere alla domanda se siamo soli nell'universo, dice Byrne.  "La ricerca della vita extraterrestre richiede in parte la comprensione dell'abitabilità", continua. L'attività vulcanica gioca un ruolo nello sviluppo atmosferico e degli oceani, componenti chiave per la vita. Ma cosa ci dicono esattamente queste nuove scoperte sulla vita potenziale altrove resta da vedere.  

(rp)