• Idrogeno. Wikipedia
La scissione dell'acqua promette energia rinnovabile a basso costo
Attualmente il sistema più popolare utilizzato per l'elettrolisi dell'acqua si basa su metalli preziosi come catalizzatori, ma un team di ricerca, tra cui alcuni scienziati del Los Alamos National Laboratory e della Washington State University, ha sviluppato un sistema che utilizza materiali più facilmente reperibili e a costi inferiori. 
di Renzo Pieroni 21-03-20
L'uso dell'energia solare ed eolica quando è disponibile per l’elettrolisi, un processo che utilizza l'elettricità per dividere H2O in idrogeno e ossigeno, rappresenta un modo per immagazzinare energia sotto forma di idrogeno. Come descritto su un articolo pubblicato su “Nature Energy” il 9 marzo, “l'attuale sistema di elettrolisi dell'acqua utilizza un catalizzatore molto costoso. Nel nostro sistema, invece, utilizziamo un catalizzatore a base di nichel-ferro, che è molto più economico, ma le cui prestazioni sono paragonabili. Abbiamo segnalato uno ionomero a scambio anionico arricchito con ammonio che migliora le prestazioni di un elettrolizzatore AEM a livelli che si avvicinano a quelli di elettrolizzatori a membrana a scambio di protoni all'avanguardia", ha affermato Yu Seung Kim, ricercatore presso il Los Alamos National Laboratory e autore del documento.