• Chip Somodevilla / Getty Images

La politica climatica americana a una svolta

Bill McKibben, Leah Stokes, Jesse Jenkins e Julian Brave Noisecat si sono confrontati sui progressi e le sfide climatiche alla conferenza EmTech di “MIT Technology Review” dedicata all’energia pulita.

di James Temple 09-10-21
Come sostenuto, la scorsa settimana, dai relatori durante la conferenza annuale EmTech di “MIT Technology Review”, il crollo dei costi delle energie rinnovabili, la crescente forza del settore dell'energia pulita e l’impegno degli attivisti hanno iniziato a modificare l’azione politica per il clima negli Stati Uniti.

Queste forze "hanno permesso al presidente Joe Biden di mettere il cambiamento climatico al centro della sua campagna e hanno contribuito a dare slancio al portafoglio di politiche sull'energia pulita e alle misure di finanziamento nei pacchetti infrastrutturali in discussione al Congresso degli Stati Uniti", ha affermato Bill McKibben, esperto di clima e fondatore del gruppo di attivisti ambientali 350.org.

Le misure segneranno le prime importanti leggi sul clima nella nazione se passeranno in una forma simile a quella attuale. In particolare, includono il Clean Electricity Performance Program, che utilizza pagamenti e sanzioni per incoraggiare i servizi pubblici ad aumentare la loro quota di elettricità da fonti prive di carbonio.

Altri relatori del panel, intitolato Clean Up the Power Sector, hanno appoggiato il programma. Tra loro, Leah Stoke, un professore associato di politica energetica e climatica dell'Università della California, Santa Barbara, e Jesse Jenkins, assistant professor e ricercatore di sistemi energetici presso la Princeton University.

Durante la sessione hanno sostenuto che l’intervento legislativo, progettato per garantire che l'80 per cento dell'elettricità della nazione provenga da fonti pulite entro il 2030, è più efficace e politicamente fattibile rispetto agli approcci concorrenti, comprese le tasse sul carbonio preferite da molti economisti.

"Quando diciamo alle persone: 'Ti renderemo più costoso l'utilizzo di un bene essenziale, che è l'energia', non incontriamo il favore popolare", ha detto Stokes. "Questa teoria del cambiamento politico si è scontrata con la realtà della disuguaglianza di reddito in questo paese". "Completamente diverso è dire: 'Invece di rendere più costoso l'uso dei combustibili fossili, cerchiamo di rendere più economico l'uso di materiale pulito'", ha aggiunto.

Ma resta da vedere se le misure per l'elettricità pulita e le altre disposizioni sul clima passeranno, e in quale forma. Persino alcuni senatori democratici nel Congresso hanno parlato di una spesa eccessiva nei progetti di legge.

Nonostante tutti i progressi sulle questioni climatiche, utilities ben finanziate e politicamente influenti e interessi sui combustibili fossili continuano a ostacolare i tentativi di revisionare i sistemi energetici alla velocità e alla scala richieste, ha sottolineato Julian Brave Noisecat, vicepresidente della politica e della strategia di Data for Progress, che ha moderato la seduta.

"Questi interessi sono notevolmente radicati e rimangono tali nonostante la significativa opposizione di base", ha affermato. Se i legislatori stravolgono le disposizioni chiave sul clima, rallenterà il passaggio all'energia pulita negli Stati Uniti e minerà il potere negoziale dello "zar" del clima di Biden, John Kerry, alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite all'inizio del prossimo mese, ha affermato McKibben che ha aggiunti:  "Siate certi che limiterà anche l'ambizione di tutti gli altri".

(rp)