• David Vintiner

La nuova frontiera del transumanesimo

Hanno ragioni del tutto diverse per modificare i loro corpi, ma i transumanisti sono uniti nella convinzione che la tecnologia possa dare vita a modi originali di essere.

di Michael Reilly 14-03-21
Il corpo umano è una meraviglia dell'ingegneria evolutiva. Quando qualcosa va storto, a causa di una malattia o di un trauma, le potenti tecnologie che abbiamo sviluppato possono sostituire gli arti persi o ripristinare la capacità di camminare. Occasionalmente, la “riparazione” può anche andare migliorare le proprie capacità naturali.

Il fotografo David Vintiner è rimasto affascinato da questi e altri tipi di modifiche del corpo eseguite dai sostenitori del transumanesimo. In generale, i transumanisti credono che la tecnologia possa essere utilizzata come strumento per modificare e migliorare il corpo umano. Nelle foto che seguono, incontriamo alcune di queste persone attraverso l'obiettivo di Vintiner.

Le modifiche al corpo sono a volte legate a un incidente, come nel caso di James Young che ha sostituito il suo braccio perso con uno robotico che è una specie di coltellino svizzero ad alta tecnologia. Altri transumanisti vogliono semplicemente vedere fin dove ci si può spingere: giocare con la percezione, i sensi e la propria pelle e ossa in modi che possono sembrare performanti, e talvolta lo sono deliberatamente. 

Moon Ribas, per esempio, danza per interpretare le vibrazioni che sente quando i segnali di terremoti terrestri e lunari registrati su sismografi lontani vengono trasmessi agli impianti ai suoi piedi. Neil Harbisson, cofondatore dell’organizzazione no profit Cyborg Foundation, si identificano entrambi come artisti piuttosto che come ricercatori tecnologici. Ma mentre molti progetti cyborg rientrano più nel campo delle curiosità che delle scoperte utili, sono comunque difficili da ignorare. Dopotutto, la moderna tecnologia di consumo ci ha già cambiato in molti modi strani e affascinanti. 

Molte persone vanno in giro con impianti che regolano il battito cardiaco o i livelli di insulina. E molti altri si guardano allo specchio ogni mattina e applicano con cura una sottile pellicola umida sulla superficie dell'occhio per migliorare la vista. Potremmo non finire tutti come Harbisson, che ha un'antenna sensibile alla luce che sporge dal suo cranio (si veda foto 1). Ma chi dice che lui e gli altri non siano semplicemente i primi esempi di una forma più avanzata della nostra specie?

Harbisson è daltonico sin dalla nascita. Per implementare i suoi sensi, ha un'antenna impiantata nel cranio che trasforma la luce che raccoglie in vibrazioni udibili, permettendogli di percepire i colori (e anche la luce infrarossa e ultravioletta) come suono. Se vi siete mai chiesto come sarebbe staccare gli occhi e spostarli in modo indipendente, il casco Eyesect è per voi (si veda foto 2). Ciascuna telecamera convoglia le immagini negli occhi reali. Potrebbe essere una nuova e profonda esperienza sensoriale, o semplicemente un buon modo per mandare in tilt il cervello.

Il braccio bionico di James Young ha anche una porta di ricarica USB, un cardiofrequenzimetro, una torcia e un piccolo drone (si veda foto 3, in alto a sinistra). Lo scopo dell'esoscheletro NeuroRex (si veda foto 3, in basso) è fare un passo oltre le sedie a rotelle. NeuroRex utilizza un cappuccio per elettrodi indossabile che legge le onde cerebrali di una persona e le trasforma in comandi come "Cammina in avanti", "Gira", "Fai un passo indietro" o "Fermati". I suoi creatori sperano che le persone che hanno perso la capacità di camminare un giorno saranno in grado di riguadagnare gran parte della loro mobilità, inclusa la possibilità di muoversi su scale e terreni irregolari.

Il regista Rob Spence (il ragazzo con l'occhio rosso di Terminator, nel riquadro della foto 3, in alto a destra) ha perso un occhio in un incidente d'infanzia. Al suo posto, lui e un piccolo team hanno creato una videocamera wireless indossabile che registra i filmati dal suo punto di vista, completa di sguardi furtivi e battiti di ciglia.

Le orecchie sulla testa di Stelios Arcadiou funzionano perfettamente. L'artista, che si chiama Stelarc, ha subito molteplici interventi chirurgici, necrosi cutanea e una pericolosa infezione per riportare in vita un terzo orecchio sull'avambraccio (si veda foto 3, a destra). Il suo sogno è quello di ospitare un piccolo microfono connesso a Internet in modo che le persone in tutto il mondo possano ascoltare a loro volta ciò che lui sta ascoltando.

I ricercatori dell'University College di Londra hanno utilizzato le cellule staminali per far crescere parti del corpo e riparare o sostituire chirurgicamente i tessuti danneggiati, compresi i condotti lacrimali, le trachea e i vasi sanguigni. Le parti più complesse, come un orecchio o un naso (si veda foto 4), sono allo studio.

L '"elmo di Dio" (si veda foto 5) è iniziato come un tentativo di spiegare le radici dell'esperienza mistica in termini di attività cerebrale. I soggetti il cui cervello veniva stimolato usando l'elmo spesso riferivano di aver sentito una presenza divina (o i loro antenati morti, o alieni). I neurohacker l'hanno cooptato per vedere se può aiutare a migliorare la salute mentale o favorire la concentrazione.

(rp)
  • Neil Harbisson è nato con acromatismo, una malattia rara che lo rende daltonico. (Foto 1) David Vintiner
  • Il casco Eyesect consente a chi lo indossa di sperimentare il movimento indipendente degli occhi. (Foto 2) David Vintiner
  • David Vintiner. (Foto 3)
  • David Vintiner. (Foto 4)
  • David Vintiner. (Foto 5)