• Virginia Tower Norwood. Michelle Groskopf

La madre del Landsat

Mezzo secolo fa, Virginia Tower Norwood ha inventato il primo scanner multispettrale per riprendere la Terra dallo spazio. Da allora il satellite di telerilevamento Landsat 1 e i suoi successori hanno continuato a scansionare con successo il pianeta.

di Alice Dragoon 14-10-21
Se Virginia Tower Norwood avesse ascoltato i consigli che le venivano dati al liceo, sarebbe diventata una bibliotecaria. Il suo test attitudinale mostrava una notevole facilità con i numeri e nel 1943 non era semplice pensare a un modo migliore per una giovane donna di mettere a frutto tali abilità. Fortunatamente, Norwood non ha sofferto della stessa mancanza di immaginazione e ha fatto domanda al MIT. 

La scelta si è rivelata giusta. Norwood è diventata un'inventrice pionieristica nel nuovo campo della progettazione di antenne a microonde. Ha progettato il trasmettitore per una missione di ricognizione sulla Luna che ha aperto la strada agli sbarchi dell'Apollo. E ha ideato e guidato lo sviluppo del primo scanner multispettrale per l'immagine della Terra dallo spazio, il primo di una serie di scanner satellitari che hanno ripreso continuamente il mondo per quasi mezzo secolo.

“La migliore scuola del mondo”

Norwood arrivò al MIT nell'estate del 1944, poco dopo il diploma di scuola superiore. Era una delle poche donne della sua classe. L’istituto allora non aveva dormitori per donne, quindi fu costretta ad affittare una stanza in un appartamento di Central Square, andando a piedi al campus nelle belle giornate o prendendo il tram di Mass. Ave. per un nichelino in caso di maltempo. Le donne potevano cenare nelle mense del dormitorio solo come ospiti di studenti maschi, quindi si ritrovò spesso a nutrirsi di pane tostato e pomodori a fette. 

Come figlia maggiore di un ufficiale dell'esercito, Norwood era esperta nel mettere radici ovunque si trovasse. Aveva vissuto a Panama, in Oklahoma e alle Bermuda. Quando le famiglie di militari erano state rispedite sulla terraferma dopo Pearl Harbor, aveva frequentato cinque diverse scuole superiori. Al MIT, trovò rapidamente la strada per l'unico spazio femminile dell'Istituto, la Cheney Room, una suite che comprendeva una cucina, un ufficio con poche scrivanie, tre letti, una doccia, armadietti per i libri e "un grande e delizioso soggiorno” con un pianoforte a coda. Lì, il piccolo contingente di donne del MIT si riuniva per parlare, studiare e cucinare.

“Nel mio primo anno o giù di lì", dice Norwood, “ascoltare in classe è stato sufficiente, lasciandomi tutto il tempo per esplorare Boston, passeggiare per i suoi parchi e socializzare. Dato che le donne erano così poche, avremmo potuto avere un appuntamento ogni sera se solo avessimo voluto". Ricorda che un compagno di corso "si vantava di essere uscito praticamente con tutte le donne della nostra classe". 

Essere una donna in quello che lei chiama "un mare di uomini" l'ha resa un must per i ruoli nelle produzioni Dramashop del MIT.  Ma poteva anche rendere la vita imbarazzante. Le tre volte alla settimana in cui le donne potevano nuotare nella piscina del MIT, gli uomini indossavano con riluttanza i costumi da bagno. 

"Penso di aver ricevuto un'ottima istruzione in matematica e fisica", dice. Ha anche avuto la possibilità di studiare con il famoso matematico Dirk Struik, che normalmente non insegnava agli studenti universitari. Avere una laurea al MIT le ha dato fiducia mentre, una delle poche tra le donne, si ritagliava una carriera in cui la matematica e la fisica erano essenziali. 

Una ricerca di lavoro esasperante

Il giorno dopo la sua laurea in matematica, sposò Larry Norwood, il suo istruttore di calcolo del terzo semestre e presidente del club di matematica del MIT, che all'epoca era uno studente universitario a Yale. Divenne subito evidente che pochi potenziali datori di lavoro avrebbero assunto una matematica donna. In un'intervista alla Sikorsky Aircraft, la sua richiesta di uno stipendio P1 - che offriva il grado professionale più basso nel servizio civile - venne accolta con incredulità; l’azienda non aveva mai pagato una donna così tanto. Alla richiesta di promettere di non rimanere incinta se assunta in un laboratorio alimentare, ritirò la sua domanda. 

Nel corso di tre interviste a Remington, delineò la sua visione su come un matematico dello staff avrebbe potuto migliorare le operazioni della azienda di armi. Il responsabile delle assunzioni chiamò per dire che l’idea era brillante e che avrebbero cercato un uomo per ricoprire la posizione. Norwood era fuori casa quando arrivò la chiamata e il manager si limitò a complimentarsi con il marito.

Alla disperata ricerca di un reddito per integrare il magro salario di insegnante di suo marito, iniziò a vendere camicette in un piccolo grande magazzino di New Haven, un lavoro che è sicura non avrebbe ottenuto se avesse parlato della sua laurea al MIT. Continuò in questo lavoro fino a quando non venne finalmente assunta per insegnare aritmetica aziendale al Junior College of Commerce di New Haven.

Insegnare matematica è stato un passo nella giusta direzione, ma la vera carriera di Norwood non è iniziata fino a quando un amico di famiglia l'ha invitata a visitare i Laboratori Signal Corps dell'esercito americano nel New Jersey. Quando a lei e a suo marito fu offerto un lavoro presso l'Evans Signal Lab nel 1948, colsero al volo l'occasione.

Calcolare la velocità del vento

Assegnata al gruppo radar meteorologico del laboratorio proprio quando questa tecnologia stava iniziando ad essere utilizzata in meteorologia, a Norwood è stato chiesto di sviluppare un riflettore radar per palloni meteorologici in modo che potessero essere utilizzati per tracciare i venti ad alta quota. Lei propose un design con dischi (verniciati in argento o realizzati in tessuto metallico) che si intersecano per creare una serie di angoli riflettenti. Il dispositivo, sospeso su girelle da pesca, avrebbe girato per il vento, producendo un caratteristico segnale pulsante tracciabile dal radar. 

Grazie a questa struttura, i meteorologi potevano calcolare con precisione la velocità del vento sopra i 30 km, all'incirca l'altezza alla quale scoppiano i palloni meteorologici. E questa impresa rese possibile per la prima volta la previsione del tempo a lungo termine. Il dispositivo, progettato da Norwood all'età di 22 anni, è stato successivamente brevettato.

Non molto tempo dopo, i membri del laboratorio stavano discutendo su come progettare torri di telemetria per un poligono di test missilistici in fase di sviluppo a Cape Canaveral in Florida. Per capire esattamente quanto dovevano essere alte le torri, Norwood aveva bisogno di dati storici su vento e temperatura. Diversi colleghi maschi vennero inviati a Washington, DC, per ottenerli, ma tornarono a mani vuote. Norwood andò lei stessa e incontrò la formidabile Frances Whedon, la meteorologa del Signal Corps degli Stati Uniti che si era rifiutata di rilasciare i suoi dati. 

Durante l’incontro, si scoprì che Whedon aveva conseguito una laurea in meteorologia al MIT nel 1924. "Era stata sempre assolutamente brusca con gli uomini, ma mi prese in simpatia", ricorda Norwood, che ottenne rapidamente il permesso di visitare gli archivi contenenti i registri meteorologici di Whedon. Norwood calcolò che le torri dovevano essere alte solo circa 30 metri. "Avevano deciso di costruirle con un’altezza di 300 metri", dice. "Cercai di dimostrare attraverso i dati che si potevano fare più basse". Le torri furono costruite all'altezza consigliata da Norwood e utilizzate per test missilistici negli anni 1950 e 1960.

Imparare un mestiere

Nonostante abbia ottenuto un brevetto per il suo impegno sui radar meteorologici, Norwood afferma di aver svolto un lavoro più importante quando si è trasferita nel gruppo delle antenne. Il Signal Corps era interessato ad esplorare diversi tipi di antenne radar, basandosi sulla tecnologia radar a microonde sviluppata presso il Radiation Lab del MIT che si era rivelata utile durante la seconda guerra mondiale. All'inizio degli anni 1950, il gruppo di Evans che si occupava di antenne era tra i pochi posti all'avanguardia del settore che utilizzavano microonde a lunghezze d'onda sempre più corte e sviluppavano applicazioni. 

In quel gruppo, Norwood guadagnò un secondo brevetto per un'antenna di tracciamento innovativa e a lungo riservata (Il suo feed non doveva ruotare per tracciare un segnale in ingresso, ma utilizzava invece la polarizzazione per identificare l'angolo e la direzione del segnale). E far parte di questo gruppo, si è scoperto, si sarebbe rivelato prezioso con il fiorire del campo delle antenne a microonde. Come dice Norwood, "Imparai un mestiere". 

Nel 1953 si trasferì insieme al marito in California, dove ottenne rapidamente un lavoro presso i Sylvania Electronic Defense Labs e installò il suo laboratorio per antenne, acquistando apparecchiature da Bill Hewlett e Dave Packard. Circa un anno dopo, lei, il marito e la figlia si trasferirono a Los Angeles, entrando a far parte del laboratorio di antenne della Hughes Aircraft e diventando l'unica donna tra i circa 2.700 uomini nei laboratori di ricerca e sviluppo dell'azienda. 

Andò a lavorare per Lester Van Atta, che aveva svolto ricerche pionieristiche sui radar presso il Rad Lab del MIT nei primi giorni della guerra e gestì "uno dei migliori gruppi di esperti di antenne del paese", afferma Norwood. "Abbiamo costruito alcuni prodotti molto interessanti". In uno dei progetti ora declassificati, ha progettato un'antenna per un sistema che identifica amici e nemici. L'IFF, come è noto, deve captare un segnale distintivo trasmesso da tutti gli aerei statunitensi per impedire agli aerei da guerra di abbattere uno di loro. 

Ma, allo stesso tempo, doveva assicurarsi che l'antenna IFF non bloccasse un'altra antenna più grande di sorveglianza a lunga distanza, montata posteriormente, che scrutava l'orizzonte alla ricerca di aerei o missili nemici. Hughes ora detiene un brevetto per l'antenna a dipolo piegata a forma di S che ha inventato. La tecnologia di identificazione amico o nemico è così vitale che lo sviluppo dei suoi componenti è stato suddiviso per garantire che nessuno conoscesse l'intero sistema. 

Nel 1957, Norwood è stata scelta per guidare il gruppo microonde per il laboratorio missilistico dell'azienda. Ma non tutti erano contenti di vedere una donna salire nei ranghi di Hughes. Essendo la prima donna a entrare a far parte dello staff tecnico, le era stato inizialmente rifiutato un permesso di parcheggio poiché "solo gli uomini parcheggiavano lì". Un collega una volta le disse che le donne, specialmente quelle con bambini, non avrebbero dovuto lavorare nei laboratori.

Nel laboratorio missilistico, lei e il suo gruppo svilupparono antenne per aiutare i missili Falcon a raggiungere i loro obiettivi. Norwood progettò anche  il trasmettitore e il ricevitore a microonde per il primo satellite per comunicazioni al mondo. Nel 1963, Syncom 2, abbreviazione di comunicazione sincrona, rese possibile la prima chiamata satellitare bidirezionale tra i capi di stato quando il presidente Kennedy a Washington chiamò il primo ministro nigeriano Abubakar Tafawa Balewa a bordo di una nave statunitense nel porto di Lagos. Un anno dopo, Syncom 3 è stato utilizzato per trasmettere le Olimpiadi di Tokyo del 1964 negli Stati Uniti. 

Invio di dati dalla Luna

Quando si stava preparando a inviare il primo uomo sulla Luna, la NASA aveva bisogno di un dispositivo di esplorazione che potesse riferire sull'idoneità di un sito di atterraggio proposto. "Non volevano che qualcuno cadesse in una crepa del nostro satellite", ricorda Norwood.  I dispositivi di ricognizione precedenti avevano inviato immagini del loro avvicinamento alla Luna, ma tutti si erano schiantati all'atterraggio, rendendoli inutili per l'esame della superficie. "C'era una grande discussione su cosa ci fosse sotto lo strato superiore della Luna, che era tutto ciò che avevamo visto", dice Norwood. 

"La gente aveva le idee più stravaganti su cosa potesse esserci lassù". La teoria che fosse fatta di formaggio verde era "probabilmente una delle più logiche", dice ridendo. Alcuni addirittura pensavano che potesse essere un guscio vuoto. La NASA non ha mai accettato queste teorie, ma aveva bisogno di un veicolo che sopravvivesse all'atterraggio in modo da poter scattare immagini sulla superficie, raccogliere un campione di terreno e analizzarlo. 

Mentre un altro gruppo di Hughes affrontava il problema di come ottenere un atterraggio morbido, la sfida di assicurarsi che il lander, noto come Surveyor, potesse ricevere comandi e inviare immagini e dati sulla Terra toccò a Norwood e al suo gruppo che lavorava sulle microonde. Avendo escogitato modi per infilare trasmettitori e antenne minuscoli e leggeri tra le delicate alette dei missili, "eravamo abituati a utilizzare poco spazio e peso", afferma. "Quindi eravamo i candidati prescelti a cui affidare quel lavoro". 

In effetti, lei stessa progettò il trasmettitore che ha inviato tutti i dati di Surveyor sulla Terra. Supervisionò anche la progettazione dell'antenna del sistema, che descrive come "una novità assoluta per l'epoca". Un array planare efficiente in termini di spazio invece della tipica parabola curva, che si è piegato in modo compatto per il volo e poi si è aperto sulla Luna. Era collegato a un pannello solare che raccoglieva l'energia per far funzionare tutti i sistemi di atterraggio lunari.

Surveyor è stato lanciato il 31 maggio 1966 e Norwood, che a quel punto si era trasferita in quella che sarebbe diventata la divisione dei sistemi spaziali, ricorda di essere stata alla Hughes e di aver guardato schermi con un subfeed che mostrava il centro di comando del Jet Propulsion Lab (JPL). Quando il lander raggiunse la Luna il 2 giugno, si levò un grande urlo nel momento in cui il team del JPL confermò, grazie alle apparecchiature di comunicazione che Norwood e il suo gruppo di lavoro avevano progettato, che Surveyor era atterrato intatto. Grazie alla decodificazione in dati e immagini dei segnali inviati dal lander al trasmettitore di Norwood, la NASA è stata in grado di confermare che il sito sarebbe stato abbastanza resistente e livellato per consentire l'atterraggio di un'imbarcazione con equipaggio.

Riprese in primo piano della Terra

A pochi mesi dal lancio di Surveyor, Norwood aveva iniziato a pensare a un progetto che non avesse nulla a che fare con le armi o l'esplorazione dello spazio, uno che non avrebbe comportato la gestione di dati riservati. "Non è divertente entrare in una cosiddetta camera nera dove dovevi mettere il tuo lavoro in una cassaforte ogni volta che uscivi dalla stanza", spiega. Sapeva che la NASA e l'US Geological Survey avevano intenzione di costruire un satellite per osservare la Terra e monitorarne le risorse. 

"Con un satellite, si potevano raggiungere le cime delle montagne e tutti i luoghi che i geologi avrebbero voluto conoscere e per i quali non avevano dati", dice. La NASA stava progettando di dotare il satellite di telecamere vidicon a raggio di ritorno (RBV), telecamere simili a quelle utilizzate per le missioni lunari. L'idea era di catturare immagini analogiche a fermo immagine della Terra utilizzando tre RBV con filtri diversi per registrare le sezioni verde, rossa e nel vicino infrarosso dello spettro elettromagnetico. 

Ma Norwood pensava che uno scanner multispettrale (MSS) potesse essere più utile. Uno scanner di questo tipo sarebbe stato in grado di catturare la luce visibile e invisibile e ordinarla in più di tre bande spettrali, creando un tesoro di informazioni. Una banda, per esempio, avrebbe consentito lo studio della qualità dell'acqua; un altro avrebbe mostrato lo stato dei raccolti; un terzo avrebbe indicato l’assorbimento di clorofilla e altri l'umidità del suolo o la densità del manto nevoso. 

In effetti, gli agronomi avevano già inviato degli spettrometri sugli aerei per raccogliere tali dati su un campione di campi. Ma uno scanner satellitare avrebbe raccolto immagini su base continua, consentendo agli agronomi di monitorare con precisione quanti acri di colture specifiche stavano crescendo, potenzialmente in qualsiasi parte del mondo. Gli arboricoltori avrebbero potuto individuare i primi segni di malattia e peronospora negli alberi e agire prima che si diffondessero. 

Chi si occupava della gestione di dighe e bacini idrografici avrebbe ricevuto regolarmente dati sull'umidità del suolo e sulle inondazioni. I responsabili del censimento avrebbero tenuto traccia della rapidità dell’urbanizzazione dei terreni agricoli e selvaggi e gli economisti avrebbero valutato la relativa prosperità economica dei quartieri confrontando l'estensione del loro spazio verde.

Inoltre, lo scanner sarebbe stato digitale con rivelatori in grado di catturare i singoli pixel, ognuno dei quali avrebbe rappresentato un'area grande più o meno come un campo di calcio. I pixel messi insieme avrebbero formato righe di dati per arrivare a formare immagini digitali da analizzare con i computer e i dati provenienti da diverse bande spettrali avrebbero potuto essere confrontati, offrendo molta più precisione rispetto all'analisi visiva delle immagini analogiche. 

E sarebbe stata questa capacità di analizzare i dati spettrali che avrebbe permesso di identificare il materiale ripreso. Per esempio, i campi di grano e mais apparentemente identici dallo spazio, verranno distinti dalle loro firme spettrali uniche. I possibili usi di uno scanner multispettrale apparivano infiniti.

Norwood propose la sua idea ai vertici della Hughes e le vennero dati 100.000 dollari per sviluppare un prototipo da mostrare alla NASA. Incontrò potenziali utenti per scoprire di che tipo di dati avevano bisogno e si concentrò sulle sei bande spettrali che sarebbero state più utili. Quindi iniziò a progettare un sistema in grado di visualizzare in modo efficiente quelle bande e trasmettere i dati alla Terra.

La NASA aveva stabilito che il satellite avrebbe orbitato intorno ai poli ad un'altezza di 500 miglia nautiche. Mentre si spostava da Nord a Sud, lo scanner di Norwood avrebbe dovuto registrare la luce riflessa da una striscia diagonale della Terra larga 100 miglia nautiche. Ad ogni orbita, la Terra avrebbe ruotato e una nuova striscia di 100 miglia nautiche sarebbe stata allineata per la scansione. Nel corso di 18 giorni, sarebbe avvenuta la scansione dell'intero pianeta. 

Norwood si rese conto fin dall'inizio che lo scanner non poteva sopportare l'usura di muoversi avanti e indietro per catturare la larghezza della striscia. Così ebbe l'idea di usare uno specchio che ruotasse avanti e indietro per riflettere la luce al suo interno. La luce in entrata sarebbe stata filtrata nelle sei bande spettrali e quindi diretta a rivelatori separati per ciascuna banda. 

Per stare al passo con la velocità dell'orbita, lo scanner avrebbe avuto bisogno di catturare sei linee alla volta, quindi ogni banda spettrale aveva bisogno di sei sensori. I dati del sensore sarebbero stati digitalizzati e inviati alle stazioni riceventi a terra, per essere decodificati in immagini per ciascuna banda spettrale o combinati secondo necessità per creare immagini composite. 

Norwood era fermamente convinta che il flusso di dati dovesse essere digitale. La NASA aveva serie riserve, dubitando che i dati MSS a sei bit potessero produrre immagini di alta qualità. Ma sapeva che un segnale analogico continuo sarebbe stato difficile da elaborare con precisione. Passare al digitale avrebbe consentito di calibrare i livelli di fotoni di ciascun sensore in modo molto preciso. Quindi collaborò con un collega di microonde alla Hughes per capire come digitalizzare al meglio i dati del sensore. 

Mentre l'MSS riprendeva gli Stati Uniti, i dati sarebbero stati trasmessi alle stazioni di terra statunitensi in tempo reale; le immagini del resto del mondo sarebbero state archiviate su videocassetta fino a quando non potevano essere trasmesse alle stazioni statunitensi (in seguito, le stazioni di terra sarebbero diventate comuni in tutto il mondo). Alla fine, le avrebbero detto in seguito i funzionari della NASA, i dati MSS sarebbero stati i primi dati trasmessi digitalmente dallo spazio, definendo lo standard per il futuro telerilevamento quantitativo. 

Per creare la configurazione dello specchio girevole, Norwood contattò l’inventore Web Howe, che aveva ideato un design ingegnoso per sfruttare la bassa gravità nello spazio. Lo specchio girevole oscillava avanti e indietro mentre i suoi bordi urtavano contro i paraurti su entrambi i lati. Senza forze esterne sullo specchio - nello spazio, non avrebbe avuto peso e non avrebbe incontrato alcuna resistenza dell'aria - l'inerzia avrebbe lasciato lo specchio sbattere avanti e indietro tra i paraurti a una velocità costante di oltre 13 volte al secondo. 

Se avesse oscillato in una direzione, i sensori avrebbero acquisito dalla luce riflessa altre sei righe di dati per ciascuna banda spettrale, tenendo il passo con il satellite mentre viaggiava verso sud. Se avesse oscillato all'indietro, avrebbe catturato la luce di una lampada di calibrazione. 

Norwood comprese la genialità del design di Howe, ma dovette convincere molti oppositori che avrebbe funzionato. "Chi lavorava a Hughes si occupava principalmente di elettronica", dice. "E rabbrividirono all'idea di uno specchio meccanico".  Se alcuni a Hughes erano scettici, molti ricercatori dell'US Geological Survey e della NASA erano convinti che la MSS non potesse fornire dati utili. Conoscevano tutti le telecamere vidicon utilizzate per Surveyor e le prime missioni Apollo ed erano abituati alle immagini analogiche a pieno formato che catturavano. 

Rifiutavano l'idea di lanciare un dispositivo meccanico non testato che scansionasse riga per riga e si affidasse a uno specchio che, tra le altre cose, “sbatteva”. Il dibattito su quale sistema dovesse prevalere si trascinò per più di un anno. "I cartografi come me erano molto sospettosi dello scanner multispettrale, che non potevamo credere avrebbe avuto un'integrità geometrica", avrebbe confessato in seguito il cartografo dell'USGS Alden Colvocoresses. 

Quando la NASA chiese una riduzione delle dimensioni, del peso e dei requisiti di alimentazione dello scanner, Norwood e il suo team ridussero il design da uno scanner a sei bande a uno con quattro bande. Il prototipo, che misurava 89 x 59 x 40 centimetri, aveva uno specchio ovale da 9 x 13 pollici (realizzato in berillio in modo che potesse resistere ai colpi e non si deformasse o vibrasse) e i controversi paraurti che facevano rabbrividire gli ingegneri. Pesava solo 48 kg. La NASA concluse il dibattito RBV-versus-MSS decidendo di includere entrambi sul satellite. Non c'era tempo o denaro per trasformare il prototipo di Norwood in un prodotto finale e raffinato, quindi venne utilizzato il prototipo stesso. 

Un debutto straordinario

Il 23 luglio 1972, Norwood si sedette con il marito e il figlio minore sugli spalti della base aerea di Vandenberg in California mentre l'Earth Resources Technology Satellite (che in seguito sarebbe stato ribattezzato Landsat 1) fu lanciato con il suo prototipo MSS a bordo. "Non avevo mai visto di persona il lancio di un razzo", dice. "Quindi è stato emozionante".  Due giorni dopo, i ricercatori si riunirono al Goddard Space Flight Center della NASA per vedere i primi dati MSS tradotti in immagini. 

Quando le nuvole hanno lasciato il posto a immagini ondulate del terreno, un tecnico si lamentò del cosiddetto effetto moiré. Ma presto si resero conto che l'immagine era delle montagne di Ouachita in Oklahoma, e le linee ondulate rappresentavano accuratamente le pieghe della catena. Undici giorni dopo il lancio, un enorme aumento di potenza sul satellite mise fuori uso uno dei due videoregistratori che memorizzavano immagini RBV e dati MSS raccolti mentre il satellite era fuori dalla portata delle stazioni di terra statunitensi. 

Tre giorni dopo, una seconda sovratensione collegata agli RBV scosse il satellite, facendolo puntare lontano dalla Terra. Il satellite si raddrizzò dopo lo spegnimento degli RBV e gli ingegneri decisero di lasciarli spenti per sempre. I dati che l'MSS di Norwood stava inviando sulla Terra, digitalmente, producevano immagini straordinariamente chiare e nitide.
 
"Andavo alle riunioni e le persone erano entusiaste del possibile uso dei dati", dice. Chiunque nel mondo ha potuto acquistare un'immagine Landsat di qualsiasi luogo sulla Terra per 1 dollaro e 25 centesimi. L'accesso alle immagini e i prezzi sono cambiati nel corso dei decenni, ma nel 2009 tutte le immagini Landsat sono state disponibili gratuitamente.

Norwood fu coinvolta nelle successive quattro versioni di Landsat, lanciate nel 1975, 1978, 1982 e 1984. Nel 1977  passò al gruppo di sistemi elettro-ottici di Hughes, dove lavorò come scienziata senior e poi come ingegnere di laboratorio, che si occupava della progettazione di grandi antenne attive per lo spazio e altri progetti governativi altamente classificati. 

Dopo il ritiro nel 1989, Norwood iniziò a collezionare e restaurare orologi antichi. Oggi, continua a dedicarsi alla sua passione per le auto sportive (sebbene la sua patente sia scaduta durante la pandemia, dice che la sua Mazda Miata a sei marce blu argento si comporta meglio delle sue precedenti Jaguar, MG e Alfa), ed è diventata un'appassionata birdwatcher. , inviando e-mail a sua figlia ogni mattina con il conteggio giornaliero delle specie nel suo cortile.

Nel frattempo, il programma di scansione Landsat a cui ha dato vita tiene d'occhio il mondo dal 1972. Gli scanner hanno continuato a evolversi nel corso degli anni e Landsat 8, lanciato nel 2013, presenta il design "push-broom" che lei inizialmente avrebbe voluto costruire. I suoi rilevatori sono disposti lungo la fascia da acquisire, campionando ogni linea mentre il satellite si muove nella sua orbita, senza la necessità di uno specchio. "Sarebbe stata la mia prima scelta, quel design", dice. “In effetti, ne ho configurata una. Ma non avevamo i rilevatori e ce ne vogliono migliaia senza spazi vuoti". 

L'impatto di Landsat è stato di gran lunga maggiore di quanto chiunque avrebbe potuto immaginare nel 1972. Oltre a svolgere un ruolo chiave nell'aprire l'era dell'imaging digitale, i suoi scanner hanno documentato la quasi scomparsa del Lago d'Aral tra il Kazakistan e l'Uzbekistan, un lago che era il quarto più grande al mondo prima che due dei suoi fiumi di alimentazione fossero deviati per uso agricolo. Le immagini di Landsat degli incendi del Parco di Yellowstone del 1988 hanno notevolmente migliorato la nostra comprensione della dinamica degli incendi. Ha anche documentato  il ritiro dei ghiacciai, la straordinaria crescita di Pechino e l'eruzione del Monte Sant'Elena nel 1980. 

Norwood, che quest'anno ha ricevuto un premio alla carriera dall'American Society for Photogrammetry and Remote Sensing, è particolarmente lieta che Landsat sia stato in grado di riprendere parti del mondo che non erano mai state riprese prima. Ma la sua immagine Landsat preferita ha un significato più personale. "Mi piace quella in cui si vede la mia casa", dice. Ripresa dal Landsat originale in uno dei suoi primi passaggi su Los Angeles nel 1972, l’immagine ora è appesa in un corridoio della sua casa. 

(rp)
  • Virginia Tower Norwood, a Greenwich, durante il suo secondo o terzo anno al MIT. Per gentile concessione di Virginia Tower Norwood
  • Virginia Tower Norwood nella parte di Birdie nello spettacolo "Le piccole volpi" del MIT Dramashop. Per gentile concessione di Virginia Tower Norwood
  • Un'immagine del 2001 ripresa da Landsat 7 delle sabbie e dei letti di alghe scolpite dalle maree e dalle correnti oceaniche alle Bahamas. USGS/NASA LANDSAT
  • Un'immagine Landsat di un bacino idrico in Uzbekistan circa una settimana prima che il muro occidentale della sua diga si rompesse nel 2020, inondando i villaggi vicini e i terreni agricoli. USGS/NASA LANDSAT
  • Norwood al set radar del rilevatore di tempeste presso i laboratori Signal Corps dell'esercito americano e disegni del riflettore radar brevettato per palloni meteorologici che ha progettato per il Signal Corps. Nel 1966, il Surveyor della NASA (foto a destra) ha inviato l'immagine a sinistra di una roccia lunare sulla Terra sul trasmettitore di Norwood. NASA / JPL (rocce); per gentile concessione di Virginia Norwood; NASA/JPL (Surveyor); Norwood attraverso Google Patents (diagrammi)
  • Norwood, nel 1963, con al dito il suo Brass Rat, l'anello commemorativo del MIT. Per gentile concessione di Virginia Norwood
  • Norwood con i suoi colleghi alla Hughes nel 1956; un'antenna brevettata da lei progettata; con Ethelwyn Pecora, la moglie di William Pecora, direttore dell'USGS dal 1965 al 1971, dopo aver vinto il Pecora Prize nel 1979 per il suo contributo alla comprensione della Terra attraverso il telerilevamento. Per gentile concessione di Virginia Norwood
  • Norwood e il ministro del lavoro James Hodgson discutono di come funziona lo scanner multispettrale di Landsat in una conferenza nel 1972. Per gentile concessione di Virginia Norwood
  • Una versione di prova dello scanner multispettrale di Norwood ha ripreso questa immagine a falsi colori di Half Dome da un camion due mesi prima del lancio di Landsat 1. Per gentile concessione della NASA
  • L'immagine di Landsat del Monte St. Helens dopo l'eruzione del 1980. Norwood, 94 anni, controlla le diverse specie di uccelli. Michelle Groskopf (Norwood); USGS/NASA LANDSAT