• Una lettera sigillata dispiegata al computer. The Unlocking History Research Group

La difesa della privacy parte da lontano

Prima che esistessero le buste, persone di diversi paesi, periodi storici, culture e ceti sociali avevano infiniti metodi per piegare abilmente le lettere in modo da impedire a qualcuno di violarne la segretezza.

di Jane L. Dambrogio 28-11-21
Si immagini di essere nel XIX secolo e di scrivere una lettera. Si vuole mantenere il contenuto privato, ma le buste prodotte in serie non esistono ancora (arriveranno solo nel 1830). Cosa si può fare? Probabilmente si userebbe una tecnica di ripiegamento del foglio (letterlocking), che consiste nel prendere la lettera e trasformarla nella sua busta.

Si può scegliere tra una serie di manipolazioni, inclusa la piegatura e l'aggiunta di un adesivo come laceralacca. Un'attività quotidiana per secoli attraverso culture, confini e classi sociali, il letterlocking gioca un ruolo fondamentale nella storia dei sistemi di segretezza. Lo si potrebbe definire l'anello mancante tra le tecniche antiche e la moderna crittografia digitale.

In qualità di conservatrice delle biblioteche del MIT, il mio compito è preservare la conoscenza che risiede negli oggetti fisici. Ho incontrato per la prima volta le cosiddette lettere chiuse nel 2000, come borsista Kress post-laurea in quelli che allora venivano chiamati gli Archivi Segreti Vaticani. Di fronte a questi documenti preziosi e unici, volevo capire in primo luogo come fossero stati sigillati, ma ovviamente non potevo andare in giro a ripiegare gli originali. 

Quindi ho preso della carta, l'ho tagliata alle stesse dimensioni dell'originale e ho mappato dettagli come pieghe, fessure, strappi e scolorimento prima di trasformare quella carta in un modello dell'originale. Facevo i pacchetti e li riaprivo per vedere se quello che facevo corrispondeva alle lettere piatte che stavo guardando nelle collezioni. 

I modelli erano un ottimo modo per imparare che ciò che all'apparenza sembrava un difetto (angoli tagliati, fessure, pieghe, o sporcizia) era in realtà strumento della tecnologia. Dopo averne realizzati diversi per un singolo documento, ho iniziato a capirne il funzionamento e ho iniziato a notare cose che altrimenti non avrei mai visto.

Alla fine, il nostro team ha creato il primo catalogo sistematico dei sistemi di blocco delle lettere studiando le sequenze di piegatura riscontrati su 250.000 lettere aperte, che provenivano da circa 60 collezioni, principalmente negli Stati Uniti e in Europa, tra cui alcuni dei maggiori archivi istituzionali e molti specialistici e privati. Abbiamo attinto a lettere provenienti da circa 20 paesi in un arco di tempo di 650 anni, quindi questo set di dati fornisce dati affidabili su queste tecniche.

Il letterlocking come campo di studi non esisteva ufficialmente fino a marzo di quest'anno, quando io e i miei colleghi abbiamo pubblicato le nostre scoperte su “Nature Communications”, ma si è mantenuto sotterraneo per decenni. Dopo che io e il mio collega Daniel Starza Smith abbiamo iniziato a lavorare insieme, abbiamo sviluppato un linguaggio per descrivere questo mondo in modo coerente e abbiamo iniziato ad articolare il motivo per cui pensavamo che le nostre scoperte fossero importanti. 

Volevamo incoraggiare le persone a utilizzare tecniche non invasive e preservare i dettagli che all'inizio potrebbero sembrare irrilevanti. Ciò di cui avevamo veramente bisogno, ci siamo resi conto, era una raccolta di lettere storiche non aperte che sarebbero rimaste tali in modo da poter conservare e studiare le prove e classificare i vari metodi di blocco delle lettere.

Nel 2016 abbiamo trovato ciò di cui avevamo bisogno quando abbiamo appreso del Brienne Trunk, un baule appartenente a un direttore e a una direttrice delle poste del XVII secolo nei Paesi Bassi, che conteneva un archivio di 2.600 lettere chiuse da tutta Europa che non erano mai state consegnate, di cui più di 575 non erano mai state aperte. Con Rebekah Ahrendt, Nadine Akkerman e David van der Linden, abbiamo creato quello che abbiamo chiamato il team Signed, Sealed, and Undelivered per esplorare la collezione.

Il passo successivo è stato quello di trovare esperti di imaging e codifica interessati a dispiegare virtualmente le lettere per leggere le loro pieghe e le parole sullapagina. Volevamo sbloccare le lettere digitalmente. Per fare ciò, le lettere sono state prima trasportate da L'Aia a Londra, dove sono state scansionate dagli esperti di microtomografia a raggi X David Mills e Graham Davis presso la Queen Mary University di Londra, utilizzando apparecchiature originariamente sviluppate per esaminare i denti. 

I dati di queste scansioni sono stati inviati al MIT, dove esperti di algoritmi stavano lavorando per sviluppare la tecnica di sviluppo virtuale che chiamano pipeline. I nostri esperti di ingegneria degli algoritmi Holly Jackson e Amanda Ghassaei, con la supervisione di Erik e Martin Demaine e Neil Gershenfeld, hanno utilizzato i dati di scansione e hanno virtualmente aperto le lettere in modo che il team di paleografia potesse leggere le parole, e così Starza Smith e io abbiamo potuto visionare le pieghe per capire meglio gli schemi di chiusura.

Abbiamo scoperto che persone di diversi paesi, periodi, culture e ceti sociali avevano infiniti modi per ridurre un foglio di carta rettangolare in un piccolo pacchetto che sembrava una busta moderna vista dall'esterno, ma aveva un'enorme varietà di pieghe all'interno. Prima del 1830, quando fu introdotta la busta moderna, il blocco delle lettere era praticamente l'unico modo che avevamo sviluppato per inviare la corrispondenza senza che qualcuno potesse leggerla liberamente.

Una degli aspetti più interessanti del blocco delle lettere è che ha permesso a chi le spediva di aumentare la sicurezza della loro posta. I miei colleghi e io abbiamo scoperto che alcuni scrittori di lettere usavano più di un tipo di blocco delle lettere e costruivano intenzionalmente caratteristiche di manomissione in alcune lettere e nessuna in altre. Le specifiche configurazioni di piegatura e i meccanismi di blocco delle lettere erano ostacoli per le spie o ad altri che cercavano di leggerle, perché avrebbero dovuto danneggiare la missiva per accedere al contenuto, facendo capire che la segretezza era compromessa.

Il nostro progetto è stato sviluppato durante un periodo di intenso dibattito pubblico sui sistemi di comunicazione globali, il ruolo dell'intercettazione statale e la natura della privacy. Il blocco delle lettere mostra che queste domande sono state importanti per le persone per centinaia di anni e ci consente di studiare cosa hanno fatto al riguardo.

(rp)
  • Un raro pacchetto di lettere mai aperto. Sound and Vision the Hague
  • Una lettera del Brienne Trunk "virtualmente" aperta. Sound and Vision the Hague