La Corte Suprema degli Stati Uniti prende di mira il monopolio di Apple sulle app
I giudici dovranno decidere se permettere a una causa legale di procedere contro Apple.
di Martin Giles 21-06-18
L’accusa: Dal 2011, un gruppo di querelanti sostiene che la stretta di Apple sul mercato delle app per iOS violi le leggi antitrust degli Stati Uniti e costringa i consumatori a pagare più del dovuto. L’App Store costituisce l’unica fonte ufficiale per installare app su iPhone ed iPad, e garantisce ad Apple il 30 percenti dei ricavi raccolti dai loro sviluppatori. Reuters riporta che, dopo essere rimbalzata da un tribunale all’altro, la causa Apple contro pepper è giunta al cospetto della Corte Suprema; starà al suo giudice la scelta se porre fine alla disputa o lasciare che proceda ancora.