• Kalpak-travel.com (CC BY 2.0)
L’uomo nel mezzo? Un hacker
Il nuovo presidente del Kazakistan vuole rivitalizzare i vecchi sistemi oppressivi, utilizzando tecnologie di hacking adeguate al XXI secolo.
Da qualche giorno, il governo del Kazakistan intercetta tutto il traffico HTTPS all'interno del paese, riporta “ZDNet”. HTTPS è un protocollo che offre crittografia, sicurezza e privacy agli utenti, ma ora i provider Internet della nazione costringono tutti gli utenti a installare certificati che consentano l'intercettazione e la sorveglianza pervasiva.