• Un incendio ha quasi distrutto Lytton, a.C., poco dopo che le temperature nel villaggio hanno raggiunto i 49,6 ˚C, infrangendo il record di tutti i tempi del Canada. Darryl Dyck / The Canadian Press via AP

L'ondata di caldo record è colpa del cambiamento climatico

Gli aumenti di temperatura hanno superato i massimi storici di quasi 5 C°, sollevando domande preoccupanti sul futuro del pianeta.

di James Temple 08-07-21
Sì, la colpa è del cambiamento climatico. Il riscaldamento globale causato dall'uomo ha alimentato l'ondata di caldo che probabilmente ha ucciso centinaia di persone la scorsa settimana nella zona del Pacifico nord-occidentale degli Stati Uniti e in Canada. Secondo un’analisi di World Weather Attribution, il massiccio accumulo di gas serra nell'atmosfera ha reso l'evento meteorologico senza precedenti 150 volte più probabile.

Il variegato team di scienziati ha concluso che l'ondata di caldo estremo sarebbe stata "praticamente impossibile" senza il cambiamento climatico, che ha già portato al riscaldamento del pianeta di circa 1,2 C°. Gli scienziati hanno riflettuto a lungo prima di attribuire ogni singolo evento meteorologico al cambiamento climatico, limitandosi a sostenere in generale che il riscaldamento globale avrebbe reso le ondate di calore, la siccità, gli incendi e gli uragani sempre più frequenti e gravi. 

Ma più registrazioni di dati satellitari, maggiore potenza di calcolo e simulazioni climatiche a risoluzione più elevata hanno reso i ricercatori più sicuri nell'affermare, spesso in pochi giorni, che il riscaldamento globale ha sostanzialmente aumentato le probabilità di disastri specifici. (Si veda link)

Le temperature estreme della scorsa settimana hanno demolito i record di calore di tutti i tempi nelle città e nei paesi dell'intera regione, hanno tolto energia a decine di migliaia di case e hanno mandato più di 2.000 persone nei pronto soccorso per disturbi legati al caldo a Washington e nell'Oregon.

Finora, i funzionari hanno segnalato più di 100 morti per il caldo eccessivo in quegli stati, secondo diversi media. Inoltre, ci sono stati quasi 500 "decessi improvvisi e inaspettati" nella Columbia Britannica, circa 300 in più del normale durante un periodo di cinque giorni.

Lo scenario più probabile è che le temperature globali più elevate abbiano semplicemente esacerbato le conseguenze di condizioni atmosferiche insolite che si sono verificate la scorsa settimana, quando una cosiddetta cupola di calore ha intrappolato l'aria calda su un enorme tratto della regione. In tal caso, secondo i ricercatori, eventi simili potrebbero verificarsi una o due volte ogni decennio se le temperature aumentano di 2 C°.

La possibilità più preoccupante, anche se relativamente limitata, è che le emissioni di gas serra abbiano spinto il sistema climatico oltre una soglia sconosciuta e poco compresa, dove il riscaldamento planetario sta ora innescando aumenti delle temperature estreme più bruschi del previsto. 

Questa teoria richiederà ulteriori ricerche per essere valutata. Ma significherebbe che le forti ondate di calore supereranno i livelli previsti dagli attuali modelli climatici, hanno detto i ricercatori.

"Non è normale battere i record di quattro o cinque gradi Celsius", ha detto in una nota Friederike Otto, co-responsabile di World Weather Attribution e direttore associato dell'Environmental Change Institute dell'Università di Oxford. "Si tratta di un evento così eccezionale che non possiamo escludere la possibilità che oggi stiamo vivendo temperature estreme che ci aspettavamo solo a livelli più elevati di riscaldamento globale".

Si prevede che un'altra ondata di caldo riporterà le temperature a livelli simili in parti del nord-ovest nei prossimi giorni.

(rp)