• Anita Ho.

L’iniqua distribuzione globale dei vaccini danneggia tutti

Le nazioni più ricche dipendono dalla manodopera a basso costo dei paesi più poveri e non possono permettersi di abbandonarli al loro destino di fronte alla pandemia.

di Lindsay Muscato 26-01-21

La distribuzione globale del vaccino evidenzia carenze e problemi, ma non tutti i paesi devono affrontare le stesse sfide. Eliminare queste disuguaglianze per assicurarsi che i paesi più poveri siano inclusi nella corsa alla vaccinazione non è solo una priorità etica, ma anche un bene per i paesi ricchi. Un nuovo studio del National Bureau of Economic Research mostra che l' intera economia globale dipende dalle vaccinazioni anche nei paesi più poveri. In ogni caso, le economie avanzate sosterranno il 49 per cento dei costi della pandemia, anche se le loro popolazioni verranno immunizzate. 

 

Con un nuovo leader alla Casa Bianca, stiamo vedendo segnali che gli Stati Uniti faranno la loro parte. L'amministrazione Biden afferma che si unirà a Covax, un tentativo di vaccinazione globale guidato dall'OMS che mira a portare i primi lotti di vaccini nei paesi più poveri a febbraio. Per saperne di più sulla disuguaglianza globale nella diffusione dei vaccini, abbiamo parlato con Anita Ho, professore associato di bioetica e ricerca sui servizi sanitari dell'Università della British Columbia e dell'Università della California, a San Francisco.

 

L'ingresso degli Stati Uniti in Covax potrà cambiare le regole del gioco?

 

Anche da una prospettiva simbolica è davvero importante che gli Stati Uniti si uniscano nuovamente alle politiche portate avanti dall'OMS e da Covax. È anche significativo per ragioni finanziarie, perché Covax ha bisogno di soldi non solo per i vaccini, ma per il personale, per i dispositivi protettivi, per le siringhe, per gli aghi, per  tutto. Quindi la presenza degli Stati Uniti può garantire una leadership e maggiore sicurezza finanziaria.

 

Quali sono alcune delle maggiori disparità nella distribuzione globale dei vaccini in questo momento? Sembra che le scorte potrebbero giocare un ruolo importante.

 

Ci sono anche altre domande. Siamo disposti a donare i vaccini? Come facciamo con le infrastrutture necessarie al trasporto e alla conservazione? Pfizer e Moderna, i principali vaccini approvati negli Stati Uniti, per esempio,  richiedono una temperatura molto bassa per non deteriorarsi. Questa condizione viene meno in alcune aree del mondo che hanno una fornitura di elettricità limitata. 

 

Uno dei maggiori contributi alla disparità è quando le nazioni più ricche ordinano anticipatamente i vaccini dai produttori, acquistando la maggior parte del prodotto, persino l'offerta potenziale. Quindi, anche quando le aziende producono a pieno ritmo, i vaccini non arriveranno ai paesi più poveri a meno che Covax non possa acquistarli.

 

In passato ha già parlato delle disparità nei vaccini anche all'interno dei paesi ad alto reddito. Perché accadono? A cosa dovremmo prestare attenzione?

 

Si pensi solo a come le persone ricevono notifiche che indicano che è il loro turno di vaccinarsi. Negli Stati Uniti, per esempio, chile  riceve  ha smartphone, indirizzi e-mail e un medico di riferimento. Se si è senza documenti, come i senzatetto, si potrebbe non avere accesso a tali informazioni. 

 

I vaccini Pfizer, Moderna e AstraZeneca richiedono la somministrazione di tutti e due le dosi a breve distanza una dall’altra. Ciò significa che abbiamo bisogno di un attento monitoraggio delle persone due volte: per ottenere la loro prima dose e quindi per indurli a tornare dopo un giusto lasso di tempo per ottenere la seconda. Per le persone in aree remote o in luoghi che non hanno un comodo accesso ai centri sanitari, come succede spesso nei quartieri più poveri, è difficile per loro fare due spostamenti. Ancor più per i senzatetto o per chi non ha un telefono cellulare. Quindi un modo per promuovere l'equità vaccinale è avere un tipo di vaccini che richiedano solo una dose per queste popolazioni. Johnson & Johnson sta sviluppando un vaccino monodose in questi giorni.

 

Potrebbe esserci anche un'altra disparità. Ci sono molte persone che, anche se offri loro il vaccino, non lo prenderanno. Ciò accade principalmente a causa della sfiducia che è molto più alta  tra i latini e i neri americani, in parte a causa dei precedenti storici. 

 

La sfiducia influisce sulle disparità vaccinali anche a livello globale, non crede?

 

Quando pensiamo alla sfiducia su scala globale, ciò può essere in parte dovuto al modo in cui l'industria farmaceutica valuta le cose e al modo in cui ottiene i brevetti. Alcuni paesi potrebbero pensare: "Queste aziende statunitensi o europee stanno cercando di venderci i loro costosi vaccini che non possiamo permetterci perché sono brevettati e non ci danno la possibilità di crearne una versione generica”. Il passo logico successivo è pensare che queste aziende stiano cercando di approfittare della situazione. Certamente ci sono stati esempi di paesi a basso reddito che sono stati sfruttati dall'industria farmaceutica. 

 

In Indonesia, per esempio, questo è accaduto con l’H5N1. Ogni volta che si verifica un'epidemia, se si è membri dell'OMS, si inviano campioni a un loro laboratorio per scoprire di che particolare virus o malattia si tratti. Sulla base del materiale genetico inviato dall'Indonesia, gli scienziati hanno sviluppato terapie per l'H5N1 e hanno cercato di rivenderle in Indonesia. Il paese del Sud-Est asiatico ha pensato: “Ma questi erano i nostri campioni. Non avrebbe dovuto esserci collaborazione? Li state usando per rivendere i farmaci!"

 

Lei ritiene che gli Stati Uniti abbiano l'obbligo morale di inviare persone in altri paesi per aiutare con le vaccinazioni?

 

Uno dei problemi è che non siamo in grado di formare un numero sufficiente di persone in quelle realtà. Per Covax o altri tipi di collaborazione internazionale, non si tratta tanto di inviare persone quanto di "come li aiutiamo a costruire la propria infrastruttura?" Per esempio, risorse finanziarie per corsi di formazione o altri modi per potenziare le risorse umane. Perché, se si va e poi li si lascia soli non si è di certo migliorato la loro infrastruttura.


Quali sarebbero le ricadute per  i paesi a reddito più alto se quelli più poveri ricevessero i vaccini con grande ritardo? Recenti ricerche affermano, per esempio, che le conseguenze economiche sarebbero disastrose.

 

Sebbene sia ancora probabile che le persone nei paesi più vulnerabili soffriranno di più, un'allocazione iniqua dei vaccini interromperà sicuramente la catena di approvvigionamento a livello globale, forse soprattutto per le nazioni più ricche che dipendono dalla manodopera locale. Se le nazioni fornitrici hanno molte persone che si ammalano, o devono chiudere, non saranno disponibili lavoratori per trasportare le materie prime o per produrre e consegnare i prodotti. Le persone in questi paesi inoltre non possono viaggiare o spendere soldi, il che può influenzare notevolmente le catene alberghiere internazionali, le compagnie aeree e anche i settori legati al turismo.

 

Ciò avrebbe importanti ricadute anche all'interno di un paese ad alto reddito. Se i lavoratori privi di documenti, i lavoratori agricoli, i senzatetto e altri che svolgono lavori a basso salario non vengono vaccinati, non possono lavorare per mantenere in funzione la catena di approvvigionamento. Quindi ristoranti, industrie dell'intrattenimento e settori limitrofi  soffrirebbero


(rp)