• Ms Tech / Unsplash

L’Inghilterra scommette sulla fine del covid

Da oggi il paese sta riaprendo completamente mentre il numero dei casi è in rapido aumento, esponendosi a un rischio difficilmente calcolabile.

di Charlotte Jee 19-07-21
L’Inghilterra sta abbandonando tutte le sue restanti restrizioni legate alla pandemia. Le persone potranno andare in discoteca o riunirsi in gruppi in massima libertà. Non saranno obbligati legalmente a indossare mascherine e potranno derogare alle regole del distanziamento sociale. Il governo, con un occhio alla copertura mediatica, l'ha soprannominato "Freedom Day" e ha affermato che la revoca delle misure di sicurezza sarà irreversibile. 

Allo stesso tempo, i casi di coronavirus stanno aumentando rapidamente nel Regno Unito. Pochi giorni fa ha registrato oltre 50.000 nuovi casi e il suo ministro della salute afferma che la cifra giornaliera di nuove infezioni potrebbe salire a oltre 100.000 durante l'estate. In teoria, una riapertura completa durante un'ondata di casi suona come una miscela esplosiva. Il governo del Regno Unito sta scommettendo che questa volta non sarà come le altre grazie al suo programma di vaccinazione. 

I ricercatori affermano che è estremamente difficile prevedere cosa accadrà dopo, con molteplici fattori complessi e sovrapposti in gioco. Quindi esaminiamo ciò che sappiamo, ciò che non sappiamo e ciò che dobbiamo tenere d'occhio nelle prossime settimane. 

Quello che si sa: i vaccini stanno funzionando 

Il programma di vaccinazione del Regno Unito è ancora in corso, ma finora ha avuto un ampio successo. In tutto, il 52 per cento della popolazione adulta è completamente vaccinato e circa l'87 per cento degli adulti ha ricevuto la prima dose (questo include il 52 per cento che ha ricevuto entrambe le dosi). Secondo l'Office for National Statistics solo il 6 per cento dei britannici esita a farsi vaccinare. 

Tuttavia, ci sono ancora molte ragioni per essere inquieti. Mancano mesi al paese per vaccinare completamente l'intera popolazione adulta. I giovani sono particolarmente vulnerabili; gli over 18 hanno appena iniziato a ricevere le prime dosi e solo un quarto di loro di età compresa tra 18 e 39 anni ha ricevuto entrambe le dosi. E a differenza degli Stati Uniti e di gran parte dell'Europa, il Regno Unito non ha iniziato a vaccinare i bambini. 

"È pericoloso", afferma la virologa evoluzionista Emilia Skirmuntt. "Dobbiamo vaccinare urgentemente gli adolescenti, soprattutto prima che tornino a scuola a settembre". Questo è importante perché il ceppo dominante di covid-19 nel Regno Unito in questo momento è la variante delta. Mentre le persone completamente vaccinate hanno relativamente poche ragioni per preoccuparsi del delta, con i vaccini Pfizer e AstraZeneca che offrono oltre il 90 per cento di efficacia contro il ricovero in ospedale, secondo i dati diPublic Health England, la variante è una cattiva notizia per coloro che hanno avuto solo una dose o sono non vaccinati. 

La delta è circa il 60 per cento più trasmissibile della variante alfa, che in precedenza era dominante nel Regno Unito, e ha quasi il doppio delle probabilità di portare al ricovero in ospedale, secondo il ministero della sanità scozzese. Una singola dose del vaccino AstraZeneca o Pfizer è efficace solo per il 33 per cento contro la variante delta, contro il 50 per cento per l'alfa, affermano i dati del Public Health England.

"Questa riapertura porterà a molti danni evitabili", afferma Deepti Gurdasani, epidemiologa clinica della Queen Mary University di Londra. "Dovremmo fermarci fino a quando a tutti gli adulti e agli adolescenti non saranno state offerte entrambe le dosi del vaccino".

Quello che non si sa: quando i casi raggiungeranno il picco

È chiaro che il Regno Unito sta vivendo l'ennesima ondata di pandemia. Quello che non sappiamo è quanto andrà male, o come la revoca delle restrizioni cambierà la situazione. Anche i massimi esperti del settore non possono dirlo con certezza. "È molto difficile sapere cosa accadrà dopo il 19 luglio", afferma Graham Medley, professore di modellizzazione delle malattie infettive della London School of Hygiene & Tropical Medicine e presidente di SPI-M, un gruppo di scienziati che consiglia il Regno Unito governo sui modelli pandemici. 

Molto dipenderà dal comportamento pubblico, e questa variabile è notoriamente molto difficile da prevedere. Mentre alcuni si godranno le nuove libertà con entusiasmo (una tendenza che è stata evidente lo scorso fine settimana durante la finale dei campionati europei di calcio), altri saranno decisamente più cauti.

Molte persone sono frustrate per l'abbandono delle mascherine, una delle misure di salute pubblica più basilari ed efficaci. Un sondaggio Ipsos Mori ha rilevato che una considerevole maggioranza dei britannici prevede di continuare a indossare mascherine nei negozi e sui trasporti pubblici. Se sarà così, potrebbe essere un freno per la diffusione del virus: Israele, che ha anche alti tassi di vaccinazione, ha dovuto reintrodurre l'uso della mascherina nei luoghi chiusi il mese scorso a fronte di un forte aumento dei casi. 

Indipendentemente da ciò, è molto probabile che i casi continueranno ad aumentare per almeno alcuni giorni, se non alcune settimane. E questo significa che più ricoveri e morti sono inevitabili, secondo Medley. La grande domanda è quanto in alto arriverà quest'onda. Qualche giorno fa, in un webinar, Chris Whitty, esperto medico governativo dell'Inghilterra, ha affermato che il paese potrebbe vedere "di nuovo numeri abbastanza spaventosi" e "ritrovarsi in guai seri". 

Ma il governo spera che i ricoveri rimangano abbastanza bassi da impedire che il Servizio sanitario nazionale sia completamente travolto. Si parte dal presupposto che il legame tra casi e tassi di ospedalizzazione sia stato indebolito, se non interrotto.  "Questa ondata è molto diversa dalle precedenti", afferma Oliver Geffen Obregon, un epidemiologo con sede nel Regno Unito, che ha lavorato con l'Organizzazione mondiale della sanità. "La proporzione di ospedalizzazione è molto inferiore rispetto a punti simili sulla curva epidemica prima del programma di vaccinazione".

Ma non tutti sono d'accordo. I capi del NHS stanno già lanciando l’allarme e più di 1.200 scienziati hanno firmato una lettera su “The Lancet” sostenendo che la Gran Bretagna dovrebbe preoccuparsi dell'enorme aumento delle infezioni, indipendentemente dai tassi di morti e ricoveri. Guardasani, l'epidemiologoa, è una di loro. "I casi contano", dice, indicando due pericoli principali: la maggiore possibilità che un gran numero di persone sviluppi un covid lungo e il rischio di nuove varianti che evitano i vaccini. 

Quello che si sa: più persone avranno il covid lungo

Il Regno Unito ha già un problema significativo con il covid lungo. Secondo un importante studio dell'Imperial College di Londra, più di due milioni di adulti potrebbero già avere, o aver avuto, complicazioni che persistono per 12 settimane o più. Ma il covid lungo è poco compreso, con oltre 200 sintomi che vanno dalla stanchezza alla mancanza di respiro ai problemi di memoria, secondo il più grande studio su di esso, pubblicato di recente su “The Lancet”.
 
Secondo l' OMS, circa uno su 10 di coloro che contraggono il covid-19 continua a sviluppare il covid a lungo. Ciò significa che se un altro milione di persone nel Regno Unito si ammala durante questa ondata, uno scenario plausibile secondo la maggior parte delle stime, ci potrebbero essere altre 100.000 persone con problemi a lungo termine. Whitty è preoccupato. "Penso che otterremo una quantità significativa di covid più lungo, in particolare nelle età più giovani in cui i tassi di vaccinazione sono attualmente molto più bassi", ha detto il 6 luglio.

Ciò potrebbe esercitare un'enorme pressione sul servizio sanitario nazionale, sulle imprese e sulla società in generale, per non parlare della sofferenza indicibile per un vasto numero di individui. "Alcuni sintomi possono persistere per anni e c'è la possibilità che esponiamo un'intera generazione a una qualità della salute pessima per il resto della loro vita", afferma Skirmuntt. 

Quello che non si sa: se tutto questo potrebbe generare un'altra variante pericolosa 

Il grande timore per molti esperti è che l'approccio del governo stia creando un terreno fertile ideale per l'emergere di una variante resistente ai vaccini. Il 5 luglio, Steve Paterson, condirettore del Center for Genomic Research dell'Università di Liverpool, ha riassunto le preoccupazioni in un tweet: "Lasciare che un virus si abbatta su una popolazione parzialmente vaccinata è esattamente l'esperimento che potrebbe far evolvere un virus in grado di eludere l'immunità”. (Si veda tweet)

Il timore è che più infezioni diano al virus più possibilità di mutare, il che aumenta il rischio di una nuova variante. Dato che la protezione delle persone deriva in gran parte dai vaccini, ciò potrebbe tradursi in ceppi che sono in grado di eludere l’attuale risposta immunitaria. E per il Regno Unito, un paese che è in gran parte dipeso dai vaccini per salvarsi dal covid-19, un tale risultato sarebbe disastroso. 

Alcuni biologi evoluzionisti dicono che dovremmo trarre conforto dal fatto che stiamo iniziando a vedere le stesse mutazioni comparire ripetutamente, un fenomeno chiamato evoluzione convergente. Ciò potrebbe suggerire che il virus sta esaurendo i modi per adattarsi. Ma Skirmuntt, che studia come si evolvono i virus, afferma che la fuga dal vaccino è uno scenario che dovremmo temere, qualunque siano le possibilità. Lei lo paragona a correre in un campo di mine antiuomo."La possibilità che qualcuno calpesti una mina è molto più alta quando ci sono diverse migliaia di persone che corrono intorno invece di una coppia", spiega. 

Quello che si sa: il resto del mondo sta guardando
 
Molti paesi, tra cui Paesi Bassi, Spagna, Australia e Svezia, hanno abbandonato le restrizioni solo per doverle reintrodurre di nuovo. Anche negli Stati Uniti, dove le restrizioni sono diverse da stato a stato, alcuni stati stanno tornando indietro sulle loro decisioni: la contea di Los Angeles, per esempio, ha appena reintrodotto l’obbligo di mascherina dopo un'ondata di casi.

Il 12 luglio, appena due settimane dopo aver revocato alcune misure di sicurezza pubblica come la chiusura dei locali notturni, il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha dovuto scusarsi per aver ripristinato alcune restrizioni.  I Paesi Bassi hanno un tasso di vaccinazione più basso, quindi i confronti non sono perfetti, ma potrebbe essere una lezione per l'Inghilterra, se scegliesse di ascoltarlo. 

La posizione "irreversibile" del governo potrebbe già essersi ammorbidita. In una conferenza stampa la scorsa settimana, il primo ministro Boris Johnson ha apparentemente declassato il tutto da una ferma promessa a una "speranza", aggiungendo: "Ovviamente non dobbiamo escludere nulla". Qualunque cosa accada, molti paesi stanno osservando da vicino come andranno le cose per gli inglesi.

"Tutti stanno guardando il Regno Unito per capire cosa sta succedendo", afferma Obregon, ex epidemiologo dell'OMS. "Stiamo osservando qualcosa per la prima volta e tutti gli altri impareranno dal nostro comportamento". La realtà è che qualunque cosa accada nel “Freedom Day", l'uscita dalla pandemia sarà un processo doloroso, lungo e disordinato. 

L'idea di eliminare tutte le restrizioni fa ancora paura a molti, specialmente dopo 16 mesi di un'esistenza relativamente irreggimentata. Ma la fine di una pandemia comporta sempre una percentuale di rischio, afferma Medley. “In una pandemia, i governi generalmente cercano di controllare e gestire i rischi. Ora siamo in quella fase intermedia in cui il rischio viene passato dal governo agli individui". Skirmuntt è meno ottimista: “La pandemia prima o poi si fermerà. Si fermano sempre. Ma a che prezzo?"

(rp)