• Un test spaziale condotto dall'azienda cinese LinkSpace nella provincia di Qinghai. ImagineChina attraverso AP Images

L’industria spaziale cinese sfida gli USA

In Cina, una miriade di startup impegnate nell’esplorazione spaziale sta potenziando l'innovazione tecnologica, aprendo nuovi mercati in tutto il mondo e ampliando l'influenza globale del paese.

di Neel V. Patel 22-01-21

Il programma spaziale cinese potrebbe essere stato rallentato dalla pandemia del 2020, ma di certo non si è fermato: l'invio di un rover su Marte, il prelievo di rocce lunari, il test del veicolo con equipaggio di prossima generazione che dovrebbe portare i taikonauti in orbita e forse sulla Luna. Ma si sono registrati anche alcuni eventi meno clamorosi, come il volo il 7 novembre di Ceres-1, un nuovo tipo di razzo di soli 19 metri che ha inviato nello spazio il satellite per comunicazioni Tianqi 11, ed è in grado di trasportare 770 libbre di carico utile nell'orbita terrestre bassa.

 

A prima vista, il lancio di Ceres-1 potrebbe sembrare insignificante. Ceres-1, tuttavia, non faceva parte del programma nazionale cinese, ma era il secondo razzo commerciale di un’azienda cinese ad andare nello spazio. Il lancio è avvenuto a meno di tre anni dalla fondazione dell'azienda. Il risultato è una pietra miliare per la neonata industria spaziale privata cinese, in rapida crescita,che sta cercando di occupare il ruolo di potenza spaziale di primo piano occupato dagli Stati Uniti. 

 

La rivalità tra Stati Uniti e Cina è ciò che caratterizza la corsa allo spazio del XXI secolo. La Cina costruirà una nuova stazione spaziale entro la fine dell'anno e probabilmente tenterà di inviare i suoi taikonauti sulla Luna prima della fine del decennio. Ma questi progetti di grandi dimensioni rappresentano solo una parte delle ambizioni spaziali del paese. L'attenzione si concentra sempre di più anche sull'industria spaziale commerciale. Il crescente business spaziale privato della nazione è meno focalizzato sul portare prestigio e gloria alla nazione e più preoccupato di ridurre il costo del volo spaziale, aumentare la sua influenza internazionale e fare soldi.

 

"Lo stato è davvero eccezionale in progetti ambiziosi e di grandi dimensioni come andare sulla Luna o sviluppare un grande satellite da ricognizione", afferma Lincoln Hines, un ricercatore della Cornell University esperto di politica estera cinese. "Penso che il governo ritenga che il suo settore spaziale commerciale incoraggi la crescita tecnologica e l’innovazione e possa essere complementare allo Stato", dice Hines.

 

L'industria spaziale sta vivendo una rinascita grazie a due filoni principali sostenuti dall'industria commerciale: realizzare satelliti di piccole dimensioni, a basso costo e con hardware standard, e risparmiare sui materiali riutilizzando i booster dopo che sono già volati (SpaceX ha aperto la strada con il suo Falcon 9). Queste scelte significano che ora è più economico inviare materiale nello spazio e i servizi e i dati che i satelliti possono offrire sono meno costosi. 

 

La Cina sta cogliendo questa opportunità. Un  rapporto del 2017 della Bank of America Merrill Lynch stima che nel 2030 l'industria spaziale potrebbe valere fino a 2,7 trilioni di dollari. Mettere piede sulla Luna e stabilire una colonia lunare potrebbe essere una dimostrazione di forza per uno stato, ma assicurarsi una quota del commercio spaziale appare ancora più importante per il futuro di un paese. "In futuro, ci saranno decine di migliaia di satelliti in attesa di essere lanciati, il che rappresenta una grande opportunità per Galactic Energy", afferma Wu Yue, portavoce dell'azienda. Il problema è che la Cina deve recuperare il terreno perduto in passato rispetto all’Occidente.

 

Come è arrivata la Cina a questo punto?

 

Fino a poco tempo fa, l'attività spaziale cinese è stata dominata in modo schiacciante da due imprese statali: la China Aerospace Science & Industry Corporation Limited (CASIC) e la China Aerospace Science and Technology Corporation (CASC). Alcune aziende spaziali private sono state autorizzate a operare nel paese, come nel caso di China Great Wall Industry Corporation Limited (in realtà una filiale di CASC), che ha garantito lanci commerciali da quando è stata fondata nel 1980.

 

Ma per la maggior parte, l'industria spaziale commerciale cinese è stata inesistente. I satelliti erano costosi da costruire e lanciare e solo i bilanci nazionali potevano sostenere le spese previste. Tutto è cambiato nell'ultimo decennio con il crollo dei costi per la produzione di satelliti e il lancio di razzi. Nel 2014, un anno dopo che Xi Jinping ha assunto la carica di nuovo leader della Cina, il governo cinese ha deciso di trattare lo sviluppo dello spazio civile come un'area chiave di innovazione, come aveva già iniziato con l'intelligenza artificiale e l'energia solare. Quell'anno emanò una direttiva politica chiamata  Documento 60 per consentire grandi investimenti privati ad aziende interessate a partecipare all'industria spaziale. 

 

"Per Xi, se la Cina voleva diventare un attore critico nella tecnologia, anche nello spazio civile e aerospaziale, era fondamentale sviluppare un ecosistema spaziale che includesse il settore privato", afferma Namrata Goswami, un esperto di geopolitica di Montgomery, in Alabama , che studia da molti anni il programma spaziale cinese. "Il nuovo leader stava prendendo spunto dal settore privato americano per incoraggiare l'innovazione da parte di un pool di talenti esterni alle organizzazioni finanziate dallo stato".

 

Di conseguenza, ora ci sono 78 aziende spaziali commerciali che operano in Cina, secondo un rapporto del 2019 dell’Institute for Defense Analyzes. Più della metà è stata fondata dal 2014 e la stragrande maggioranza si concentra sulla produzione di satelliti e sui servizi di lancio. Per esempio, Galactic Energy, fondata nel febbraio del 2018, sta costruendo il suo razzo Ceres per offrire un servizio di lancio rapido per singoli carichi utili, mentre il suo razzo Pallas viene costruito per dispiegare intere costellazioni.

 

L’azienda rivale i-Space, fondata nel 2016, è diventata la prima società commerciale cinese a raggiungere lo spazio con il suo Hyperbola-1 nel luglio del 2019. Il suo obiettivo è la costruzione di booster di primo stadio riutilizzabili che possono atterrare verticalmente, come quelli di SpaceX. Sulla stessa linea LinkSpace (fondata nel 2014), sebbene speri anche di utilizzare i razzi per la consegna di merci.

 

Spacety, fondata nel 2016, vuole evadere gli ordini dei clienti per costruire e lanciare i suoi piccoli satelliti in soli sei mesi. A dicembre ha lanciato una versione miniaturizzata di un satellite che utilizza immagini radar 2D per ricostruzioni 3D di paesaggi terrestri. Alcune settimane dopo, ha rilasciato le prime immagini scattate dal satellite, Hisea-1, con una risoluzione di tre metri. Spacety vuole lanciare una costellazione di questi satelliti per offrire immagini di alta qualità a basso costo. 

 

In larga misura, la Cina sta seguendo lo stesso piano tracciato dagli Stati Uniti: utilizzare contratti e sussidi governativi per dare una marcia in più a queste aziende. Aziende statunitensi come SpaceX hanno beneficiato notevolmente dei contratti della NASA che hanno pagato milioni per costruire e testare razzi e veicoli spaziali per la consegna di merci alla Stazione Spaziale Internazionale. Con questa esperienza alle spalle, SpaceX è stata in grado di attirare più clienti con maggiore fiducia. 

 

Il capitale di rischio è un altro percorso già sperimentato. Il rapporto IDA stima che i finanziamenti VC per le società spaziali cinesi siano stati fino a 516 milioni di dollari nel 2018, molto meno dei 2,2 miliardi di dollari raccolti dalle aziende americane, ma una cifra assolutamente non trascurabile per un settore che ha preso le mosse solo sette anni fa. Almeno 42 aziende non denunciavano finanziamenti pubblici noti. 

 

Gran parte del sostegno del governo non è a livello federale, ma provinciale. "Queste aziende stanno trasferendo lo sviluppo high-tech a queste comunità locali", afferma Hines. "E in cambio, hanno maggiore autonomia dal governo locale". Mentre la maggior parte ha sede a Pechino, molte mantengono strutture a Shenzhen, Chongqing e in altre aree che potrebbero attirare talenti dalle università locali. 

 

C'è anche un vantaggio specifico della Cina: la produzione. "Qual è il paese più affidabile quando si parla di produzione?" chiede James Zheng, l'amministratore delegato della sede centrale di Spacety in Lussemburgo. “È la Cina. È il centro di produzione del mondo". Zheng crede che il paese si trovi in una posizione migliore di qualsiasi altro per trarre vantaggio dalla nuova necessità dell'industria spaziale di produrre in massa satelliti e razzi. 

 

L’oscuro rapporto tra i settori dello spazio e della difesa

 

Il motivo strategico più critico per incoraggiare un settore spaziale privato è creare opportunità di collaborazione internazionale, in particolare per attirare clienti che non vogliono avere rapporti diretti con il governo cinese (Le agenzie statunitensi e gli appaltatori governativi, per esempio, non possono lavorare con qualsiasi gruppo finanziato dal regime). Il documento 60 e altri pubblicati dalla Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma della Cina avevano lo scopo non solo di promuovere l'innovazione tecnologica, ma anche di attirare investimenti stranieri e massimizzare una base di clienti oltre i confini cinesi.

 

"La Cina si rende conto che ci sono certe cose che le aziende non possono ottenere da sole", dice Frans von der Dunk, esperto di politica spaziale dell'Università del Nebraska-Lincoln. Aziende cinesi come LandSpace e MinoSpace hanno lavorato per accumulare finanziamenti attraverso investimenti stranieri, sfuggendo alla dipendenza dai sussidi statali. Bypassando i finanziamenti statali, un'azienda può anche evitare una serie di restrizioni su ciò che può e non può fare (come i vincoli nel parlare con i media). Gli investimenti esteri rendono anche più facile competere su scala globale. 

 

Sebbene la Cina si ispiri agli Stati Uniti per costruire la sua industria privata, la natura dello Stato cinese significa anche che queste nuove aziende affrontano ostacoli di cui i loro rivali in Occidente non devono preoccuparsi. Anche se possono sembrare private sulla carta, le aziende devono comunque sottomettersi alla guida e al controllo del governo e accettare un certo livello di interferenza. Potrebbe essere difficile per loro dimostrare ai potenziali clienti stranieri di essere indipendenti. 

 

La distinzione tra le aziende che sono veramente private e quelle che sono più o meno attori statali è ancora piuttosto vaga, soprattutto se il governo è un cliente assiduo. "Ciò potrebbe portare a una mancanza di fiducia da parte di altri partner", afferma Goswami. Non aiuta il fatto che il governo stesso sia spesso molto riservato su come stia portando avanti il suo programma nazionale. Hines aggiunge che non è sempre chiaro esattamente quanto queste aziende siano autonome dall'Esercito popolare di liberazione, dati i legami storici tra i settori dello spazio e della difesa. 

 

Le sfide sono ancora numerose

 

Nessuna di queste nuove aziende è ancora redditizia e ci vorrà parecchio tempo prima che ciò accada. "Non c'è alcun segno che indichi che il settore fallirà", afferma Hines, "anche se molti esperti lo ritengono possibile". A parte la sfida di attirare clienti al di fuori della Cina, molte aziende stanno ancora cercando di capire quali dovrebbero essere esattamente i loro clienti. 

 

Aziende americane come SpaceX e Blue Origin avevano fondatori miliardari pronti a bruciare denaro per assumersi grossi rischi, andare oltre eventuali fallimenti e finalmente decollare. Malgrado un miliardario cinese sia entrato nel settore l’anno scorso, "non c'è nessun Elon Musk cinese che si faccia carico dei rischi", dice Hines. Inoltre, non è chiaro se le aziende cinesi, anche quelle supportate da ricchi sostenitori, siano disposte a mettersi in gioco.

 

Zheng dice che Spacety ha offerto un'eccezionale trasparenza con i clienti per i quali sta sviluppando satelliti, cosa abbastanza insolita per le aziende cinesi. "Molti di loro non hanno alcun tipo di esperienza di volo spaziale", egli dice. “Vogliono vedere cosa succede e imparare, ma le grandi aziende non lo permetteranno".

 

Infine, la Cina ha bisogno di un quadro giuridico che possa fare da riferimento all'industria commerciale in termini più espliciti e specificare cosa è consentito e cosa no. È l'unica grande potenza spaziale  senza una specifica legge sullo spazio (La versione americana è il  titolo 51 del Codice degli Stati Uniti). Mentre la speranza è che la libera impresa possa generare innovazione, i governi nazionali sono ancora responsabili per qualsiasi attività spaziale condotta dalle aziende private di un paese. È necessaria la licenza e l’approvazione governativa di queste missioni. 

 

Nonostante tutte queste difficoltà, l'industria spaziale cinese sta avanzando. Queste nuove startup non hanno solo adottato le pratiche commerciali americane, ma hanno anche iniziato ad abbracciare la cultura delle startup americane come un modo per promuovere le relazioni commerciali e crescere. Durante la mia videochiamata con Zheng di Spacety, il CEO dell'azienda di Pechino, Yang Feng, è passato brevemente a salutarlo, mentre tornava da una festa in cui aveva incontrato molti colleghi e partner del settore. "Fa parte del modo in cui facciamo affari adesso", ha detto Zheng. "L'innovazione non è solo la nuova tecnologia in sé, è anche un nuovo modo di fare le cose". 

(rp)