• Ms Tech / Unsplash
L'IA sarà utile con la prossima pandemia
Un'eccessiva fiducia nelle capacità dell'intelligenza artificiale potrebbe portare a decisioni approssimative che convogliano denaro pubblico verso aziende di IA poco affidabili, a scapito di finanziamenti ai programmi per la produzione di farmaci.
di Will Douglas Heaven 16-03-20
Il 30 dicembre, un’azienda di intelligenza artificiale chiamata BlueDot, che utilizza l’apprendimento automatico per monitorare le epidemie di malattie infettive in tutto il mondo, ha avvisato i clienti, compresi vari governi, ospedali e aziende, di un insolito picco nei casi di polmonite a Wuhan, in Cina. Sarebbero trascorsi altri nove giorni prima che l'Organizzazione Mondiale della Sanità segnalasse ufficialmente ciò che tutti abbiamo imparato a conoscere come Covid-19.