• Rod Bayliss III Gretchen Ertl

L’arte di convertire la potenza elettrica

Il vincitore dello scorso anno del concorso online Research Slam Black Alumni/ae del MIT (BAMIT) sta approntando nuovi metodi per immagazzinare energia elettrica e convertirla in modo da alimentare in modo affidabile un motore di aeroplano.

di Ken Shulman 02-10-21
Una delle cose che Rod Bayliss III del MIT ricorda più chiaramente della sua infanzia è la Ford Mustang del 1964 di suo padre. "Ero affascinato da quella macchina", dice Bayliss. "Soprattutto dal motore e dalla sua capacità di convertire ossigeno e carburante in energia". "Al liceo amavo particolarmente la grammatica latina", ricorda, "in particolare le declinazioni che permettono di contemplare il movimento delle parole all’interno di una frase. Mi ha fornito l’ispirazione per risolvere i problemi di ingegneria".

I genitori di Bayliss, entrambi laureati in ingegneria, lo hanno invitato a considerare le opportunità di carriera in ingegneria elettrica. Al MIT, ha iniziato a collaborare con il professor David Perreault , approfondendo la sua ricerca sull'elettronica di potenza con l'Undergraduate Research Opportunities Program (UROP). "All'epoca pensavo ancora di voler lavorare sui motori", afferma Bayliss. “Ma in durante l'UROP ho scoperto l'elettronica di potenza, vale a dire il modo di far muovere l'energia".

Dopo aver appreso come l'energia elettrica viene generata, immagazzinata e trasformata, ha iniziato a lavorare su un induttore, un dispositivo in grado di immagazzinare grandi quantità di energia magnetica, generando onde radio ad alta frequenza, un elemento cruciale nel processo di incisione del silicio nei chip ultrasottili. "Si mette il gas in una camera e poi si usano le onde radio per passare dal gas al plasma ed eseguire l’incisione", spiega. “Il processo richiede enormi quantità di energia”.

Dopo aver completato la sua laurea in tre anni e mezzo, Bayliss è rimasto al MIT e ha continuato a perfezionare il suo induttore per un altro anno, ottenendo infine un master nel gennaio 2021. Ora partecipa a un programma di dottorato dell'Università della California, a Berkeley.  Opportunamente, è tornato al suo primo amore: i motori. 

Nello specifico, sta ricercando nuovi metodi per immagazzinare energia elettrica e convertirla in una forma che potrebbe alimentare in modo affidabile un motore di aeroplano. Lo scorso marzo al Research Slam Black Alumni/ae del MIT (BAMIT), un concorso online in cui gli ex studenti del MIT hanno presentato la loro ricerca a una giuria, questo lavoro ha vinto il primo premio.

Bayliss sa che l'obiettivo è complesso. "È straordinariamente più difficile alimentare un aereo con l'elettricità che con i combustibili fossili", afferma. “Le batterie sono pesanti. E le conseguenze di un guasto del sistema, dalla batteria all'inverter al motore, in volo sarebbero catastrofiche. Ma faremo in modo che l'elettronica di potenza di questi aerei funzioni".

(rp)