L’America cerca di arginare i furti di proprietà intellettuale da parte della Cina
Una società taiwanese è sotto accusa per aver cercato di cedere a una società cinese i disegni di nuovi chip sviluppati dalla società di semiconduttori americana Micron.
di Martin Giles 26-06-18
Il caso: Stando a un rapporto pubblicato dal New York Times, Micron è in causa con la UMC di Taiwan e la società cinese di chip Fujian Jinhua Integrated Circuit Company. L’accusa è che ex dipendenti di Micron abbiano sottratto alla società progetti confidenziali di nuovi chip di memoria prima di entrare in UMC e passare le informazioni alla rivale cinese.