• Saad Salim / Unsplash
L'AI viene a supporto dell’industria delle costruzioni
I cantieri edili in Europa utilizzano ora un software di riconoscimento delle immagini realizzato da Buildots che segnala automaticamente ritardi o errori nei lavori.
di Will Douglas Heaven 18-10-20
I cantieri sono enormi puzzle di persone e parti che devono essere messe insieme al momento giusto. Man mano che i progetti diventano più grandi, errori e ritardi diventano più costosi. La società di consulenza Mckinsey stima che la cattiva gestione in loco costa all'industria delle costruzioni 1,6 trilioni di dollari all'anno. Di solito ci sono non più di cinque manager che sovrintendono alla costruzione di un edificio di 1.500 stanze, afferma Roy Danon, fondatore e CEO della startup britannico-israeliana Buildots: "Non c'è modo che un essere umano possa controllare la mole di dettagli".

Danon pensa che l'intelligenza artificiale possa aiutare. Buildots sta sviluppando un sistema di riconoscimento delle immagini che monitora ogni dettaglio di un progetto di costruzione in corso e segnala automaticamente ritardi o errori. È già utilizzato da due delle più grandi imprese di costruzioni in Europa, tra cui il gigante britannico delle costruzioni Wates, in alcuni grandi edifici residenziali. La costruzione è essenzialmente un tipo di produzione, afferma Danon. Se le fabbriche high-tech ora usano l'intelligenza artificiale per gestire i loro processi, perché non i cantieri?

L'intelligenza artificiale sta iniziando a cambiare le varie fasi della costruzione, dal design alle scavatrici a guida autonoma. Alcune aziende forniscono persino una sorta di ispettore generale del sito AI che abbina le immagini scattate in loco con una pianta digitale dell'edificio. Ora Buildots sta facilitando questo processo utilizzando riprese video di videocamere GoPro montate sugli elmetti dei lavoratori.

Quando i manager visitano un sito una o due volte alla settimana, la videocamera sulla loro testa acquisisce filmati dei lavori e li carica nel software di riconoscimento delle immagini, che confronta lo stato di molte migliaia di oggetti sul sito, come prese elettriche e accessori per il bagno, con una replica digitale dell'edificio.  

L'intelligenza artificiale utilizza anche il feed video per tracciare la posizione della telecamera nell'edificio, in modo da poter identificare la posizione esatta degli oggetti in ogni fotogramma. Il sistema è in grado di monitorare lo stato di circa 150.000 oggetti più volte alla settimana, afferma Danon. Per ogni oggetto l'AI può dire in quale di tre o quattro stati si trova, in una scala che va da non ancora iniziato a completamente installato.

Le ispezioni in loco sono lente e noiose, afferma Sophie Morris di Buildots, un ingegnere civile che lavorava nel settore edile prima di entrare in azienda. L'AI di Buildots elimina molte attività ripetitive e consente alle persone di concentrarsi su decisioni importanti. "Questo è il lavoro che le persone vogliono fare: non dover andare a controllare se le pareti sono state dipinte o se qualcuno ha praticato troppi buchi nel soffitto", ella spiega.

Un altro vantaggio è il modo in cui la tecnologia funziona in background. "Si acquisiscono i dati senza la necessità di visitare il sito con fogli di calcolo o pianificazioni", afferma Glen Roberts, direttore operativo di Wates, che sta pianificando di implementare il sistema Buildots in altri siti.

Anche confrontare lo stato completo di un progetto con il suo piano digitale più volte alla settimana ha fatto una grande differenza durante la pandemia di covid-19. Quando i cantieri sono rimasti aperti solo per i lavoratori essenziali in loco, i manager di diversi progetti Buildots sono stati in grado di tenere sotto controllo i progressi da remoto.

(rp)