L'AI robotica entra nei magazzini

Nel giro di pochi anni, qualsiasi attività che in precedenza richiedeva l'intervento umano sarà parzialmente o completamente automatizzata.

di Karen Hao 24-08-21
Nei mesi precedenti alle prime segnalazioni di covid-19, un nuovo tipo di robot è comparso sulla scena lavorativa. Basato su anni di ricerche nel deep learning, è in grado di raccogliere tutti i tipi di oggetti con notevole precisione, il che lo rende perfetto per lavori come lo smistamento dei prodotti in confezioni nei magazzini.

I precedenti robot commerciali si limitavano a svolgere compiti con poche variazioni: potevano spostare i pallet lungo percorsi prestabiliti e forse deviare leggermente per evitare ostacoli lungo il percorso. I nuovi robot, con la loro capacità di manipolare oggetti di forme e dimensioni variabili con orientamenti imprevedibili, potrebbero aprire una serie completamente diversa di compiti per l'automazione.

La tecnologia era già in fase di sviluppo quando è arrivata la pandemia. Con l'aumento della domanda di e-commerce e l'intensificarsi della carenza di manodopera, i robot basati sull'intelligenza artificiale sono diventati una necessità. Covariant, una delle tante startup che lavorano allo sviluppo del software per controllare questi robot, afferma che ora sta assistendo a una rapida crescita della domanda in settori come la moda, la bellezza, i prodotti farmaceutici e i generi alimentari, così come il suo concorrente più temibile, Osaro. I clienti, una volta impegnati in programmi pilota, si stanno muovendo per integrare permanentemente i robot basati sull'intelligenza artificiale nelle loro linee di produzione.

Knapp, una società di tecnologia per la logistica di magazzino e uno dei primi clienti di Covariant, che ha iniziato a sperimentare la tecnologia alla fine del 2019, afferma di avere "una pipeline completa di progetti" a livello globale, tra cui il riadattamento di vecchi magazzini e la progettazione di nuovi magazzini ottimizzati per in cui i robot di Covariant lavorano a fianco degli umani.

Per ora, sono stati schierati circa 2.000 robot basati sull'intelligenza artificiale, con in genere un magazzino che ne ospita uno o due, stima Rian Whitton, esperto di mercato della robotica industriale presso ABI Research. Ma l'industria ha raggiunto un nuovo punto di svolta e prevede che ogni magazzino ospiterà presto fino a 10 robot, portando il totale a decine di migliaia nei prossimi anni. 

Una nuova ondata di automazione

Nell'ultimo decennio, le industrie della vendita al dettaglio online e delle spedizioni hanno costantemente automatizzato sempre più i loro magazzini, con le grandi aziende in testa. Nel 2012, Amazon ha acquisito Kiva Systems, un'azienda di robotica con sede nel Massachusetts che produce robot mobili autonomi, noti nel settore come AMR, per spostare gli scaffali delle merci. 

Nel 2018, FedEx ha iniziato a distribuire i propri AMR, progettati da una startup con sede nel Massachusetts chiamata Vecna Robotics. Lo stesso anno, il supermercato online britannico Ocado ha fatto notizia con il suo centro di distribuzione altamente automatizzato ad Andover, in Inghilterra, caratterizzato da una gigantesca griglia di robot che sfrecciano lungo impalcature metalliche.

Ma c'è un motivo per cui queste prime ondate di automazione sono arrivate principalmente sotto forma di AMR. Da un punto di vista tecnico, spostare oggetti dal punto A al punto B è una delle sfide robotiche più facili da risolvere. Il compito molto più difficile è manipolare gli oggetti per toglierli dagli scaffali e dai cassonetti, o imballarli, nel modo in cui i lavoratori umani fanno abilmente con le loro mani.

Si tratta del tipo di lavoro in cui sono specializzate le aziende di robotica di ultima generazione come Covariant e Osaro, una tecnologia che non è diventata commercialmente valida fino alla fine del 2019. A oggi questi robot sono più abili in semplici compiti di manipolazione, come raccogliere oggetti e metterli in scatole, ma entrambe le startup stanno già lavorando con i clienti su sequenze di movimenti più complicate, incluso l'impacchettamento, che richiede ai robot di lavorare con materiali crespi, fragili o traslucidi. Nel giro di pochi anni, qualsiasi attività che in precedenza richiedeva l'intervento umano potrebbe essere parzialmente o completamente automatizzata.

Alcune aziende hanno già iniziato a riprogettare i propri magazzini per sfruttare meglio queste nuove capacità. Knapp, per esempio, sta cambiando la disposizione del piano e il modo in cui indirizza le merci per tenere conto del tipo di lavoratore, robot o umano, che è più bravo a maneggiare prodotti diversi. Per gli oggetti che ancora mettono in crisi i robot, come le ceramiche delicate, un algoritmo di routing centrale li invierà a una stazione con raccoglitori umani. Gli oggetti più comuni, come articoli per la casa e materiale scolastico, saranno compito dei robot.

Derik Pridmore, cofondatore e CEO di Osaro, prevede che in settori come la moda, i magazzini completamente automatizzati potrebbero essere operativi entro due anni, poiché l'abbigliamento è relativamente facile da gestire per i robot. Ciò non significa che tutti i magazzini saranno presto automatizzati. Ce ne sono milioni in tutto il mondo, afferma Michael Chui, un partner del McKinsey Global Institute che studia l'impatto delle tecnologie dell'informazione sull'economia. "Il riadattamento di tutte queste strutture non può avvenire da un giorno all'altro", afferma.

Tuttavia, l'ultima spinta all'automazione solleva interrogativi sull'impatto su posti di lavoro e lavoratori. Le precedenti ondate di automazione hanno fornito ai ricercatori più dati su cosa aspettarsi. Un recente studio che ha analizzato per la prima volta l'impatto dell'automazione a livello aziendale ha scoperto che le aziende che hanno adottato i robot prima di altre nel loro settore sono diventate più competitive e sono cresciute di più, il che le ha portate ad assumere più lavoratori. "Qualsiasi perdita di posti di lavoro proviene da aziende che non hanno adottato i robot", afferma Lynn Wu, docente della Wharton e coautrice del documento. “Perdono competitività e poi licenziano i lavoratori”.

Ma come hanno già sperimentato i lavoratori di Amazon e FedEx, i lavori per gli esseri umani saranno diversi, alcuni direttamente correlati alla manutenzione e alla supervisione dei robot, altri agli effetti di secondo ordine dell'evasione di più ordini, che richiederebbero una logistica ampliata e operazioni di consegna. In altre parole, il lavoro con competenze medie scomparirà a favore del lavoro a bassa e alta qualificazione.

Ma invece di ostacolare la tendenza all'automazione, dicono gli esperti, è meglio concentrarsi sull'agevolare la transizione aiutando i lavoratori a riqualificarsi e creando nuove opportunità di crescita professionale. "A causa dell'invecchiamento, ci sono un certo numero di paesi nel mondo in cui la dimensione della forza lavoro sta già diminuendo", afferma Chui. “La metà della nostra crescita economica è derivata dalla crescita delle persone che hanno lavorato negli ultimi 50 anni, e la tendenza sta per invertirsi. L’imperativo è aumentare la produttività e queste tecnologie possono aiutare."Dobbiamo solo assicurarci”, conclude, “che i lavoratori possano condividerne i benefici".

(rp)